Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconApprofondimenti
line break icon

Sant’Ireneo, l’“inventore” dei Quattro Vangeli

Fred de Noyelle / GODONG

Timpano della Primaziale di Saint-Trophime: Cristo in gloria circondato dei quattro viventi, simbolo degli Evangelisti | Provenza

Agnès Bastit-Kalinowska - pubblicato il 28/06/21

Perché sono quelli e proprio quelli, i libri fondamentali del Nuovo Testamento? Qual è il cuore del messaggio di ogni evangelista? È stato sant’Ireneo a codificare per noi questa lezione. Riscopriamo l’insegnamento di questo Padre della Chiesa, che fu il primo dottore ecclesiastico a parlare dei Vangeli.

Una delle mie amiche, un tempo commessa di vendita in libreria, mi raccontò questo scambio di battute con un cliente: 

Vorrei i tre Vangeli… 

Veramente… si vendono in confezioni da quattro! 

E va bene, allora facciamo quattro. 

Già: perché quattro vangeli? Per cominciare a rispondere alla domanda, bisogna rivolgersi all’opera di Ireneo di Lione – scrittore grecofono originario dell’Asia Minore che operò intorno al 180 della nostra epoca e che fu vescovo di Lione. La Chiesa d’Occidente lo festeggia il 28 giugno. 

Dalla memoria degli apostoli ai Vangeli 

Nella sua grande opera Contro le eresie, Ireneo è effettivamente il primo autore cristiano a parlare dei “Vangeli” – intesi come libri e al plurale –, nonché a interrogarsi sul loro numero. Prima di lui san Paolo, e poi sant’Ignazio di Antiochia, avrebbero parlato di “Vangelo” intendendo la proclamazione della salvezza in Gesù Cristo (donde ancora oggi la buona teologia, in italiano, usa distinguere col nome “Evangelo”, N.d.T.). Verso la metà del II secolo, san Giustino descrisse le assemblee cristiane come imperniate sulla lettura dei profeti e delle “memorie degli apostoli”, espressione che intende con massima probabilità i Vangeli: una ventina d’anni più tardi Ireneo avrebbe meglio precisato. 

Partendo dalla constatazione che quattro ben caratterizzati Vangeli fanno parte del patrimonio della Chiesa, egli li presenta anzitutto in riferimento all’autore, evocando rapidamente le circostanze della loro redazione: 

Così Matteo tra gli Ebrei pubblicò nella loro stessa lingua una forma scritta del Vangelo, mentre a Roma Pietro e Paolo predicavano il Vangelo e fondavano la Chiesa. Dopo la loro morte Marco, discepolo e interprete di Pietro, ci trasmise anch’egli per iscritto ciò che era stato predicato da Pietro. Quindi anche Luca, compagno di Paolo, conservò in un libro il Vangelo da lui predicato. Poi anche Giovanni, il discepolo del Signore, quello che riposò sul suo petto, pubblicò anch’egli il Vangelo, mentre dimorava ad Efeso in Asia. 

Iren., Contro le Eresie III,1,1

Da Matteo a Giovanni, dalla prima predicazione palestinese fino all’esperienza giovannea ad Efeso, la capitale colta della provincia d’Asia, passando per la messa per iscritto delle predicazioni di Pietro e Paolo (rispettivamente da Marco e Luca), i Vangeli si aggiungono così gli uni agli altri fino a costituire un insieme di quattro testimonianze. Ce ne sono dunque quattro perché sono quattro, né più né meno. 

Le quattro facce del Verbo divino 

Un poco oltre, Ireneo evoca due pericoli legati ai gruppi di cristiani devianti, detti “gnostici”, contro i quali polemizza: 

  1. da una parte la proliferazione, in alcune di queste comunità, di altri “Vangeli” dalla tonalità assai spirituale (il Vangelo di Verità, il Vangelo di Filippo eccetera); 
  2. dall’altra la riduzione a un solo Vangelo, in tentativi come quello di Marcione, che si attenne al solo testo lucano (per via del suo legame con il prediletto Paolo), e neanche tutto intero. 

I “Vangeli” marginali non lo convinsero, ed Ireneo sembrava temere soprattutto l’impoverimento per riduzione del patrimonio evangelico. Il suo pensiero si volse allora alla meditazione, ma diciamo pure alla contemplazione del dono di Dio nella sua azione rivelatrice. 

Perché la Chiesa riconosce quattro Vangeli, e qual è la portata di questo numero piano ed equilibrato? Egli si lascia qui guidare da due grandi visioni bibliche, nella quali traspare la continuità profonda tra l’antico e il nuovo testamento: 

  • quella che apre il libro del profeta Ezechiele, in cui con un potente dinamismo la gloria di Dio appare in mezzo ad esseri viventi con quattro volti; e 
  • quella del quarto capitolo dell’Apocalisse, che descrive il trono di Dio circondato da quattro vivendi. 

La parola che normalmente si traduce con “vivente”, come anche qui abbiamo fatto, è in greco semplicemente la parola “animale” o “essere animato” – che include anche l’uomo. 

Sulla base di queste immagini bibliche, è chiaro per Ireneo che si tratta di una manifestazione del Figlio di Dio fatto uomo, del Verbo divino che si rivela mediante quattro “volti” di sé stesso, che egli svela attraverso questi “viventi” che l’accompagnano e lo circondano, insomma che queste visioni non sarebbero altro che una profezia di Cristo sui quattro Vangeli e sulla Chiesa. E siccome quest’ultima è missionaria e l’Evangelo è destinato ad essere portato ai quattro angoli della terra, questa immagine mostra anche come un unico Signore Gesù Cristo porti la salvezza a tutti. 

Il messaggio di ogni Vangelo 

Lasciato da parte Ezechiele, Ireneo si concentrò sulla visione dell’Apocalisse, che sulla scia del testo veterotestamentario enumera «una sembianza di leone, una sembianza di vitello (o di giovane toro), una sembianza d’uomo e una sembianza d’aquila» (Ap 4,7) per descrivere i quattro esseri viventi. E difatti il Figlio di Dio fatto uomo è anzitutto unito al Padre e detentore con lui della potenza divina (il leone), ma è pure il sommo sacerdote, l’intercessore unico che ha offerto il vero sacrificio per la salvezza del mondo (il vitello o il giovane toro dei sacrificî espiatorî del culto giudaico); naturalmente è pure uomo, essendosi fatto uno di noi, e poiché ci porta verso il Cielo e ci manda lo Spirito, assomiglia a un’aquila in volo. A partire da questo, sulla base forse di tradizioni orali anteriori, Ireneo tentò di applicare questa intuizione ai quattro Vangeli concretamente recepiti dalle Chiese. 

Il Vangelo di Giovanni, fin dal suo Prologo, manifesta particolarmente la grandezza e la maestà divina del Verbo, anche in quanto uomo. Il Vangelo di Luca si apre su una scena di culto sacrificale nel tempio di Gerusalemme, e soprattutto mette al proprio centro – attraverso la parabola “del figlio prodigo” – il vitello grasso che il Padre ha sacrificato «per il ritorno del figlio» (cf. Lc 15,23). In Matteo Cristo appare veramente uomo, con la sua genealogia, mediante il legame che mostra per il proprio popolo e per la legge – nonché per la pazienza che ne lo manifesta «mite e umile di cuore» (Mt 11,29). Marco infine si apre con lo choc dello Spirito, che cala su Giovanni Battista e lo rende «voce di Dio nel deserto» (cf. Mc 1,3) e si chiude su Gesù «elevato al cielo e seduto alla destra del Padre», nonché sulla predicazione ispirata degli apostoli che portano la parola «dappertutto» (Mc 16,19-20): si tratta dunque di un Vangelo che manifesta l’azione dello Spirito, plasticamente reso col volo dell’aquila. 

L’immagine degli animali 

A questo punto, ci si sorprenderà forse delle identificazioni tra le facce (o immagini) dei viventi: la tradizione di cui dà testimonianza Ireneo, e che si sarebbe attestata in diverse Chiese fino alla fine del IV secolo, associa infatti Giovanni al leone e Marco all’aquila, come abbiamo visto. Ora, l’attribuzione degli animali divenuta corrente in Occidente non è questa, perché se Matteo è sempre legato alla figura d’uomo e Luca a quella del bovino, gli animali associati a Marco e a Giovanni sarebbero stati invertiti dal biblista san Girolamo, che avrebbe preferito partire dalla visione di Ezechiele e dal suo ordine “uomo-leone-vitello-aquila” (Ez 1,10) – ordine che avrebbe sovrapposto a quello redazionale dei Vangeli così come si trovava in Origene (è l’ordine giunto fino alle nostre edizioni; Matteo, Marco, Luca e Giovanni). 

La si pensi come si vuole in merito a queste due versioni, ma l’idea centrale di Ireneo è sempre percettibile sui timpani o sulle vetrate delle chiese medievali (e prima ancora sui mosaici nei catini absidali): un unico Verbo di Dio, il Signore Gesù Cristo, si offre a conoscenza attraverso le quattro principali dimensioni della sua opera di salvezza, nel tesoro che per la Chiesa è in eterno lo scrigno dei Vangeli. Quattro: né più né meno. 

Conferenza della prof.ssa Agnès Bastit-Kalinowska, Lione, 8 ottobre 2020

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
patristicavangelivangeli apocrifivangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni