Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconNews
line break icon

Perché in alcuni luoghi si somministra una dose anziché due a chi ha già avuto il Covid-19?

SZCZEPIONKI NA KORONAWIRUSA

Yuganov Konstantin | Shutterstock

Inma Alvarez - pubblicato il 28/06/21

Osservando la letteratura scientifica al riguardo, la strategia della monodose ha vantaggi non solo personali, ma anche per il resto della popolazione. Ecco perché

Anche se al giorno d’oggi sempre più Paesi applicano una sola dose di vaccino a chi ha già contratto l’infezione da SARS-CoV-2 e ha meno di 65 anni, il dibattito politico sul tema prosegue. La letteratura scientifica è sempre più chiara al riguardo: le persone che hanno contratto la SARS-CoV- hanno la capacità di generare anticorpi a lungo termine, e quando il corpo ha già anticorpi propri contro questa infezione, una sola dosi conferisce una protezione sufficiente, come spiegano ad esempio otto ricercatori dell’Università del Maryland in una lettera pubblicata il 25 maggio scorso sulla rivista EBioMedicine, di proprietà di The Lancet.

Nella lettera, sostengono che “le prove emergenti nel mondo reale suggeriscono che le risposte a livello di anticorpi alla prima dose di vaccino in individui che hanno contratto l’infezione da SARS-CoV-2 sono uguali o superiori ai titoli anticorpali che si trovano in individui che non l’hanno contratta dopo la seconda dose”.

La scienza, a favore

Al di là del commento, c’è consenso nell’ambito scientifico: “Un numero crescente di studi scientifici indica che una sola dose di vaccino in persone che hanno già contratto l’infezione è sufficiente a generare livelli di anticorpi uguali o superiori a quelli che si osservano in persone che non l’hanno contratta e hanno ricevuto due dosi”, ha riferito a Verificat Adelaida Sarukhan, immunologa e redattrice scientifica di ISGlobal. “Si è anche constatato che la seconda dose in persone che hanno già contratto l’infezione non apporta grandi benefici (a livello di anticorpi)”, ha aggiunto.

A suo avviso, è probabile che le persone che hanno avuto l’infezione e hanno ricevuto una sola dose di vaccino “siano protette meglio, non solo dal livello di anticorpi, ma anche dalla diversità”. Quando qualcuno si contagia in modo naturale, con il virus intero, genera anticorpi e cellule T contro diverse proteine del virus, mentre i vaccini basati sulla proteina della spicola generano immunità concretamente solo contro la proteina Spike.

Vale come esempio di questo uno studio recente in cui si è osservato che gli anticorpi di persone che hanno già contratto l’infezione e hanno ricevuto una sola dose di vaccino hanno una maggiore capacità di neutralizzare le nuove varianti virali rispetto a quelli delle persone che non l’hanno contratta e hanno ricevuto due dosi di vaccino.

Questo se parliamo di anticorpi. Se ci concentriamo anche sulla durata dell’immunità naturale rispetto a quella generata dal vaccino, “si pensa che quella naturale sarà abbastanza duratura”, “anche se è presto per sapere quale sarà superiore”, e in secondo luogo questo non vuol dire che sia meglio contagiarsi che vaccinarsi: “I rischi associati all’infezione (morte, ricovero, Covid persistente) sono troppo grandi per persone di qualsiasi età. Le persone che hanno già contratto l’infezione, inoltre, hanno comunque bisogno di una dose di vaccino per essere ben protette di fronte alle nuove varianti”.

Una dose meglio anche a livello di popolazione

Al di là del beneficio personale, gli scienziati insistono sul fatto che questa strategia è utile a livello di popolazione, soprattutto tenendo conto del contesto di risorse limitate a nostra disposizione: “Cambiare la raccomandazione di vaccinazione attuale per fornire solo una dose di vaccino ai sopravvissuti al Covid-19 lascerebbe a disposizione molte dosi di vaccino di cui si ha urgente bisogno”.

Questo avrà ad esempio un impatto positivo su regioni in cui si sta ritardando la seconda dose per mancanza di vaccini: “Con i vaccini ulteriori a disposizione non ce ne sarebbe bisogno”, concludono gli esperti nella lettera.

Tags:
Tutto sui vaccini anti COVID-19
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni