Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

Il messaggio del vescovo a Giovanni Brusca: fai penitenza per tutta la vita

Alessandro Fucarini via wikipedia

Brusca al momento del suo arresto, nel 1996, quattro anni dopo la Strage di Capaci, di cui fu l'esecutore materiale.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 04/06/21 - aggiornato il 04/06/21

“Non bisogna fare confusione tra pentito e convertito. Dei suoi 150 delitti Giovanni Brusca ne ha commessi molti nel territorio della mia diocesi”, dice mons. Pennisi

Un messaggio del vescovo al super pentito di mafia scarcerato nei giorni scorsi, Giovanni Brusca. «Non bisogna fare confusione tra pentito e convertito. Dei suoi 150 delitti Bruscane ha commessi molti nel territorio della mia diocesi. Conosco la scia di sangue e dolore che ha lasciato dietro di sè», spiega alla Stampa.it (1 giugno) il vescovo di Monreale (Palermo) Michele Pennisi.

Il prelato è da settimane al lavoro nella commissione creata da papa Francesco in Vaticano per la scomunica delle mafie.

Bruciato il portone della chiesa 

Mons. Pennisi è da sempre in prima linea nella lotta alla criminalità mafiosa che per intimidirlo ha anche dato alle fiamme nella sua diocesi il portone della chiesa di Corleone. 

«Non entrando nel merito della vicenda, anche perché «non si conoscono i sentimenti di Brusca», il presule si pone «emotivamente dalla parte delle vittime che hanno bisogno di verità di giustizia». 

“Fare penitenza per tutta la vita”

Nelle parole del vescovo c’è l’invito a Giovanni Brusca a «fare penitenza per tutta la vita per gli atroci delitti commessi, riparare al male fatto, chiedere perdono ai familiari delle vittime e applicare la giustizia riparativa». 

«La questione centrale di fronte alla sua scarcerazione – evidenzia il vescovo di Monreale (Palermo) – è profonda e non attiene solo alle norme del diritto. Riguarda la verità».

Giustizia ripartiva

Parlando con il Sir, il presule aveva già ribadito che «purtroppo non è facile una vera conversione dei mafiosi che hanno fatto un giuramento pseudoreligioso di appartenenza a una struttura che di fatto è antagonista della Chiesa». 

«Una vera conversione esige una giustizia riparativa – ha sottolineato monsignor Pennisi -. La conversione dei mafiosi non può essere ridotta a un fatto intimistico ma deve avere una dimensione pubblica, essere seguita da una riparazione del male fatto, da una richiesta di perdono alle vittime e dall’abbandono della criminalità organizzata» (Agensir, 1 giugno).

La sorella di Falcone 

Maria Falcone, sorella del giudice ucciso insieme alla moglie e alla scorta nella strage di Capaci, si rivolge invece al mondo della politica e chiede che si approvi al più presto la riforma della legge sull’ergastolo ostativo: per la sorella di Giovanni Falcone concedere i benefici di legge a chi non si è mai pentito «sarebbe inammissibile e determinerebbe una reazione della società civile ancora più forte di quella causata dalla liberazione, purtroppo inevitabile, del “macellaio” di Capaci». 

«Brusca non mi ha mai contattato per chiedere perdono e non mi deve chiamare, il perdono non lo avrà» aveva detto al Tg2 Tina Montinaro, moglie di Antonio, caposcorta di Falcone anche lui ucciso nella strage di Capaci (Corriere della Sera, 2 giugno). 

Tags:
mafia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni