Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Più siamo puri di spirito, e più avremo la protezione dell’angelo custode

Invocare il proprio angelo: una pratica che ci fa sentire protetti.

Questo santo ebbe un rapporto "dialogico" con i messaggeri celesti.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 18/06/21

Questa relazione la spiegano un importante santo teologo e un prete che ha trascorso la sua vita a diffondere la devozione per gli angeli

Più si è puri di spirito, e più l’angelo custode ci protegge. “Un’anima pia –  afferma san Bernardo – non è mai dimenticata dal suo Angelo protettore. Sapendo benissimo il tenero amore che Dio gli porta, egli vigila incessantemente nel conservargli la purezza, e non ha nient’altro a cuore che di presentarla a quel celeste Sposo, ancora vergine e senza macchia… Non avete letto nel Libro di Giuditta, la riconoscenza di questa santa donna per la protezione con cui il suo Angelo custode l’aveva ricoperta?”. 

“Via il Signore!, diceva lei, poiché il suo Angelo mi ha custodita alla mia uscita, durante il mio soggiorno nel campo di Oloferne e nel mio ritorno qui; di modo che io ritorno presso di voi con una purezza senza macchia” (San Bernardo, Sermone 39 in Cantico).

SPOSOBY ŚWIĘTYCH NA POKORĘ
San Bernardo (1090-1153). 20 agosto.
Abate di Chiaravalle, monaco borgognone, grande riformatore dell’ordine cistercense e della Chiesa medievale. «Il primo dovere dell’uomo che vuole praticare la sapienza sta nel vedere ciò che è, ciò che c’è in lui, sotto e sopra di lui, di fianco a lui, davanti e dietro a lui. Questa considerazione, ben fatta, produce eccellenti frutti: il disprezzo di sé, la carità verso il prossimo, il disgusto del mondo, l’amore di Dio».

Padre Corte e l’angelo custode 

Ecco un fatto della vita, riportato dal padre Coret, un grande diffusore della devozione agli angeli, che mostra bene anche con quale cura l’Angelo custode vigila sulla virtù della purezza.

“Traggo, dice il Padre Gesuita Coret, da un predicatore molto virtuoso e degnissimo di fede, il seguente fatto: In una città dell’Artois (regione francese), nell’anno 1640, un giovane gentiluomo, bello come un Angelo, venne a trovarmi per pregarmi di impedire al più presto che uno scolaro, molto raccomandabile per la sua virtù, non avesse a che fare la sua collusione con dei libertini che lo avevano invitato. Si tratta in effetti della sua purezza, se vi va sotto il pretesto della collusione, vi si  nasconde un disegno disgraziato ch’egli non sospetta”. Ebbi subito il pensiero che quegli che mi parlava fosse un Angelo; e mi sentii preso d’un tale timore misto ad una sì indicibile dolcezza, che le lacrime mi vennero agli occhi e che mi fu appena possibile rispondere. Quello che mi confermò, nel mio pensiero, è che il timore seguiti ad una simile gioia è il normale effetto dell’apparizione degli Angeli buoni”. 

“Questo scolaro è puro come un angelo”

Padre Corte dice di aver acquisito maggior convinzione “quando, dopo avergli chiesto con rispetto chi fosse, da come conoscesse quel fanciullo, come aveva appreso il tranello teso alla sua innocenza, egli si accontentò di rispondermi: “Questo scolaro è puro come un Angelo; Dio lo ama straordinariamente; il suo Angelo tutelare si sforza di conservare la sua innocenza, ed io so da fonte certa il disegno formato contro di lui. Per voi, non cercate affatto di sapere chi sono e da dove vengo. Basti che riconosciate che Dio mi ha inviato per impedire un sì grande male”.

“Del resto siate persuaso che, come il demonio non dimentica niente, per corrompere la gioventù, così l’Angelo custode fa tutti i suoi sforzi per preservarla”. Dopo quelle parole, egli prese congedo dal Padre che, avendo avvisato lo scolaro ed i genitori di ciò che veniva dall’apprendere, percorse tutta la città, per ricercare quell’insigne benefattore, ma inutilmente, nessuno l’aveva mai visto (Catechismo in esempi, t. 1, p. 116). Pieno di fiducia nella protezione sempre efficace del mio Angelo custode, io voglio, come quella fervente figlia di beata Teresa del Santissimo Sacramento, “stabilirlo portinaio del mio cuore””.

Tags:
angeliangelo custode
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni