Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Il Louvre apre un settore dedicato a Bisanzio e ai Cristiani d’Oriente

TAJEMNICE LUWRU

Wikipedia | Domena publiczna

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 28/05/21

L'annuncio della presidente di fresca nomina Laurence des Cars fa seguito alla raccomandazione di Charles Personnaz a Emmanuel Macron.

I Cristiani d’Oriente acquistano visibilità: novella presidente del Louvre, mercoledì 26 maggio Laurence des Cars ha annunciato ai microfoni di France Inter la creazione di un nuovo settore del Louvre dedicato a Bisanzio e ai Cristiani d’Oriente.

Massimo museo al mondo per dimensioni e per frequenza, il Louvre non aveva fino ad oggi che otto settori: Pittura, Antichità egiziane, Antichità greche, etrusche e romane, Antichità orientali, Sculture, Oggetti d’arte, Arti dell’Islam e Arti grafiche. Questo nuovo dipartimento permetterà «di completare la tassonomia delle grandi collezioni del Louvre», ha spiegato Laurence des Cars:

Le collezioni legate a Bisanzio e ai Cristiani d’Oriente sono al momento “sparpagliate” tra gli altri settori, ma meritano un settore a sé stante.

Un patrimonio plurimillenario

Il Louvre – ha spiegato in un’intervista a La Croix Raphaelle Ziadé, responsabile del dipartimento bizantino del Petit Palais a Parigi – possiede dei pezzi notevoli, dai mosaici paleocristiani fino agli oggetti d’arte e ai manoscritti prodotti a Costantinopoli, e poi in Siria durante i secoli medievali, e in Egitto, senza dimenticare poi le icone… Ma sono opere disperse nei differenti settori e talvolta anzi un po’ “affogate”, al punto da diventare quasi degli “oggetti-fantasma”.

Il nuovo settore, dunque, permetterà di valorizzare il patrimonio plurimillenario delle comunità d’Oriente, nonché di portarle all’attenzione di un pubblico enorme e vario.

L’Œuvre d’Orient non ha tardato a rallegrarsi della notizia. La creazione del nuovo settore era stata raccomandata nel rapporto rimesso da Charles Personnaz a Emmanuel Macron nel gennaio 2019, relativamente al rinforzo dell’azione della Francia per la protezione del patrimonio del Medio Oriente.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
chiese orientalicristianesimomuseo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni