Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconFor Her
line break icon

«Maternità fragili» un servizio del Niguarda per le gravidanze difficili

PREGNANT, WOWAN, HOSPITAL

vectorfusionart | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 10/06/21

Possono esserci serie difficoltà nel farsi carico di un bambino e l'aborto non è l'unica via. All'ospedale Niguarda di Milano c'è un servizio di ascolto e accompagnamento per mamme che valutano il parto in anonimato.

Essere fragili è sacrosanto

Restare incinta può lasciare spiazzate, accadere in circostanze di estrema indigenza o violenza. Una gravidanza può anche mettere una coppia di genitori di fronte a una disabilità che spaventa. Sarebbe falso dire in astratto che la consapevolezza del «bene» che è la presenza di una vita basta a curare le ferite, lenire le paure, dare la forza per superare tutti gli ostacoli.

Proprio la certezza di quel bene, spalanca le porte a un’accoglienza operosa, solerte e creativa verso chi sente sulla sua pelle tutta l’inadeguatezza di diventare madre o genitore in circostanze non favorevoli. Non siamo supereroi, siamo fragili. Ma c’è così tanto attrito ad ammetterlo e accettarlo.

E’ terribile concepire un figlio in un contesto di violenza. Non è facile diventare una madre single. Disorienta accogliere una diagnosi prenatale di disabilità. «Non me la sento» è una frase molto onesta, non merita l’etichetta dell’ignavia. Quello che invece merita di essere disinnescato è il cortocircuito cupo in base a cui l’unica soluzione alla paura e all’inadeguatezza sia l’aborto.

Per fortuna ci sono finestre ariose di realtà da cui entra un vento meno cinico, più balsamico (per l’anima).

Parto in anonimato, una scelta legittima

“Madre Segreta” è un servizio riservato e gratuito che aiuta le donne che aspettano un figlio e vivono la maternità con preoccupazione e incertezza.
Le sostiene concretamente, su un piano psicologico e sociale, a preparare la prossima nascita in collegamento con i servizi territoriali.

Da Ospedale Niguarda

La legge italiana prevede che una madre possa partorire in anonimato. L’esistenza di questo diritto non basta. Facciamo il caso banale di una ragazza con un lavoro precario e che ha dei dubbi sulla sua maternità proprio perché potrebbe costarle il posto. Non basta che lei sappia che può partorire e affidare il figlio a un’altra famiglia. Se la sua scelta diventa quella del parto in anonimato, le occorrerà essere accompagnata nei nove mesi che precedono la nascita, perché c’è da aspettarsi che le obiezioni in ambito lavorativo si manifestino in modo feroce già durante la gravidanza.

C’è bisogno di supporto proprio nel tratto di strada che porta a una nascita e poi a un affido. Innazitutto perché le mille variabili per cui si sceglie di non essere genitore del proprio figlio chiedono di essere ascoltate, non giudicate. Anche questa scelta è un gesto di maternità, e non del suo contrario. Accompagnare alla nascita un bambino è essere madre.

L’ascolto era al centro del servizio «Madre segreta» attivo presso la Provincia di Milano fino al 2015. Offriva supporto e accompagnamento gratuito offerto alle donne e alle coppie che affrontavano una gravidanza difficile. Lo scopo era quello di dare precise informazioni sui diritti della madre e del bambino, di indicare le risorse disponibili nei Servizi Sociali e sanitari pubblici e privati del territorio.

«Maternità fragili» al Niguarda

Per proseguire questa esperienza virtuosa è nato nel 2019 il servizio «Maternità fragili», ospitato all’ospedale Niguarda di Milano e gestito dall ARP (Associazione per la ricerca in psicologia clinica).

Psicoterapeute specializzate danno la propria disponibilità a colloqui gratuiti che non hanno lo scopo di orientare a una scelta precisa, ma di fornire alla mamma in difficoltà tutto il supporto di informazioni e competenze per compiere una scelta davvero libera.

La professoressa Donata Luzzati, responsabile del progetto ha dichiarato:

“I bambini sono sempre stati abbandonati e l’attenzione, per proteggerli giustamente, è sempre stata data a loro. Ma per farlo, bisogna allo stesso tempo aiutare anche le donne […]. Nessuno qui cerca di convincerle in un senso o nell’altro, se riconoscere il bambino o no. Noi sosteniamo la donna nella sua libertà di scelta, dandole tutti gli strumenti per decidere in autonomia, tutelando in questo modo lei e il nascituro”.

Da Elle

Scorciatoie senza pietà

Leggendo la cronaca si tende a spostare gli occhi altrove. Non la cronaca in sé, a dire il vero, bensì ciò che viene usato per catturare l’attenzione mediatica. In tema di gravidanza, è paradossale che la parola libertà abbia finito per sovrapporsi a quella di aborto. Libertà è una parola che presuppone una molteplicità di direzioni da poter seguire, ma quando si tratta di gravidanze ‘non desiderate’ sembra che ci sia un’unica direzione se non si intende diventare genitori: sopprimere il bambino.

Negli ultimi giorni campeggia su tanti giornali il discorso di Paxton Smith, una studentessa del Texas che, in occasione del suo discorso pubblico di diploma, ha tuonato in difesa del diritto all’aborto che lo Stato in cui vive avrebbe messo in discussione. E l’argomentazione è ammiccante, quanto falsata all’origine.

View this post on Instagram

A post shared by Fanpage.it (@fanpage.it)

Cara Paxton, figurati se non hai ragione ad aspirare a un futuro. Hai talmente ragione che dovresti essere onesta nel dire che tutti hanno diritto a un futuro, anche il bambino concepito. L’origine che si trascura è sempre la medesima: la donna incinta non è più l’unico soggetto singolare in causa. Gravidanza significa – siamo qui a ribadire l’ovvio che sempre meno ovvio è – aver a che fare con due persone e due libertà, quella della madre e quella del bambino, ed è il vero presupposto liberante. L’aborto esclude la libertà della donna di non voler sopprimere una vita, anche se non può accudirla.

Il diritto a un dolore che sia lenito, non acuito

Un altro dato che sta diventanto sempre più taciuto e oscurato è il dolore di chi fa i conti con una gravidanza che non può accogliere. C’è, qualunque cosa urlino i megafoni di certe ideologie femministe. C’è ed è sacrosanto perché siamo umani, non disumani ( ci provano, ma faremo sempre fatica ad accettare senza esserne feriti di uccidere un altro uomo, per quanto piccolo). Il dolore chiede lentezza, ascolto. Chiede di essere aperto e condiviso. Non chiede affatto una pillola da deglutire in solitudine.

L’immagine della donna libera, padrona del suo futuro che vuole scegliere come e quando fare figli fa parte di una minoranza molto minore. La verità è che chi affronta delle gravidanze ‘non desiderate’ si trova spessissimo, nella cruda realtà dei fatti, in situazioni lontane anni luce dalla donna astratta delle riviste rosa.

Nella quasi totalità non da coppie ma da donne sole, che vivono le difficoltà dell’attesa di un bambino senza la condivisione con un partner. Nella nostra esperienza le coppie si presentano soprattutto nei casi di diagnosi di disabilità o malformazioni del nascituro o del neonato – Donata Luzzatti

La parola chiave è sempre – drammaticamente – quella: sole. Il discrimine è altrettanto chiaro. Quella solitudine può essere venerata come idolo, fino a diventare un ghetto: ed è il regno poco incantato delle pillole abortive e di visite mediche che alla svelta firmano fogli di IVG.

Oppure quella solitudine può essere chiamata col chiaro nome di nemica e ci si impegna a creare spazi come i CAV, come “Madri fragili” e come tutti quelli che verranno in mente a uomini di buona volontà (e senza nessuna etichetta di partito, fede, ecc). Veri ritagli di libertà che mettano a tema il bene intero di una persona, proprio nel momento più critico della sua vita. Oggi più che mai il tema non è la libertà di scelta (che vuol dire ‘poter abortire’), ma la difesa e tutela di ogni persona affinché possa arrivare a una scelta davvero libera.

Per chi è interessato questi sono i recapiti per potersi mettere in contatto con “Maternità Fragili”:

Non è necessaria l’impegnativa del medico. Occorre prenotare un colloquio a uno dei seguenti recapiti: mail maternitafragili@associazionearp.it; telefono +39 02 6444 3480; cellulare 334 7682631 (anche sms e Whatsapp). Su entrambi i numeri è attiva una segreteria telefonica. Il Servizio è sempre attivo anche in questo periodo di emergenza sanitaria. I colloqui possono avvenire in presenza ma anche online.

Da Associazione ARP
Tags:
abortogravidanzamadri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni