Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Scoprite le firme dei più grandi santi della storia!

WEB2-JPII-AFP-SIGN-000_SAPA981015908020.jpg

ARTURO MARI / POOL / AFP

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 08/06/21

Charles de Foucauld, Madre Teresa, Vincenzo de' Paoli, Teresa di Lisieux… La loro vita eccezionale è ben nota, non altrettanto la loro grafia. Aleteia vi presenta le grandi figure della santità attraverso le loro firme

Si dice che la grafia di una persona riveli una parte del suo carattere. Le persone di cui vediamo qui la scrittura hanno una personalità orientata verso Dio. Teresa d’Avila, Federico Ozanam, Giovanna d’Arco o Vincenzo de’ Paoli non hanno mai smesso di trasmettere e difendere il messaggio di Cristo, e anche se la loro testimonianza ha superato il passare dei secoli, la loro scrittura riflette anche un’epoca e dei tratti del carattere. Aleteia vi propone di scoprirli attraverso la loro firma.

CHARLES DE FOUCAULD – La radicalità del deserto

WEB2-SIGNATURE-CHARLES-DE-FOUCAULD-PUBLIC-DOMAIN.jpg

Molti conoscono Charles de Foucauld e la sua splendida preghiera di abbandono: “Padre mio, mi abbandono a Te”. Questo campione di radicalità e austerità ha scritto circa 3.000 pagine di meditazioni mentre si trovava a Nazaret, e ha mantenuto fitte corrispondenze. Dopo la carriera militare e una vita dissoluta, ha condotto un’esistenza di fede ed evangelizzazione attraverso l’esempio tra i tuareg del Sahara algerino agli inizi del XX secolo, prima di morire assassinato nel 1916. 

GIOVANNI PAOLO II – Un evangelizzatore senza pari

WEB2-SIGNATURE-JEAN-PAUL-II-PUBLIC-DOMAIN.jpg

14 encicliche, 15 esortazioni apostoliche, 42 lettere apostoliche. È poco dire che il Santo Papa Giovanni Paolo II ha lasciato un’impronta importante nella storia della Chiesa e nel suo magistero. Oltre a questi documenti ufficiali su cui ha apposto la sua firma nel corso del suo pontificato, il Papa polacco ha scritto anche migliaia di testi pubblici e privati, per un totale di oltre 80.000 pagine.

MADRE TERESA – Apostola della carità

WEB2-SIGNATURE-MERE-TERESA-PUBLIC-DOMAIN.jpg

Giovanni Paolo II l’ha definita “icona del buon samaritano” e ha dichiarato che andava dov’era necessario per servire Cristo nei più poveri tra i poveri. Durante la Messa di canonizzazione della “santa di Calcutta”, il 4 settembre 2016, Papa Francesco ha dichiarato con tenerezza:

“Penso che, forse, avremo un po’ di difficoltà nel chiamarla Santa Teresa: la sua santità è tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda che spontaneamente continueremo a dirle ‘Madre Teresa’. Questa instancabile operatrice di misericordia ci aiuti a capire sempre più che l’unico nostro criterio di azione è l’amore gratuito, libero da ogni ideologia e da ogni vincolo e riversato verso tutti senza distinzione di lingua, cultura, razza o religione”. Nel corso della sua vita, Madre Teresa ha scritto centinaia di lettere, tra le quali sono famose quelle sulla sua notte della fede.

VINCENZO DE’ PAOLI – Al servizio dei più poveri

San Vincenzo de’ Paoli, celebre figura del XVII secolo, ha segnato profondamente la sua epoca attraverso una vita totalmente consacrata alla carità e alla salvezza dei poveri. Grazie alla Congregazione dell’Oratorio di Gesù e Maria Immacolata, un movimento di formazione spirituale, San Vincenzo scoprì la propria vocazione, che si fondava su quattro pilastri: umiltà, semplicità, dolcezza e zelo. Come infaticabile parroco a Clichy, in Francia, si donò completamente alla popolazione povera. Faceva visita alle famiglie, invitava a partecipare alla Messa, raccoglieva i moribondi dalle strade seguendo la sua visione della carità: “Ascoltando i poveri si incontra Cristo; seguendo l’esempio di Cristo si insegna Dio ai poveri”. Si calcola che il santo abbia scambiato circa 30.000 lettere con le persone con cui intratteneva una corrispondenza. Oggi se ne conservano solo 3.000.

TOMMASO MORO – Una politica ispirata

WEB2-SIGNATURE-THOMAS-MORE-PUBLIC-DOMAIN.jpg

Figlio di un alto magistrato londinese, Tommaso Moro è stato una delle figure europee più grandi della prima metà del XVI secolo. Come autentico uomo del suo tempo, ovvero un umanista completo, era appassionato della vita e dell’effervesccenza intellettuale e culturale in cui viveva e a cui diede un grande contributo. Giurista e membro del Parlamento, iniziò nel 1509, con l’ascesa al trono del re Enrico VIII, una brillante carriera politica che sarebbe durata più di vent’anni. Il re, però, lo condannò a morte perché aveva preferito rimanere fedele alle sue convinzioni che obbedire agli ordini del monarca.

GIOVANNA D’ARCO – Un fervore incontenibile

WEB2-SIGNATURE-JEHANNE-ARC-CC-BY-SA-4.0.jpg

Giovanna d’Arco è al contempo il personaggio più documentato e più misterioso del suo tempo. Nessuno è riuscito a spiegare come questa piccola contadina abbia potuto diventare dalla mattina alla sera un leader militare e trasformare il corso della storia. Giovanna incarna l’unione massima del cielo e della terra, a livello sia personale che collettivo. Nulla è in lei più naturale del soprannaturale, né nulla è più radicato della sua fede. Tre lettere originali firmate dalla santa sono arrivate fino ai giorni nostri.

IGNAZIO DI LOYOLA – L’arte del discernimento

Noto per i suoi famosi Esercizi spirituali, Sant’Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, riuscì a descrivere i sentimenti umani con tanta precisione e delicatezza che i suoi scritti restano attuali anche 500 anni dopo la loro redazione.

PADRE PIO – Il mistico

WEB2-SIGNATURE-PADRE-PIO-DR.jpg

Padre Pio, beatificato il 2 maggio 1999, è una delle figure cristiane più brillanti del XX secolo. Famoso per aver ricevuto le stigmate, è stato anche portatore di un forte messaggio spirituale.

TERESA D’AVILA – Il desiderio di amare

WEB2-SIGNATURE-THERESE-D-AVILA-PUBLIC-DOMAIN.jpg

Santa Teresa d’Avila, mistica spagnola del XVI secolo, è una carmelitana famosa per il suo passaggio dalla mondanità alla santità. Riformatrice dell’Ordine del Carmelo spagnolo, venne canonizzata appena 40 anni dopo la sua morte, nel 1622. Nel 1970 Papa Paolo VI le ha attribuito il titolo di Dottore della Chiesa. Santa Teresa ha lasciato numerosi scritti mistici per aiutarci a scoprire le vie dell’interiorità, tra cui il più noto è Il Castello Interiore (1577).

ZITA E CARLO D’AUSTRIA – Una coppia santa

WEB2-SIGNATURE-ZITA-PUBLIC-DOMAIN.jpg
WEB2-SIGNATURE-CHARLES-D-AUTRICHE-PUBLIC-DOMAIN.jpg

“Ora dobbiamo aiutarci a vicenda ad andare in cielo”. Sono le parole che pronunciò l’arciduca Carlo d’Asburgo alla principessa Zita di Borbone-Parma alla vigilia del loro matrimonio. Un impegno che non rimase lettera morta nonostante le tragedie che costellarono la loro esistenza, e che li guidò nella loro unione, dolorosamente segnata dalla guerra e dall’esilio. La beatificazione di Carlo e il processo in corso di Zita dimostrano che mantennero brillantemente la loro promessa.

DON BOSCO – Padre della gioventù

WEB2-SIGNATURE-DON-BOSCO-DR.jpg

Nato nel 1815, San Giovanni Bosco ha dedicato tutta la sua vita ai giovani. Dopo un’infanzia povera e dura, dopo l’ordinazione sacerdotale fondò la Società di San Francesco di Sales e l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice per insegnare agli adolescenti un mestiere e la vita cristiana. Perché i suoi insegnamenti fossero ben accolti tra i suoi allievi, Don Bosco realizzava trucchi di magia e acrobazie.

FEDERICO OZANAM – All’attacco della miseria

WEB2-SIGNATURE-FREDERIC-OZANAM-PUBLIC-DOMAIN.jpg

Antoine-Frédéric Ozanam (1813-1853), storico e saggista cattolico francese, è uno di quei laici che hanno saputo mettersi al servizio del prossimo fino alla fine, al punto da ispirare la Chiesa del XIX e del XX secolo, e dopo la sua morte quella del nostro secolo, infondendole un soffio di rinnovamento. Aveva appena 20 anni quando gettò le basi della futura Società di San Vincenzo de’ Paoli, il 23 aprile 1833.

Tags:
santi e beatiscrittura
Top 10
See More