Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconApprofondimenti
line break icon

La Terra dei Fuochi si è presa il piccolo Gabriel

@DR

Lucandrea Massaro - pubblicato il 28/05/21

Solo 9 anni per il piccolo bimbo che viveva a pochi chilometri da Acerra. L'appello di Don Maurizio Patriciello al Papa

Ancora vittime nella cosiddetta “Terra dei Fuochi“, quel pezzo di terra che sta tra la provincia di Napoli e quella di Caserta resa velenosa dalle discariche abusive della Camorra e dai numerosi roghi di spazzatura che diffondono diossina. Una terra in cui il tasso di mortalità è più alto di almeno il 10% (il 10 per gli uomini, il 13% per le donne) rispetto al resto della Campania. In questa terra martoriata dal malaffare e dall’avidità ci sono molte persone che lottano per un futuro migliore, uno di essi è certamente Don Maurizio Patriciello che è la voce di moltissimi disperati che vivono in quei luoghi e che oggi, sulle pagine di Avvenire, ricorda il piccolo Gabriel che a soli 9 anni è tornato alla casa del Padre. Don Maurizio dice:

Gabriel va ad aggiungersi ai tantissimi bambini, adolescenti, giovani, che in questi anni sono volati in cielo, vittime di un sistema assurdo che per interesse o per negligenza miete migliaia di vittime innocenti. Finalmente, dopo anni di civilissime lotte e proteste, l’Istituto superiore di sanità, ha riconosciuto che nella nostra terra tra ambiente malsano e salute c’è un nesso di causalità. Lavoro in nero, evasione fiscale, industriali disonesti e camorra hanno causato ai cittadini danni incalcolabili. Gli scarti industriali vengono bruciati nelle campagne, sversati nei corsi d’acqua o addirittura interrati, con le conseguenze che ognuno può intuire. Purtroppo, come sempre accade quando gli uomini si fanno lupi dei loro fratelli, a pagare il prezzo più alto sono i più poveri, gli emarginati, i piccoli.

Avvenire

L’assedio della Camorra alla Terra dei Fuochi

Una terra ancora oggi sotto assedio da parte della criminalità che si insinua dentro le aziende, si infiltra dove può agire imponendosi con la forza e la paura, ma anche con i soldi e le promesse. Proprio oggi un nuovo blitz:

Quattro aziende sequestrate con sei persone denunciate per gestione illecita di rifiuti e utilizzo di manodopera in nero: è il bilancio dell’Action Day interforze realizzato nei comuni di Giugliano in Campania San Tammaro su disposizione dell’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania nell’ambito della Cabina di regia «Terra dei Fuochi», e con il coordinamento delle prefettura di Napoli e Caserta.

Il Mattino

Stare dalla parte dei poveri e dei deboli. Stare dalla parte di Cristo.

Ecco allora che l’appello di Don Maurizio risuona ancora più pressante, invoca il Papa, l’unica autorità morale a cui sembri interessare questa tragedia e che ha capito – Bergoglio – che le tragedie ambientali sono tragedie soprattutto per i poveri e i deboli, e che i più deboli di tutti sono i bambini e le loro vite da tutelare

I bambini, Santità! Abbiamo nei loro confronti tantissimi doveri e quasi nessun diritto. Ci furono affidati perché li aiutassimo a crescere nel migliore dei modi; a tenere sotto controllo gli egoismi personali, familiari, nazionali per godere la gioia di abbracciare e servire il mondo. Le orribili immagini dei bambini insepolti sulle spiagge libiche sono una coltellata al cuore. Ci chiediamo come sia possibile, come possa accadere, che il mondo possa sopportare la vista di bambini che muoiono annegati, di stenti, di freddo per inseguire, con le loro famiglie, l’antico e sempre nuovo sogno della libertà dalla fame e dalla violenza.

Don Maurizio Patriciello su Avvenire

E ancora: “La pandemia, Santità, ha colpito dappertutto, è vero. E rischia di raggelare il nostro sguardo e chiudere i nostri occhi e il nostro cuore. Ma, come una mannaia, si è abbattuta soprattutto su coloro che già soffrivano: i piccoli, i deboli, i senza voce E anche i nostri ammalati oncologici hanno avuto la peggio“.

A lui gli fa eco un altro prete che con forza si pone al fianco dei piccoli da anni, don Fortunato Di Noto, che protegge i bambini dagli orchi della Rete

Tags:
terra dei fuochi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni