Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Cosa sono gli NFT? Perchè una parrocchia bolognese ha deciso di usarli?

shutterstock_1925622308.jpg

archy13 | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 10/06/21

Una nuova tecnologia consente di acquistare opere digitali e tracciarle. Il parroco: trasformiamo il patrimonio artistico della chiesa e lo rendiamo un bene digitale “unico"

Ecco la prima comunità religiosa in Italia a cavalcare l’onda della tecnologia NFT,Non Fungible Token‘, cioè il certificato “di proprietà” che viene assegnato ad opere digitali e su cui si sono scatenati big delle nuove tecnologie come Elon Musk ed Edward Snowden

La parrocchia di Bologna (Santa Maria della Carità e San Valentino della Grada), si è lanciata nella “cripto-arte” grazie alla passione, e all’intuizione, del parroco 43enne che la guida, don Davide Baraldi (Ansa, 9 giugno). Ma prima spieghiamo meglio cosa sono gli NFT.

Come funzionano gli NFT

Definiti anche “gettoni crittografici”, gli NFT, sono dei sistemi che permettono di certificare la rarità digitale di un bene. Un’opera d’arte, un video, perfino un tweet. Il tutto basato appunto sulle blockchain, equivalente digitale di un registro delle transazioni, utilizzato per la generazione di criptovalute come i Bitcoin.

Questi “gettoni” hanno la caratteristica peculiare di essere unici. E possono certificare un qualsiasi “oggetto”, fisico o virtuale che esso sia. Così, chi compra un NFT che corrisponde, come detto, ad un’opera artistica digitale, possiede – in realtà – soltanto il certificato. 

Un documento emesso dal creatore dell’opera, sul quale c’è “scritto” che essa è stata ceduta. Ciò non significa che l’opera in questione diventi privata. Al contrario, può tranquillamente restare on line, accessibile a tutti. Può valere per un video registrato su YouTube o per una qualsiasi immagine in formato jpeg.

Il primo NFT

Così gli NFT si prestano per la vendita di una composizione artistica o di un brano musicale. La “notizia” sta nelle cifre stratosferiche alle quali sono stati venduti alcuni di tali certificati. Jack Dorsey, patron di Twitter, ha ceduto ad esempio il suo primo tweet, risalente al 2006. L’asta per il relativo NFT ha fatto salire il prezzo a 2,9 milioni di dollari.

Perchè regalarsi un’opera?

Ma perché regalarsi un tweet o un’opera se essa è liberamente disponibile on line? Semplice: perché il valore degli NFT è legato ad un certificato di proprietà unico. Basato sulla tracciabilità del proprietario, del creatore, su date e storico delle transazioni (Valori.it).

Curiosità per le criptovalute

Tornando al caso della parrocchia di Bologna, don Davide Baraldi spiega: «Non sono un nerd, né un hacker o un programmatore, ma ho sempre avuto interesse per quello che gli strumenti tecnologici rappresentano come rivoluzione antropologica”. Nell’ultimo periodo è maturata la curiosità nei confronti delle criptovalute, dei Bitcoin, della blockchain». 

Finché non si è imbattuto nel ‘Non Fungible Token’. Di qui l’idea di trasformare il patrimonio artistico della chiesa e di renderlo un bene digitale “unico” grazie alla tecnologia NFT. Le cripto-opere sono in vendita su Zilliqa, acquistabili con questa criptomoneta. L’operazione è partita ad aprile e già ci sono stati i primi acquirenti, collezionisti e appassionati.

Tags:
mondo digitalenft
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni