Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconApprofondimenti
line break icon

Rapporto bonifiche: legalità, ambiente e comunità sono in simbiosi

SUNRISE

PK Studio | Shutterstock

Lucandrea Massaro - pubblicato il 09/06/21

Presentato oggi la VII relazione del Commissario Unico alle bonifiche Giuseppe Vadalà presso la Sala Parlamentino al
Comando Carabinieri Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari

Più della metà degli 81 siti indicati dall’Europa come problematici sono stati bonificati e restituiti alle comunità, questo è in estrema sintesi il rapporto consegnato dalGenerale Giuseppe Vadalàad una platea di giornalisti ed ospiti istituzionali tra cui la Sottosegretaria al Ministero per la Transizione Ecologica Ilaria Fontana e la presidente della commissione Ambiente della Camera, Alessia Rotta. Assieme ad essi anche Don Luigi Ciotti di Libera, Suor Alessandra Smerilli, sottosegretaria al Dicastero per lo Sviluppo Umano della Santa Sede e la professoressa Filomena Maggino, già Presidente della Cabina di Regia Benessere Italia della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Stefania Dota, vicepresidente ANCI. Ma non è solo una relazione tecnica o la rivendicazione di un risultato, pur importante per via delle sanzioni, passate dagli oltre 46 milioni a semestre a 6.6 milioni attuali. La relazione è anche la presa di coscienza, espressa autorevolmente dagli ospiti, di una necessità di un cambio di passo sia nelle relazioni istituzionali tra enti locali e Stato, sia nella cultura ambientale che deve farsi strada sia nelle amministrazioni, sia nella cittadinanza.

“Le bonifiche ci portano a fare alcune riflessioni: la prima è naturalmente il vantaggio finanziario, ma il vero vantaggio è l’aumento del benessere per i cittadini che vivono in quelle aree. La nostra domanda deve essere: perché ci ritroviamo con aree da bonificare?” Parte da una domanda la professoressa Filomena Maggino e propone delle risposte: “Diseguaglianze e mancanza di opportunità sono la matrice di queste situazioni. Se l’equilibrio contabile da un lato e il profitto dall’altro sono l’unica cosa che conta non ce la faremo mai. Il Pil non può essere l’unico parametro di riferimento. Ci vuole come punto di partenza una cultura diversa: una cultura del rispetto. Rispetto per noi stessi, per l’ambiente, per la comunità in cui viviamo”.

Per don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera, da anni un presidio contro le mafie, “bonificare i territori significa fiducia e speranza per quei cittadini che in quei territori ci vivono. È la vittoria dello Stato, delle istituzioni. Ma dobbiamo ricordare che queste sono quelle segnalate dall’Europa, ma ce ne sono centinaia e centinaia in tutta Italia di discariche da bonificare. Ricordiamolo”. Don Ciotti prosegue spronando l’uditorio a non adagiarsi ad interventi tampone. “Dobbiamo rigenerarci – dice ancora – per non degenerare, abbiamo bisogno di un cambiamento vero, non di un adattamento. Ma queste vittorie, quelle del rapporto, sono una vittoria della vita e che ci chiama alla responsabilità e alla cittadinanza responsabile, quella verso la propria comunità e verso il prossimo”. Ognuno è chiamato a fare la propria parte, questo rapporto ci chiama alla cultura della “corresponsabilità”.

“Preparate il futuro”, è questo l’appello del Papa “e fatelo nella concretezza” dice Suor Alessandra Smerilli che prosegue: “È stata ricordata l’Enciclica Laudato si’, che è ancora attualissima, dove si comprende che tutto è connesso: non c’è sviluppo senza cura, del prossimo e del Creato. È la Terra che permette le nostre relazioni, noi ci dobbiamo sentire ospiti e grati di questa relazione. Se tutto è connesso allora il grido della terra ferita e quello dei poveri è lo stesso grido”. Del resto, argomenta la suora che è anche sottosegretaria allo Sviluppo Umano e docente di Economia politica, che “Chi non può permettersi la transizione ecologica sono i poveri, chi non può lasciare terre distrutte, sono i poveri. Noi siamo la causa delle ferite ma chi ne subisce gli effetti sono altri e non hanno gli strumenti e le possibilità per difendersi”. Una posizione che suor Alessandra sintetizza citando Papa Francesco: “Il Signore ci ha consegnato la Terra come un Giardino, vogliamo noi lasciare ai nostri figli un deserto?”

Tags:
ecologia integrale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni