Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconNews
line break icon

Kamloops, una ferita nel cuore “traumatizzato” del Canada

kamloops

AFP

Jaime Septién - pubblicato il 07/06/21

Il dolore di Papa Francesco: “Mi unisco ai Vescovi canadesi e a tutta la Chiesa Cattolica in Canada nell’esprimere la mia vicinanza al popolo canadese, traumatizzato dalla scioccante notizia”

Il 28 maggio scorso, una notizia gravissima ha sconvolto il Canada e buona parte del mondo, soprattutto cattolico. I resti di 215 bambini della comunità indigena Tk’emlups te Secwepemc First Nation, alcuni dei quali di appena tre anni, sono stati trovati sepolti in un vecchio internato, gestito dalla Chiesa cattolica, vicino Kamloops, nella provincia occidentale della British Columbia.

Anche se la comunità indigena lo aveva già denunciato in varie occasioni, il ritrovamento è stato effettuato solo grazie a un ricercatore specializzato usando un georadar. L’internato di Kamloops era stato costruito nel XIX secolo per integrare i minori della comunità Tk’emlups te Secwepemc nella società canadese.

Rosanne Casimir, responsabile della comunità Tk’emlups te Secwepemc (una delle 634 comunità originarie ancora esistenti in Canada, che raggruppano circa un milione di persone), è diventata da allora l’incaricata di comunicare gli sforzi per determinare le cause della morte dei piccoli e quando si sono verificate, visto che “non sono mai state registrate dalla direzione dell’internato”.

Uno scenario terribile

L’internato di Kamloops faceva parte delle 139 istituzioni che operavano, a nome del Governo del Canada, per integrare le comunità indigene nella società dominante. In questo caso, l’internato è stato inaugurato nel 1890 e ha chiuso definitivamente i battenti nel 1969. Nella sua epoca d’oro, negli anni Cinquanta del Novecento, è arrivato a ospitare fino a 500 minori, molti dei quali non sono più tornati dalle proprie famiglie.

Circa 150.000 bambini delle comunità indigene che vivevano nel territorio colonizzato che ora è il Canada vennero separati dalla loro lingua, dalla loro cultura e dalle proprie famiglie per essere inviati in una di queste 139 istituzioni gestite da organizzazioni ecclesiastiche o dallo stesso Governo canadese.

Secondo una Commissione Nazionale di Indagine istituita per analizzare questo episodio, probabilmente tra i 3.200 e i 5.000 piccoli indigeni morirono in questi internati – che funzionarono dal 1831 al 1996 –, la maggior parte per tubercolosi, anche se il numero potrebbe essere più elevato.

La Commissione, che ha concluso le sue indagini nel 2015, ha segnalato tutte le aggravanti del periodo in cui hanno operato gli internati e ha dichiarato che si è trattato di un “genocidio culturale”. Dopo essersi scusati con i sopravvissuti agli internati, nel 2008, la provincia canadese di Ottawa (che le ha assorbite fino alla fine) ha accordato loro un indennizzo di 1.250 milioni di dollari.

  • 1
  • 2
Tags:
bambinicanadapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni