Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconChiesa
line break icon

Obolo, tasse e accuse di Fedez: tutta la verità sulle finanze del Vaticano

DONATION

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/07/21

Il Prefetto per la Segreteria per l'Economia rivela le vere cifre delle donazioni all'Obolo di San Pietro e come vengono usate. L'Amministratore dell'APSA smonta la polemica social del rapper

Finanze del Vaticano, ecco alcuni chiarimenti ufficiali sull’utilizzo dei fondi dell’Obolo di San Pietro e sul pagamento delle tasse allo Stato Italiano, dopo la polemica innescata da Fedez su Instagram

In occasione della colletta dell’Obolo di San Pietro (27 e 29 giugno in tutte le chiese) il Prefetto della Segreteria per l’Economia dello Stato Vaticano, il gesuita Juan Antonio Guerrero Alves, ha spiegato a Vatican News (27 giugno) in una intervista come vengono utilizzati i fondi raccolti: gli interventi caritativi e il contributo per il servizio del Papa alle Chiese nel mondo.

“La gente ha il diritto di sapere come spendiamo i soldi”

«Prima di tutto – dice il Prefetto – vorrei dire che la gente ha il diritto di sapere come spendiamo il denaro che ci viene dato. A volte le contraddizioni nascono dalla mancanza di conoscenza, che a sua volta può derivare anche dalla mancanza di trasparenza». 

L’Obolo gestisce i soldi destinata alla carità del Papa. «La carità – precisa Padre Guerrero – naturalmente, è offrire donazioni a Chiese locali, istituzioni, famiglie o persone bisognose. Ma non si tratta solo di denaro che arriva a Roma e che il Vaticano distribuisce in diverse parti del mondo per opere di carità. Questa è una parte dello scopo dell’Obolo. Ci sono cioè donazioni per l’Obolo che arrivano e sono immediatamente distribuite nei luoghi in cui c’è bisogno». 

21 milioni di euro

Per fare un esempio, «nel 2021, da quando è sotto la supervisione e il controllo della Segreteria per l’Economia, fino ad oggi l’Obolo ha ricevuto 21 milioni di euro in donazioni (qualcosa potrebbe ancora esserci dell’anno scorso che è arrivato in ritardo). Di questi, 8 milioni di euro sono stati distribuiti per l’evangelizzazione o per progetti sociali a sostegno delle Chiese bisognose, principalmente in Paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina. Lo sviluppo della prima metà dell’anno, quando vengono fatte più donazioni dirette, dovrebbe essere simile agli anni precedenti».

Come vengono usati i fondi dell’Obolo

Quindi i fondi dell’Obolo non vengono utilizzati solo per opere di carità. «Infatti – evidenzia il Prefetto della Segreteria per l’Economia – è pure importante spiegare e comprendere che parte della carità del Papa riguarda la sua missione di unità nella carità, che egli svolge attraverso i dicasteri e le istituzioni della Curia romana al servizio della Chiesa universale. Una parte del bilancio di alcuni dicasteri è destinata ad aiutare le Chiese nel bisogno e in situazioni umane difficili, ma questo di solito non è la parte principale della loro missione, che è piuttosto quella di offrire il loro servizio specifico alla Chiesa universale». 

Queste istituzioni della Curia «non hanno un reddito proprio, e in genere non ricevono un compenso finanziario per i loro servizi. Pensiamo al servizio dell’unità della fede, alla liturgia, ai tribunali della Chiesa, alla comunicazione del Papa, alla cura del patrimonio ricevuto nel corso dei secoli nella Biblioteca o negli Archivi, dove si conservano importanti documenti della storia dell’umanità, alle rappresentanze pontificie nel mondo, ecc. Questi servizi resi alla Chiesa universale non generano reddito e sono parzialmente finanziati dalla colletta dell’Obolo».

HONDURAS
L’Obolo di San Pietro finanzia mense e ospedali in tutto il mondo.

Il calo delle donazioni in numeri

La crisi economica causata dalla pandemia ha inciso molto nell’ultima raccolta dell’Obolo. «Abbiamo già notato – continua Padre Guerrero – una diminuzione della raccolta negli ultimi anni. Tra il 2015 e il 2019 la raccolta è diminuita del 23%. Oltre a questa diminuzione, nel 2020, il primo anno di Covid, le entrate dell’Obolo sono state inferiori del 18%. È probabile che la crisi legata alla pandemia si faccia sentire ancora quest’anno. Alcune donazioni ricevute hanno una precisa destinazione finale, altre sono offerte per il Santo Padre in generale». 

Nel 2019 la raccolta dell’Obolo è stata di 53,86 milioni di euro, così ripartiti: 43 milioni nel fondo generale dell’Obolo e 10,8 milioni con destinazioni particolari per situazioni di bisogno nella Chiesa e nel mondo. Nel 2020 la raccolta è stata di 44,1 milioni di euro così ripartiti: 30,3 milioni per l’Obolo generale e 13,8 milioni per destinazioni particolari.

Le “destinazioni particolari”

Per “destinazioni particolari”, conclude il Prefetto, «si intende parlare di donazioni mirate, per esempio, per la costruzione di chiese nei Paesi del terzo mondo, servizi sociali come ospedali per bambini o sostegno alle scuole in zone di povertà, sostegno alla presenza di comunità religiose in zone difficili a causa della violenza o della povertà, formazione di operatori pastorali, ecc». 

L’attacco di Fedez sulle tasse del Vaticano

Obolo ma non solo. Le finanze del Vaticano sono andate nel mirino del rapper Fedez. Dal suo profilo Instagram, che conta 12,6 milioni di followers, ha lanciato accuse al Vaticano sul tema degli immobili. 

«Amici», ha chiesto con ironia il cantante ai suoi seguaci, «voi avevate concordato qualcosa? Non avevamo concordato, amici del Vaticano, che ci davate delle tasse arretrate sugli immobili e che l’Unione Europea ha stimato in cinque miliardini o forse di più? In realtà non si sa, perché avete perso il conto degli immobili, ne avete troppi» (Il Giornale, 24 giugno).

Monsignor Nunzio Galantino, presidente dell’Apsa, l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica che gestisce gli immobili della Santa Sede, ha risposto duramente a Fedez. 

«L’unica risposta che si può dare a una persona disinformata sono le carte, i fatti. Non so se lo faccia per ignoranza o per malafede. Non ci sono alternative. A fronte di affermazioni che lui non può documentare, io posso invece documentare che il Dicastero che presiedo paga».

FEDEZ, RAP

Ecco la verità sulle cifre pagate

Galantino, a differenza di Fedez, fornisce dati e numeri sulle tasse pagate dal Vaticano: 

«Nel 2020 l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica ha pagato 5,95 milioni di euro per l’Imu e 2,88 milioni di euro per l’Ires. A queste vanno aggiunte le imposte pagate da Governatorato, Propaganda Fide, Vicariato di Roma, Conferenza Episcopale italiana e singoli enti religiosi. Nel 2019 abbiamo pagato oltre 9 milioni e 300 mila euro. Ed è tutto documentato! Poi se si vuole andare in processione con Fedez, si vada pure. Il problema è che qualcuno, pur sapendo queste cose, continua a dire che la Chiesa non paga…».

Vaticano e miliardi arretrati

Eppure Fedez parla di miliardi di euro di arretrati. «Chi dice che il Vaticano ha evaso 5 miliardi di Imu allo Stato – ribatte l’amministratore dell’Apsa – non offre nessun dato che permetta di verificare questa affermazione. Da chi denuncia la rilevante somma che il Vaticano avrebbe evaso bisognerebbe farsi dire: in base a quale legge, su quali immobili e in riferimento a quale periodo è stato quantificato il debito del Vaticano? Bisogna ribadire che sugli immobili dati in affitto quelli che rendono davvero da sempre le imposte vengono pagate senza sconti o riduzioni»

In passato, «le polemiche furono alimentate perché l’Ici prevedeva l’esenzione per gli immobili degli enti senza scopo di lucro, integralmente utilizzati per finalità socialmente rilevanti (come scuole, mense per i poveri o centri culturali). È da sapere che l’esenzione non riguarda solo la Chiesa, ma tutte le Confessioni religiose, i partiti, i sindacati ecc. Ho persino chiesto a coloro che fossero a conoscenza di evasione da parte di enti ecclesiastici, di denunciarli subito alle competenti autorità, assicurando il mio appoggio».

Antiriciclaggio: il rischio diventa medio basso

Anche sul fronte dell’antiriclaggio si sono fatti importanti passi in avanti per le finanze del Vaticano. 

La Santa Sede, infatti, è reduce da una minuziosa attività ispettiva da parte degli esperti di Moneyval – il comitato del Consiglio d’Europa che valuta periodicamente il grado di riciclaggio di denaro – è stato giudicato uno Stato in cui è presente un rischio «medio basso di riciclaggio di denaro» e un «basso rischio di finanziamento al terrorismo». Il giudizio – che è stato emesso dopo la sospensione dal gruppo Egmont durata due mesi, verso la fine del 2019 – è stato pubblicato nel rapporto Moneyval.  

I reati segnalati in Vaticano con maggiore frequenza dal 2013 ad oggi sono evasione fiscale (25,3%); frode (21,3%); appropriazione indebita (18,7%); beni fittiziamente registrati (9,3%); insider trading e abusi di mercato (6,7%); corruzione (6,7%) (Il Messaggero, 9 giugno). 

Tags:
obolo san pietro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni