Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconApprofondimenti
line break icon

Le 5 domande principali dei cattolici sul vaccino contro il Covid-19 (e le risposte corrispondenti)

VACCINE

Mongkolchon Akesin | Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 10/06/21

3. Quale vaccino dovremmo ricevere?

I cattolici che stanno ricevendo il vaccino contro il Covid-19 per proteggere la vita dei propri familiari e delle proprie comunità dovrebbero sentirsi a proprio agio nel ricevere qualsiasi vaccino sia loro disponibile. La dichiarazione della USCCB chiarisce che ciascuno di noi dovrebbe ricevere, se possibile, i vaccini Moderna e Pfizer, perché sono più distanti dalle linee cellulari HEK293.

Una nota del dicembre 2020 della Congregazione per la Dottrina della Fede, il gruppo incaricato di esporre dichiarazioni teologiche a nome della Curia Romana e di Papa Francesco, chiarisce tuttavia che “quando non sono disponibili vaccini contro il Covid-19 eticamente ineccepibili… è moralmente accettabile utilizzare i vaccini anti-Covid-19 che hanno usato linee cellulari provenienti da feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione”.

Il dicastero spiega che visto che la maggior parte della gente non può scegliere il vaccino da ricevere, è moralmente permissibile assumere questo vaccino per proteggere la vita di chi è più a rischio di avere conseguenze gravi a causa del coronavirus. È moralmente benefico per ogni persona ricevere il vaccino che sia più prontamente e immediatamente disponibile per favorire la fine di questa pandemia mondiale.

4. Cosa posso fare per rappresentare i miei valori cattolici sulla questione?

Come cattolici, siamo incoraggiati a promuovere l’operato di compagnie che non usano queste linee cellulari controverse. Vi preghiamo di continuare a contattare direttamente le compagnie farmaceutiche e a chiedere loro di non usare queste linee cellulari nello sviluppo futuro dei vaccini. Questi contatti possono essere una strategia efficace come in passato, soprattutto visto che la tecnologia si sviluppa continuamente e le linee cellulari HEK293 diventano meno necessarie nello sviluppo dei vaccini.

I cattolici sono anche incoraggiati a ricevere il vaccino contro il Covid-19 e a promuovere il bene comune seguendo le linee guida dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie. Siamo chiamati a perseguire il bene comune mentre difendiamo la vita umana. Per proteggere chi è più vulnerabile al coronavirus, incluse le donne incinte e le persone immunodepresse, siamo esortati a discernere le nostre azioni morali per preservare la vita e la dignità nelle nostre comunità.

I cattolici sono anche incoraggiati a difendere i poveri e i vulnerabili incoraggiando i propri leader a condividere il vaccino con altri Paesi, soprattutto con le fasce di popolazione a rischio.

5. Se ricevo il vaccino Johnson & Johnson comprometto i miei valori pro-vita?

L’insegnamento morale cattolico ci esorta a prenderci cura del bene comune, evitando l’associazione con il male. I nostri insegnamenti morali ci dicono anche di agire per proteggere chiunque incontriamo, soprattutto i più vulnerabili. Questo insegnamento non è cambiato nella vita della Chiesa, e non cambierà mai. La nostra opposizione all’aborto e lo sviluppo di vaccini che usano linee cellulari derivanti dall’atto dell’aborto dovrebbero essere resi noti chiaramente alle compagnie farmaceutiche.

Quando si applicano questi valori morali alle situazioni complesse e sfumate che affrontiamo nella vita quotidiana, siamo chiamati a usare la virtù della prudenza, che ci esorta a cercare il massimo bene in ogni situazione evitando al contempo il male. Di fronte alle sfumature dei vaccini contro il Covid-19, ciascuno di noi è chiamato a discernere come poter compiere il massimo bene. Per molti di noi, l’impegno di proteggere la vita in ogni stadio esorta ciascuno a ricevere il vaccino contro il Covid-19 quando è disponibile, per difendere le fasce più a rischio. Incoraggiamo ogni membro dell’arcidiocesi di Washington a ricevere il vaccino contro il Covid-19 più rapidamente e facilmente disponibile. Con la vaccinazione, possiamo aiutare a proteggere le nostre comunità vulnerabili da questa pandemia mondiale.

È infine estremamente importante che i cattolici ricordino quanto è remoto il legame tra l’aborto e i vaccini sviluppati di recente. Il nostro insegnamento morale si oppone all’aborto in ogni circostanza, e c’è una differenza morale tra commettere un aborto, immagazzinare cellule per usarle nei trattamenti e nello sviluppo dei vaccini e ricevere un vaccino con l’intento di proteggere la propria comunità. Dobbiamo discernere il nostro livello di responsabilità in ciascuna di queste circostanze per evitare un’ipersemplificazione di una complessa tradizione teologica.

  • 1
  • 2
Tags:
vaccini anti Covid
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni