Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconFor Her
line break icon

Diploma postumo col massimo dei voti a Mirko che ha salvato la mamma sacrificando sé stesso

IANAS Ipsia Agrario Nautico Alberghiero Sociosanitario via Facebook

Silvia Lucchetti - pubblicato il 21/06/21

Mirko Farci, un giovane di 19 anni, ha dato la vita per difendere la mamma dall’aggressione dell’ex compagno che non accettava la fine della relazione. Il 19 giugno gli è stato conferito il diploma di maturità col massimo dei voti con una sentita e partecipata cerimonia.

“Gli abbiamo dato 100, perché avere salvato la vita della madre quanto può valere se non il massimo?”

Diploma di Maturità postumo, e con il massimo dei voti, per Mirko Farci, il ventenne ucciso a Tortolì, in Sardegna, mentre tentava di difendere sua madre dalla furia di Masih Shahid, 29enne pakistano ed ex compagno della donna.

Fanpage

Con una cerimonia sentita e composta i compagni, i docenti e l’intera commissione d’esame dell’Alberghiero Ianas gli ha conferito il diploma postumo con il massimo dei voti perché non c’è un amore più grande e un valore più alto, in questa vita, che offrirla fino in fondo per chi si ama.

La scuola, così si legge su La Nuova Sardegna, ha organizzato l’evento proprio nel giorno in cui Mirko avrebbe davvero dovuto conseguire il diploma di maturità.

Non c’è prova più grande che si è davvero diventati uomini adulti che questa grande capacità di sacrificio, quello che ci permette di diporre di noi a vantaggio, a difesa di chi amiamo.

Erano presenti anche il fratello Lorenzo, la zia e tutti i suoi compagni di classe.

Oltre al diploma gli è stata dedicata anche una targa che recita:

“A Mirko Farci, in ricordo del suo gesto, per noi una grande lezione di vita”.

(aggiornato il 21 giugno 2021)

Mirko Farci, un giovane di 19 anni, è stato ucciso all’alba di martedì scorso a Tortolì in provincia di Nuoro, per difendere la mamma dall’aggressione dell’ex compagno, Masih Shahid, un operaio pakistano di 29 anni.

Con il suo corpo ha fatto scudo alla madre, aggredita e colpita ripetutamente con un coltello, per proteggerla e salvarla dalla furia di un uomo che voleva annientarla. Si è frapposto tra lei e il suo omicida, con un coraggio e un amore che tolgono il fiato.

La madre in ospedale lotta tra la vita e la morte

E così, con il suo sacrificio, ha permesso alla madre, Paola Piras, 50 anni, di sopravvivere. La donna dopo un lungo intervento sta lottando fra la vita e la morte. Con la speranza che si riprenda, chiediamo a Dio di sostenerla non solo nella battaglia per il recupero fisico, ma soprattutto in quella emotiva dovendo accettare la morte di un figlio per difenderla.

L’assassino è stato trovato dai Carabinieri mentre cercava di nascondersi in campagna, e dopo le manette ha rischiato il linciaggio da parte di una folla accecata dal dolore e dalla rabbia.

La dinamica dei fatti

L’uomo recentemente era stato arrestato per stalking, e poi destinatario di una misura di divieto di avvicinamento alla donna. Quella mattina un parente di Paola che vive in un altro appartamento della palazzina, sentendo le urla ha dato l’allarme. Masih Shahid è entrato nell’abitazione arrampicandosi attraverso un pluviale, sorprendendo così madre e figlio nel sonno.

Immaginiamo l’ultima serata di Mirko e sua mamma

Chissà che serata sarà stata quella per loro, l’ultima insieme: la cena, le chiacchiere, la tv, i piatti da lavare. “Che hai fatto oggi?”, “hai sistemato la camera?”, “domani che ti va di mangiare?”. Mirko a qualche domanda avrà risposto, ad altre forse avrà bofonchiato qualcosa come fanno spesso i suoi coetanei. Un occhio al cellulare, l’altro al piatto. Poi magari un bacio rubato dalla mamma sulla fronte, una carezza al ciuffo ribelle mentre si dirige nella sua stanza. Paola con la coda dell’occhio lo segue come per benedirlo. E poi il sonno, e prima di addormentarsi un ultimo sguardo a whatsapp, un calcio ai talloni per togliersi le scarpe, il tuffo sul letto a peso morto.

A peso morto.

Che paura i modi di dire in alcuni momenti della vita.

Dare la vita per amore

E poi forse, come nei peggiori incubi, Mirko si sarà svegliato in preda alla paura subito abbandonata per scagliarsi contro l’uomo che aveva già ferito la mamma. Lo stesso coltello sporco del sangue della donna lo ha ucciso.

Il ragazzo non ce l’ha fatta, letali le pugnalate al petto che hanno raggiunto i polmoni decretandone poco dopo la morte. Una morte che ci parla, come tutte le morti parlano, ma alcune sono più eloquenti. Quella di questo giovane morto da uomo vero mi fa venire in mente parole come onore, coraggio, sacrificio, amore.

E questo amore, questo saper amare sul serio gettando il cuore oltre l’ostacolo, sporcandosi le mani, andando fino in fondo, glielo avrà insegnato sicuramente sua madre.

Il sacrifico di Mirko

Mirko, secondo di tre fratelli, tifoso della Juve, il volto pulito e sorridente, tra un mese avrebbe compiuto 20 anni e questa estate si sarebbe diplomato come chef, la sua passione che avrebbe voluto trasformare in lavoro. Frequentava la V C dell’Istituto alberghiero Ianas di Tortolì che stamattina lo ha omaggiato con una manifestazione silenziosa, una catena umana fino a sotto casa sua, nel rispetto delle norme Covid per ribadire il no alla violenza. Alle 17 il funerale presieduto dal vescovo di Lanusei, monisgnor Antonello Mura, nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe.

I sogni di Mirko

Mirko Farci sognava di viaggiare per conoscere il mondo, e invece la follia di un uomo che non sapeva accettare la fine della relazione con la madre, lo ha spedito all’altro mondo negandogli la possibilità di fare un mucchio di cose, che a elencarle viene il magone, ma senza potergli impedire l’unica necessaria, che rende la vita degna: quella di amare l’altro, di prendersi cura di qualcuno.

Chi riverisce la madre, è come chi accumula tesori

C’è un frase di don Fabio Rosini che racchiude bene questo pensiero:

Questa è la domanda ultima, quella che mi farò prima di morire: ho dato la vita per qualcuno? ho dato felicità vera a qualcuno? Quella mi inchioderà, mi dirà la verità della mia esistenza. Vedendo arrivare il mio ultimo giorno mi chiederò se ho fatto qualcosa di buono per qualcuno. Avrò vissuto veramente se potrò rispondere di sì.

Sono certa che in Cielo Mirko avrà ricevuto il centuplo perché nel Siracide c’è scritto:

Chi riverisce la madre, è come chi accumula tesori.

Lui, martire per amore, ha fatto la cosa più grande, come c’è scritto nel Vangelo di oggi:

Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. 

Il ricordo della sua insegnante

Luisa, una delle professoresse del ragazzo, ha scritto un messaggio commovente:

Sei stato un alunno meraviglioso e non sono parole di convenienza, sono tutte vere, buono, gentile, sempre sorridente e bello. Mi dicesti che tu a casa ci stavi davvero bene ed è proprio lì che ti ha tolto la serenità quel mostro che altro non può chiamarsi…difendere gli altri era il tuo motto e te lo sei portato addosso sino ad oggi e per sempre… Oggi vestiamo un lutto così grande e profondo, a scuola tutti a stare in un silenzio assordante, tutti uniti nel dolore e nel rispetto, tutti ad avere un cuore logorato da questo mondo così strano che dal bello in un attimo passa al crudele. Oggi tutti a pregare e meditare, a capire perché tutto ci sembri spesso così lontano da noi ma molte volte è più vicino di quanto si pensi. Non si può giustificare un atto così vile e mostruoso, oggi piangiamo un grande, un ragazzo speciale da sempre… Oggi piango per te che sei stato tra gli alunni più rispettosi e gentili, buoni e fiduciosi nella vita, volenterosi e amato da tutti. Oggi è un brutto giorno. Dio confido in te, aiuta la mamma che alla vita rimane attaccata per un filo, aiuta il fratellino, i nonni, gli zii e la zia Stefania. Aiutaci a superare questo momento tragicamente indescrivibile. Rip, ciao Mirko.

(Corriere)

Mirko, un nome che nell’etimologia ha a che fare con la gloria e la pace, siamo certi che ora gode di entrambe nella Gerusalemme Celeste.

Tags:
cronacafigliomamma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni