Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

Lo Stato Islamico ha profanato immagini e oggetti sacri che ora evangelizzano il mondo

Imagens e objetos sacros profanados pelo Estado Islâmico

Pe. Andrzej Halemba | Ajuda à Igreja que Sofre / Diocese de Málaga, Espanha

Francisco Vêneto - pubblicato il 11/06/21

Il calice è stato usato per il tiro al bersaglio, l'immagine di Maria è stata decapitata

Lo Stato Islamico ha profanato immagini e oggetti sacri che ora evangelizzano ancor di più: tra gli esempi c’è un calice che è stato usato per il tiro al bersaglio e un’immagine della Madonna che è stata decapitata.

Il calice, che era già stato consacrato quando ha subìto le terribili profanazioni, è stato salvato dalla chiesa siro-cattolica di Qaraqosh, nella Piana di Ninive, in Iraq. Riconsacrato, è stato portato dalla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) in Spagna, dove è stato nuovamente usato nelle celebrazioni eucaristiche offerte in particolare per i cristiani perseguitati.

La fondazione pontificia vuole portarlo nelle chiese di tutto il mondo perché venga usato nelle Messe celebrate per questa stessa intenzione, per “rendere visibile” “la persecuzione religiosa che molti cristiani soffrono oggi, e che esiste fin dai primi giorni della Chiesa”.

Ancora con i segni dell’entrata e dell’uscita delle pallottole, il calice è descritto da Ana María Aldea, portavoce di ACS, come “un tesoro liturgico”. “È come celebrare la Messa con il Corpo di Cristo attraversato da un proiettile”.

IRAQ

La profanazione degli jihadisti

Quanto alle immagini della Santissima Vergine Maria che sono state oggetto dell’odio jihadista, una di queste viene da Batnaya, sempre nella Piana di Ninive, e ora girerà per varie parrocchie italiane per iniziativa di Aiuto alla Chiesa che Soffre.

Esistono immagini decapitate e altre con il volto deformato, come nel caso della statua che verrà mostrata in Italia.

In ogni tappa di quel pellegrinaggio, dei sacerdoti iracheni testimonieranno di persona o in videoconferenza per far conoscere ai fedeli la tragedia che i fanatici jihadisti hanno inflitto alla comuintà cristiana locale e mondiale, come anche la situazione nella regione e le aspettative per il futuro.

Alessandro Monteduro, direttore di ACS Italia, ha affermato che l’iniziativa “consoliderà il legame fra le comunità cattoliche italiana e irachena, fisserà nella nostra memoria questa orribile pagina storica affinché non ne dimentichiamo le tante lezioni, rappresenterà un messaggio di perdono e riconciliazione”.

Monteduro ha parlato di “statue mariane orrendamente mutilate, icone di Cristo distrutte, immagini sacre usate per il tiro al bersaglio, tombe profanate, chiese, santuari, monasteri, case e negozi messi a ferro e fuoco, oltre ovviamente ai fratelli uccisi o feriti. È la scia di morte e odio lasciata dai jihadisti nella Piana di Ninive, in Iraq. La pacifica comunità cristiana locale è stata brutalmente espulsa”.

Tags:
iraqprofanazionestato islamicostatua
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni