Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconChiesa
line break icon

Sapevate che anche i santi erano grandi atleti?

SAINTS

Fair Use | Public Domain

Meg Hunter-Kilmer - pubblicato il 29/06/21

Lo sport può essere un ottimo mezzo nel tentativo di crescere nella disciplina e nella devozione

Nel mondo di oggi, è difficile abbracciare lo sport senza che questo diventi il centro della propria vita, o addirittura di quella della famiglia. Giocatori e tifosi possono essere tentati di trovare la propria identità nella propria performance, o in quella della squadra preferita. I santi che erano anche atleti ci mostrano però che è possibile equilibrare l’amore per lo sport con una vita centrata sulla preghiera e sul sacrificio, e ci ricordano che anche le persone con hobby ordinari possono diventare santi, e che lo sport può essere un ottimo mezzo nel tentativo di crescere nella disciplina e nella devozione.

San Joseph Mukasa Balikuddembe (1860-1885) era nato nell’attuale Uganda e divenne paggio alla corte del re, dove si convertì al cattolicesimo e alla fine venne scelto come leader della comunità cattolica. Come San Carlo Lwanga (che gli successe come guida dei paggi cristiani), Balikuddembe era un lottatore di talento. Era anche noto per essere un corridore rapido e molto resistente, e spesso correva per una cinquantina di chilometri per andare dai catecumeni nelle località più remote. Quando obiettò alla decisione del re di far uccidere un vescovo anglicano, ottenne il permesso (il giorno dopo) di rincorrere gli aguzzini e fermare l’esecuzione. Arrivò però troppo tardi: non riuscì a fermare l’esecuzione, e presto venne ucciso anche lui.

La Serva di Dio Rosa Giovannetti (1896-1929) era una catechista e violoncellista di talento, che girava l’Italia offrendo concerti di beneficenza a sostegno dei migranti e dei rifugiati, che serviva. Suonava anche il piano e amava nuotare, fare immersioni e andare in barca, partecipando occasionalmente anche a delle gare. Poco dopo i 30 anni, Rosa sviluppò una malattia della pelle estremamente dolorosa che la uccise quando ne aveva appena 33.

Il beato Alberto Marvelli (1918-1946) era un giovane ingegnere italiano, eccellente nuotatore e calciatore; giocava anche a pallavolo e a ping pong, spiccando, però, soprattutto nel ciclismo. Leader dell’Azione Cattolica, raccoglieva cibo e abiti e poi distribuiva tutto ai poveri, arrivando a donare le proprie scarpe o la sua bicicletta se trovava dei bisognosi. Fu anche membro della Resistenza, e liberava quanti erano stati arrestati dai nazisti e destinati ai campi di concentramento aprendo i vagoni dei treni in cui erano stipati. Dopo la guerra, Alberto ricevette il compito di assegnare gli alloggi, e in seguito corse per un incarico politico. Stava andando in bicicletta a un incontro elettorale quando venne investito da un camion e ucciso; dopo la sua morte, venne eletto a quell’incarico.

  • 1
  • 2
Tags:
santi e beatisport
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni