Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconFor Her
line break icon

Suor Melania, da 60 anni è una mamma per le ‘Apette’ di Santa Rita

SUOR MELANIA, RITA CASCIA

Alveare di Santa Rita | Facebook

Annalisa Teggi - pubblicato il 25/06/21

Da 80 anni l'Alveare di Santa Rita accoglie bimbe e bimbi, dando loro una casa e un'educazione. E' uno dei fiori di carità più grandi sbocciati nel Monastero di Cascia e Suor Melania ne è il volto materno da 60 anni.

Suor Melania, 60 anni di carità

A Cascia, nel monastero di Santa Rita si è festeggiato. Ieri c’è stata per celebrare i 60 anni di professione religiosa di Suor Melania. A noi questo nome potrà dire ben poco, perché qui entra in gioco la logica opposta a quella degli influencer.

Quando il cuore e le mani sono davvero all’opera, non è detto che siano visibili. Queste anime davvero presenti alla vita non hanno followers, ma generano figli. Anche dalla clausura. Suor Melania nel corso della sua vita da religiosa è diventata madre di tantissime bambine e bambini che hanno trovato accoglienza nell’Alverare di Santa Rita.

È passato molto tempo da quando Maria (questo è il nome di battesimo di Suor Melania), a 22 anni scappò dalla sua casa nelle Marche per amore del Signore e raggiunse a piedi Cascia, dove ha realizzato il suo desiderio di diventare monaca.  

Da Santa Rita da Cascia

La scelta di una vita nascosta le ha permesso di essere completamente dedicata alla carità e alla preghiera. Da 80 anni a questa parte il monastero di Santa Rita da Cascia accoglie bambine e bambini che provengono da situazioni di disagio. Vengono aiutati ed educati nell’Alveare di Santa Rita, diventano ‘Apette’ e ‘Millefiori’. Ancora una volta i santi si dimostrano più vivi che mai, come un fiume sotterraneo: invisibile dalla superficie, nutre la terra dalle radici.

L’Alveare di Santa Rita

Rita da Cascia è una delle sante più amate di sempre, sarà per quella sua vocazione alle ‘cause impossibili‘. Tantissimi la invocano e tantissimi la ringraziano con offerte che il monastero traduce in carità. Una delle opere più imponenti nate dalla carità fiorita (… aggettivo quasi d’obbligo in questo caso) attorno a questa Santa è proprio l’Alveare.

Ne racconta l’anima la Madre Priora del Monastero di Santa Rita, Suor Maria Rosa Bernardinis:

L’Alveare di Santa Rita è il progetto di accoglienza del Monastero Santa Rita da Cascia che, da oltre 80 anni, si prende cura di bambine e ragazze provenienti da famiglie in difficoltà economica e sociale. È la nostra più importante opera di carità, nata dall’esempio di Santa Rita e fondata nel 1938 dall’allora Badessa, Madre Maria Teresa Fasce, che oggi è Beata.

Si tratta di una struttura, attaccata al nostro monastero, dove, grazie al lavoro di un gruppo di educatrici professionali, crescono diversi minori, che con affetto chiamiamo Apette e Millefiori. Le Apette sono le giovani che arrivano da tutta Italia e non solo e vivono nell’Alveare: qui trovano un posto accogliente, fatto d’amore e serenità, ma anche e soprattutto un luogo di confronto e maturazione da cui uscire arricchite e forti, pronte per affrontare il mondo. Al tempo stesso, l’Alveare è luogo di crescita anche per i Millefiori, bambine e bambini del territorio circostante a Cascia, che qui coltivano le normali attività legate al dopo scuola e al tempo libero: i compiti, i giochi, lo sport e i laboratori creativi e di manualità. Tutti loro nell’Alveare trovano un nido sicuro, in cui costruire un futuro migliore, grazie al sostegno di tanti.

Da Acistampa

Dunque è una storia vecchia di 80 anni, ma fresca e profumata di bene come appena sbocciata. Essendoci di mezzo dei santi, tutto nasce da un’attenzione solerte alla realtà e da una scelta … trasgessiva.

Era il 1938 quando venne accolta nel monastero la prima ‘apetta’. Si chiamava Edda Petrucci ed arrivò a Cascia in pellegrinaggio con la madre, vedova. La donna chiese alla superiora, la beata Maria Teresa Fasce, di dare ospitalità alla piccola non avendo di che provvedere al suo sostentamento. Madre Fasce, trasgredendo alle regole della clasura, tenne la bimba che fu soprannominata Mercede, perché era arrivata nel giorno in cui la Chiesa ricorda la Madonna della Mercede, il 24 settembre. Un simile gesto di carità non passò inosservato e la comunità locale offrì generosamente il suo aiuto, donando ciò che poteva.

Madri … in clausura

Tra le tante meraviglie che traboccano da questa storia c’è anche quello di un esempio incarnato di vera maternità spirituale. Quella prima ‘apetta’ venne accolta proprio nel monastero, poi nel corso del tempo l’Alveare è diventato una struttura separata dal luogo in cui le monache vivono la loro clausura. A seguire i bambini (di età dai 6 ai 18 anni) ci sono educatrici e c’è Suor Melania che, da 60 anni a questa parte, porta l’abbraccio dal monastero all’Alveare. Tra i tanti auguri che le sono arrivati, si legge che molte ragazze diventate donne la considerano una mamma. Fu così da quando Madre Fasce cominciò quest’opera di carità; una suora dell’epoca diede questa testimonianza sulla superiora:

Si faceva bambina in mezzo a loro, le vestiva da
bambole, le faceva giocare, e lei lì, seduta sul seggiolone,
sofferente, sembrava che non avesse altra preoccupazione
che quella di far divertire loro

Quest’immagine è un balsamo che può lenire tante ferite nate dal ricatto contemporaneo sul diventare madri a tutti i costi. Molte donne vivono con grande sofferenza la difficoltà di non poter concepire figli naturalmente, e non c’è atrocità peggiore di quella di costringerle a credere che il loro desiderio vada inseguito con le unghie e coi denti a forza di tecniche invasive e disumane. La carità, e non la scienza, può rendere madri anche chi non lo diventa biologicamente. Questa è la proposta testimoniata da donne vere, che hanno scelto la verginità e la clausura: dire eccomi lì dove un’anima orfana (in senso reale o simbolico) chiede di non essere abbandonata all’indifferenza.

Cosa c’entrano le api con Santa Rita?

Sono tanti i simboli legati a Santa Rita, la rosa prima di tutto. Sono certa che qualche penna impavida sarebbe pronta a dipingere la santa di Cascia come un’icona dell’ecologia ante-litteram. E non c’è insetto oggi più osannato delle api, la cui riduzione ed eventuale scomparsa può seriamente compromettere l’esistenza dello stesso genere umano. Tante sono le campagne che ne promuovono la difesa. Agli amanti della letteratura il mondo delle api fa venire in mente gli autori che fin dalla classicità usavano la metafora del miele per riflettere sulla capacità di sintesi e creatività (volare di fiore in fiore e poi produrre qualcosa di nuovo e dolce).

Nella storia di Santa Rita trova unità quel ora si suddivide tra ecologia ed erudizione.

Il quinto giorno dopo la sua nascita, mentre la piccola Rita riposa nella culla, posta nel giardino della casa paterna, delle api cominciano a entrare e uscire dalla sua bocca, senza pungerla. Un contadino, mietendo in un campo poco distante, si taglia profondamente una mano con la falce. L’uomo comincia a perdere molto sangue e lascia frettolosamente il lavoro in cerca d’aiuto. Nel passare accanto alla piccola Rita, si accorge delle api che le ronzano attorno al viso e fa un gesto con la mano per allontanarle. Nel ritirare la mano a sé, si accorge con stupore di essere guarito.

Da Santa Rita da Cascia
Ste Rita (détail), sculpture du XXe s., Santa Maria della Vittoria, Rome, Italie.

Verrebbe da dire che la categoria dell’impossibile entrò molto presto nella vita di Rita. Tutte le presenze parlano del disegno del Creatore a chi guarda il mondo con uno sguardo intero, che non separa l’occhio dello scienziato da quello del filosofo. L’ape punge e fa il miele, è operosa e non sta sola. C’è un Amore che fa male per poi addolcire ogni piaga, che si è fatto compagnia per l’uomo.

Quell’Amore fu ciò da cui Rita non tolse lo sguardo e quando Madre Teresa Fasce si trovò a dover dare un nome all’ipotesi di carità che le capitò tra le mani, pensò all’alveare, un luogo di operosità e compagnia che non si lascia sfuggire nessun fiore del prato per ricavarne un nutrimento per tutti.

Tags:
bambinisanta rita da casciasuora
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni