Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconArte e Viaggi
line break icon

Un crocifisso realizzato da un prigioniero di guerra

FRENCH POW

Photo Josse | Leemage | AFP

Lucien de Guise - pubblicato il 24/06/21

I prigionieri di guerra cattolici francesi del periodo delle Guerre Napoleoniche realizzarono complicati oggetti devozionali come questo crocifisso

Il rapporto tra Francia e Inghilterra è stato spesso peggiore di quello che è oggi. Molte volte non pensiamo ai prigionieri di guerra del passato, ma 100.000 soldati francesi si ritrovarono loro malgrado in Inghilterra durante le guerre napoleoniche.

Avendo moltissimo tempo a disposizione, alcuni prigionieri crearono oggetti accuratissimi da ossa di animali. Le navi erano il soggetto preferito, accanto a oggetti con scopo pratico come i set per giocare a domino. I prigionieri più devoti realizzarono oggetti devozionali. Un elemento comune della loro opera era il fatto di praticare fori nelle ossa – una semplice forma di decorazione disponibile a prigionieri con kit di strumenti severamente limitati.

In altri punti del crocifisso che mostriamo, altri pezzi di osso sono stati usati per creare piccoli motivi floreali leggermente diversi da quelli usati per decorare le croci francesi tipiche di quel periodo. Chi ha realizzato questo crocifisso aveva accesso sia all’osso che al legno, probabilmente riciclato da vecchie casse.

Dove non c’era altro se non resti di animali con cui lavorare, si sovrapponevano le ossa a creare un contrasto.

In questo caso, il Corpus Domini è un oggetto di devozione personale in cui spicca più la serenità del volto del Signore che la qualità dell’artefatto.

Il Museo virtuale della Croce

Questo crocifisso dell’inizio del XIX secolo fa parte della collezione del Museo della Croce, la prima istituzione dedicata alla diversità del simbolo più potente e dalla portata più ampia della storia. Dopo dieci anni di preparativi, il museo era quasi pronto per l’apertura, ma poi è scoppiata la pandemia di Covid-19. Nel frattempo, il museo virtuale ha avviato un account Instagram per coinvolgere i lettori di Aleteia e la storia dei loro crocifissi: @crossXmuseum

Tags:
crocifissoguerra
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni