Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Maggio |
Sant'Agostino di Canterbury
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

I “Diavoli della Bassa Modenese”? “Un’invenzione”: la confessione choc

don giorgio govoni

video.repubblica.it - screenshot

Don Giorgio Govoni, accusato di essere a capo di una banda di pedofili nella Bassa Modenese: fu assolto da ogni accusa. Ma il suo cuore non ha retto allo stress di una vicenda assurda.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 14/06/21

Davide, il bambino zero dell'inchiesta su abusi e riti satanici, oggi 31enne, ha confessato a La Repubblica, che la storia è stata inventata da lui e dagli altri bambini, e Don Giorgio Govoni era innocente

Adesso si che si può parlare di “Veleno”, come il titolo del podcast di Pablo Trincia, che ha spopolato raccontando i falsi misfatti dell’inchiesta sui “Diavoli della Bassa Modenese“: quella storia, infatti, si è poggiata su una clamorosa invenzione di uno dei bambini, a cui hanno fatto seguite le suggestioni fantasiose degli altri coetanei. Sostenevano di essere stati abusati, di aver subito riti satanici. Con la regia di un sacerdote, poi morto di crepacuore: Don Giorgio Govoni. Era lui che, a detta loro, orchestrava, questo presunto film dell’orrore che si svolgeva ventitré anni fa, tra Mirandola e Finale Emilia. 

Era il 1998 quando le forze dell’ordine bussarono alla porta di alcune famiglie della Bassa modenese e portarono via 16 bambini. I genitori e altri parenti furono denunciati o arrestati per abusi sessuali sui figli (Fan page, 13 giugno). 

SKRZYWDZONA KOBIETA

La confessione di Davide

Dopo le inchieste giudiziarie che prima ha confermato (in primo grado) e poi smentito (in Appello) la veridicità dell’inchiesta, è arrivata la confessione choc di Davide, oggi 31 anno, testimone “zero” del processo. Che a La Repubblica (13 giugno) ha spiegato come sono realmente andate le cose. 

Davide ha un sorriso disarmante. All’inizio è un po’ imbarazzato, ma poi si fa coraggio: “Sono pronto”. Ha 31 anni, è un ragazzo alto e magro, la voce profonda e gli occhi verde acqua, appena velati da un’ombra scura. Ha deciso di raccontare per la prima volta la sua storia. La sua verità. Rivelazioni sconcertanti su fatti che hanno distrutto la vita di decine di persone alla fine degli anni ’90.

“Mi tenevano anche 8 ore”

Davide (che viene chiamato ‘Dario’ nell’inchiesta) era un bambino dato in affido a un’altra famiglia perché, dice: “i miei genitori erano poveri”, ma di frequente il bambino tornava dalla sua famiglia naturale, come prevedeva la prassi:

Un giorno vidi che la mia mamma naturale molto triste e quando tornai nella casa della mia famiglia affidataria ero cupo anche io. La donna che poi divenne la mia madre adottiva si convinse che venivo maltrattato dai miei genitori naturali. E così iniziarono i colloqui con i servizi sociali. Mi tenevano anche 8 ore”.

Le assurde dichiarazioni

Davide prosegue:

La psicologa e gli assistenti sociali mi martellavano fino a quando non dicevo quello che volevano sentirsi dire. Io avevo anche paura che, se non li avessi accontentati, sarei stato abbandonato dalla mia nuova famiglia, e così inventai. Inventai tutto. Abusi e cimiteri, violenze e riti satanici”.

Ai suoi racconti, evidenzia Fan Page, si sono poi aggiunti quelli degli altri bambini che hanno allargato le accuse ad altre persone. “Mi dicevano che ero coraggioso” nell’aver salvato tutti quei bambini dalle loro famiglie: “Ma io non avevo salvato proprio nessuno. Mi sono sentito morire dentro”. 

Le conseguenze delle false testimonianze

Sulla scorta delle indagini sedici minori furono allontanati dalle rispettive famiglie e affidati dai servizi sociali ad altri nuclei familiari. Il processo però concluse che non vi furono riti satanici, né molestie e tanto meno omicidi. Secondo l’ipotesi accolta dal tribunale gli interrogatori avevano inculcato nei bimbi delle false memorie, portando a un “falso ricordo collettivo“ (Aleteia, 26 maggio). 

Fu troppo “veleno” per il presunto “capo”, Don Giorgio Govoni, che ebbe la condanna nel 2000 in primo grado a 14 anni. il suo cuore non resse: il 14 maggio 2000 un infarto lo ha stroncato. Poi, però, quella condanna fu rovesciata, fino all’assoluzione post mortem della Corte d’Appello di Bologna. Troppo tardi.

«Davide non fa che confermare quello che noi abbiamo sostenuto», dichiara il giornalista Pablo Trincia a Open (14 giugno), interpellato a seguito dell’intervista apparsa su La Repubblica del cosiddetto “testimone zero”.

Trincia racconta che aveva parlato la prima volta con il giovane cinque anni fa, ma la madre affidataria avrebbe fatto pressioni per interrompere ogni dialogo con il giornalista: «Gli aveva messo addosso la paura di noi, quindi non lo abbiamo più visto. Alcuni mesi fa si era rifatto vivo con me riconfermando il tutto e aggiungendo ulteriori dettagli che non conoscevo». Un incontro testimoniato da una foto pubblicata dal profilo Facebook del giornalista del 25 maggio 2021, dove scrive: «Sono fiero di poter dire che è un mio amico».

Tags:
psicologiasatanismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni