Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconFor Her
line break icon

Santa Giovanna d’Arco nessuno la avrà mai

Di Stasia04|Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 09/06/21

Fraintesa praticamente da subito e a lungo, la pulzella d'Orleans, è pretesa persino ora dai molti che la vogliono sui loro altari. Ma lei è una donna veramente libera perché ha disposto di sé stessa pienamente donandosi al Signore. E sapeva chi ascoltare e dove guardare: "Alta la croce, ch'io possa vederla tra le fiamme!"

Un unico vessillo

Giovanna non la avranno mai.
Non la avrà chi vuole farla testimonial della donna libera e superiore contro una società di uomini.
Non la avrà chi vuole farne un simbolo queer come tanti per quel modo di vestire e di calarsi in un ruolo maschile.

Non la avrà chi vuole farne l’emblema della ribellione ai ruoli e agli stereotipi.
Non la avranno non tanto perché Giovanna d’Arco non fosse, magari, anche questo (ne dubito fortemente, ma voglio giocare al gioco del facciamo che…).

Nessuno può averla, Giovanna, perché lei si è già donata a qualcuno. Aveva 13 anni quando fece voto di castità al Signore e da quel giorno, nessuno se non Lui ha mai potuto averla. Da quel giorno è libera, Giovanna. Così tanto da sottomettersi.

Libera di offrirsi fino in fondo

Così libera da donarsi completamente, fino alla morte. Così libera da non potersi piegare a nessun gioco ideologico, nemmeno oggi. Così libera che non sembra davvero una Santa medievale e anche adesso, quel suo modo schietto di parlare fa accapponare la pelle.
Di tutte le rivoluzioni, lei ha scelto la più grande: sottomettersi alle “sue voci”.
Di tutte le battaglie, lei ha scelto la più difficile: fidarsi nonostante tutto. Nonostante quello che era, solo una donna con nessuna capacità di guerra in un mondo di gerarchie e posti assegnati.

Santa Giovanna d'Arco
Santa Giovanna d’Arco

Quando Santa Giovanna d’Arco era adolescente, San Michele, Santa Caterina e Santa Margherita le apparvero in alcune visioni, chiedendole di portare il Delfino, l’erede al trono di Francia, a Reims per l’incoronazione. Con l’aiuto di due soldati, Giovanna si recò alla corte reale, dove si guadagnò la fiducia di Carlo VII.

Dopo aver ricevuto in dono cavallo, armi e armatura, Giovanna partì per Orléans insieme all’esercito francese. Con lei al loro fianco, i francesi vinsero varie battaglie contro gli inglesi e recuperarono le città di Orléans e Troyes, permettendo a Carlo VII di essere incoronato nel 1429. Giovanna venne catturata vicino Compiegne nel 1430, e venne bruciata sul rogo come eretica dopo un processo ingiusto e dettato da motivi politici.

La sua fede virile, il suo sì materno

Di tutti gli abiti maschili di cui si è vestita, quello che le dona di più è un “sì” convinto, anche se impaurito, a volte. Un sì detto come solo una donna può dirlo: in maniera totale, nonostante il dolore, per un bene superiore. Il sì di una madre.

Libera perché al servizio di Dio

Nessuno avrà mai Giovanna. Questa Santa dà ancora oggi uno schiaffo al nostro mondo “libero” ricordandoci che non si è liberi quando si è sé stessi, le proprie inclinazioni, le proprie idee, che la libertà non la fa un vestito, uno smalto, un lavoro, ma quando, andando oltre noi stessi, scegliamo di metterci al servizio, di lasciare che Dio scriva capolavori con le nostre storie strane, fuori standard, con quello che siamo.

“Alta la croce, che io possa vederla tra le fiamme”: tra le fiamme di un mondo che ci vuole consumare e divorare spesso, ricordiamoci dove volgere lo sguardo e il cuore. E nemmeno la morte potrà averci mai.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA MARY AND ME

Tags:
emancipazione femminilesante
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni