Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 29 Novembre |
San Vincenzo Romano
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Disciplinare il figlio: 7 consigli che funzionano meglio della punizione

EDUCATION

Shutterstock | G.Tbov

José Miguel Carrera - pubblicato il 08/06/21

Il "sistema preventivo" di un grande educatore per genitori stanchi e insegnanti frustrati

Una delle sfide più grandi per genitori e insegnanti è sapere come e quando assumere atteggiamenti più esigenti al momento di disciplinare un bambino. Punire risolve?

San Giovanni Bosco conosceva molto bene la portata di questa sfida. Ha dedicato tutta la vita alla formazione di bambini e giovani, molti dei quali ribelli e che esigevano un enorme autocontrollo da parte dell’educatore.

Don Bosco ha non solo aiutato centinaia di giovani sfortunati a diventare bravi uomini, ma ha anche formato formatori, riuscendo così a moltiplicare l’effetto educativo.

Nelle sue lettere, stabiliva un “sistema preventivo”. L’idea era quella di predisporre “gli allievi a obbedire non per paura, ma per convinzione. In questo sistema, la forza dev’essere esclusa: al suo posto, la carità dev’essere il principale propulsore dell’azione”.

Ecco 7 consigli di questo grande educatore agli insegnanti, per orientare i bambini nel cammino della virtù:

1) La punizione dev’essere l’ultima risorsa

Spesso è facile perdere la pazienza e minacciare il bambino anziché educarlo. Perfino San Paolo aveva questa tentazione: si lamentava di come alcuni convertiti alla fede tornassero facilmente alle vecchie abitudini, e tuttavia sopportava quelle sfide con pazienza zelante e ammirevole. È questo il tipo di pazienza di cui c’è bisogno quando si ha a che fare con i più giovani.

2) L’educatore si deve sforzare di essere amato dagli allievi nel caso in cui desideri ottenere il loro rispetto

L’amore si mostra nelle parole, e ancor più nei fatti, con tutte le cure volte al benessere spirituale e temporale degli allievi.

3) Tranne che in casi rarissimi, correzioni e punizioni non devono essere inflitte in pubblico

Solo casi gravi di prevenzione o riparazione degli scandali giustificano correzioni o punizioni pubbliche. In tutti gli altri casi, si deve preservare la privacy. Si tratta di educare, non di umiliare.

4) Violenza? Punizioni fisiche? Vanno assolutamente evitati

Anziché educare, non solo feriscono fisicamente, ma ledono la reputazione e la presunta rispettabilità dell’educatore.

5) Le regole della disciplina, come le rispettive ricompense e punizioni, devono essere ben chiare all’educando, di modo che non possa dire che non le conosceva

In altri termini, i bambini hanno bisogno di limiti chiari. Nessuno si sente sicuro se va alla cieca.

6) Siate esigenti nelle questioni relative al dovere, saldi nella ricerca del bene, coraggiosi nella prevenzione del male, ma sempre gentili e prudenti

L’impazienza estende lo scontento anche tra i migliori. La carità trionfa dove la severità fallisce. La carità è la cura, anche se può sembrare (ed essere) lenta. Da ciò deriva la necessità, nuovamente e sempre, di pazienza, pazienza e ancora pazienza.

Non si tratta di essere deboli o conniventi. Si è già detto che bisogna stabilire regole e limiti chiari. La pazienza non consiste nel tollerare la mancanza di disciplina, ma nell’educare alla disciplina con rispetto, nonostante la tentazione di esplodere e partire con grida, castighi e perfino punizioni fisiche.

7) Per essere veri genitori e maestri, non bisogna permettere che l’ombra della rabbia offuschi il proprio aspetto

La serenità deve brillare nella nostra mente, disperdendo le nubi dell’impazienza. L’autocontrollo deve governare tutto il nostro essere: mente, cuore, labbra, mani… Se qualcuno sbaglia, ha bisogno di aiuto e accompagnamento.

Elemento fondamentale per accompagnare tutti questi consigli:

L’umile preghiera a Dio è imprescindibile, e farà una notevole differenza, che edificherà e illuminerà.

Tags:
don boscosan giovanni bosco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni