Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconFor Her
line break icon

Lezioni da una mistica cristiana medievale sulla depressione post-partum

MARY OF KLOPAS

Rogier van der Weyden | Public Domain

padre Michael Rennier - pubblicato il 15/06/21

La vita affascinante di Margery Kempe può ispirare le donne moderne a far fronte alla malattia e a guarire

Ho conosciuto madri che poco dopo aver partorito erano diventate così depresse da essere fisicamente incapaci di prendersi cura del proprio figlio. Crea un senso di fallimento. Oltre alla sofferenza di un’intensa depressione post-partum, che è già abbastanza difficile, queste donne soffrono per il fatto di non riuscire a prendersi cura del figlio. Immagino che il peso a livello psicologico sia enorme. Vogliono disperatamente assumere il loro ruolo materno, prendersi cura del proprio bambino, ma fisicamente non sono in grado di farlo.

Chi non è mai stato depresso potrebbe meravigliarsi all’idea che questa malattia possa far stare così male qualcuno da non poter gioire per la nascita di un bambino. Non sono una madre, ma ho sofferto di depressione, e ci sono stati giorni in cui riuscivo a malapena a prendermi cura di me stesso. Non riesco nemmeno a immaginare di dover curare anche qualcun altro in quei momenti oscuri. È difficile spiegare cosa si prova, ma è davvero debilitante. Anche se la depressione non è una ferita visibile dall’esterno, è molto reale. Allo stesso tempo, una persona che soffre di depressione non può evitare di pensare che si sta abbattendo e sta abbattendo gli altri, il che peggiora le cose.

La depressione post-partum è una malattia seria – ne soffre circa il 15% delle donne –, ed è presente fin dalla notte dei tempi.

Un amico mi ha parlato di recente di Margery Kempe, una donna inglese vissuta all’inizio del XV secolo, e di come sembri aver sofferto di depressione dopo la nascita del suo primo figlio. Una diagnosi di depressione non sarebbe esistita all’epoca, ma abbiamo degli indizi dalla sua descrizione della propria vita. Margery in seguito divenne famosa come veggente spirituale che dettò le sue visioni di Cristo in quello che è noto come Il Libro di Margery Kempe, nel quale descrive come da giovane abbia condotto una vita piuttosto normale. Apparteneva alla classe media, era interessata alla moda e sposò John Kempe, un uomo che la trattava gentilmente.

Tutto cambiò con la nascita del primo figlio. Margery ricorda che durante la gravidanza sperimentò “grande malessere fisico, per il quale perse la ragione per molto tempo”. “Dopo aver concepito”, continua, “venne afflitta da vari attacchi di malattia fino alla nascita del bambino”. Il parto la lasciò così debole che pensò che non sarebbe sopravvissuta. Si riprese piuttosto bene e sembrava essere a posto dal punto di vista fisico, ma è qui che la sua storia subisce una svolta.

Margery si era sempre definita di tendenze depressive, pensando che meritava di morire e di andare all’inferno per via di peccati segreti e inconfessati. Dopo la nascita di suo figlio, le sue condizioni mentali si deteriorarono rapidamente. Disse di se stessa: “Questa creatura è uscita di senno ed è stata straordinariamente disturbata e tormentata dagli spiriti per sei mesi, otto settimane e strani giorni”. Ebbe visioni del demonio, che le disse di abbandonare fede, famiglia, amici, speranza del Paradiso e autostima.

Margery scrisse: “Si sarebbe uccisa varie volte”. Non tentò mai il suicidio, o almeno non ne parla mai, iniziò a mutilarsi il corpo, strappandosi la pelle vicino al cuore con le unghie.

Guardando indietro alla sua descrizione dell’esperienza vissuta, è difficile dire se soffrisse di una depressione post-partum clinica o forse della ancor più rara e ben peggiore psicosi post-partum. È chiaro, però, che la gravidanza scatenò qualcosa in lei.

In base alla mia esperienza, la depressione si cura al meglio in due modi simultanei: il primo è l’aiuto di professionisti sanitari che possono prescrivere i farmaci adatti e offrire consigli su alimentazione e terapia professionale. Margery non aveva queste risorse, e quindi poteva contare solo sulla seconda possibilità, che è più personale.

  • 1
  • 2
Tags:
depressione post parto

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni