Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Come posso aiutare chi amo a incontrare Dio? (VIDEO)

ANITA GIUSEPPE

Anita Baldisserotto|Mienmiuaif

Paola Belletti - pubblicato il 28/05/21

In questo video, comparso sul canale Youtube di Anita, Giuseppe, risponde alla domanda di un follower. "Come ha fatto tuo marito a farti innamorare di Dio?". La risposta è che ci pensa direttamente Dio ma che tu puoi farti strumento, testimone, intercessore. (E fare un podcast)

I Mienmiuaif: Giuseppe, sua moglie e Dio

Giuseppe Signorin ha una comicità seria che mi piace da matti. Siamo amici ormai da qualche anno, per questo scivolo quasi inconsciamente in un registro colloquiale. Giuseppe è un talento. Perché Anita, sua moglie? Lei è una perla rara, per come canta, per la sua sensibilità, per la bellezza e il suo impegno con la vita così totale da far impressione.

Questi due sposi hanno un modo di abitare i social che, insieme ad altri attivi su questi media, risponde a un finto impasse nel quale molti cattolici sono rimasti incastrati. Non esiste un aut aut tra testimonianza diretta, di persona, e presenza online. Il problema vero è di essere qualcuno, di avere un’identità e di decidere come portarla anche sui social.

Cattolici e social media: esiste il modo

La vera salvezza, semmai, sta nella misura (che in certi periodi può anche diventare estrema): per quanto tempo e cosa decido di comunicare sul web? E di più ancora: di cosa nutro la mia vita e la mia fede? come tengo in piedi la mia persona, che ritmo hanno le mie giornate, cosa leggo, come prego, quanto mi nutro dei sacramenti e della vita comunitaria della Chiesa?

Vi piacciono i podcast?

Questa intro è solo per dirvi che le parole chiave di questo video di coppia, che è stato pubblicato da Anita sul suo canale Youtube, sono due: podcast (Giuseppe dimostra di credere moltissimo nel podcast come format. Podcast-podcast-podcast. Deve avere anche una funzione di allenamento della dizione, una specie di scioglilingua insomma. Podcast. Ok, basta).

E la seconda parola chiave è testimone, anzi testimone giusto per te.

Questa seconda perifrasi-chiave è la risposta di Giuseppe, altresì detto “marito”, alla domanda di Anita, la moglie. O meglio la domanda è di un follower che, seguendo altri contenuti su Instagram, voleva sapere, da Giuseppe, come avesse fatto a farla innamorare di Dio.

Per prima cosa Giuseppe si premura di diffidare tutti i ragazzi dal guardare e dallo scrivere alcunché ad Anita. Solo dopo si appresterà a rispondere.

Consiglio per gli uomini

Mariti e fidanzati alla lettura: fate tesoro di questa e altre perle di saggezza del grande seduttore Giuseppe Signorin. Ogni tanto dimostrate di essere moderatamente gelosi di vostra moglie o fidanzata; una cosa semiseria, senza esagerare. Oppure esagerando al punto da farla ridere, altra tecnica sopraffina che il saggio Giuseppe usa con maestria e diffonde con il suo verbo da seduttore seriale ed esclusivo della sua cara moglie (è chestertoniano, in questo e altri tratti).

Comunque la risposta alla domanda Giuseppe l’ha data, ed è la seguente: non sarai tu, fidanzato o fidanzata, a far innamorare l’altro di Dio, ma sarà Dio stesso a farlo innamorare di Sé. Così ha fatto con Anita, sebbene lui, Giuseppe, resti un grande maestro di seduzione. (come racconterà in altri podcast, Ndr )

Dio attira a Sè ogni anima attraverso il testimone più adatto per lei

Interessante l’esempio che fa mettendo a paragone due santi, entrambi eroi del confessionale, ma profondamente diversi: San Leopoldo Mandić e San Pio da Pietralcina. Il primo, “larghissimo di manica”, avrebbe perdonato anche al semplici alzarsi di sopracciglio del peccatore riconducibile ad un quasi impercettibile pentimento; il secondo che a volte cacciava il fedele dal confessionale e senza dargli l’assoluzione. Entrambi, però, agivano in nome della misericordia di Dio, pescando allo stesso inesauribile tesoro.

Con Anita Dio probabilmente ha usato anche lo stesso Giuseppe; il suo stile fatto di ragioni, fonti autorevoli, e soprattutto di un nuovo modo di vivere la vita, è servito alla conversione di Anita. Più di tutte le risposte dell’allora fidanzato ciò che le ha permesso di fare uno dei passi più decisivi è stato il suo invito a rivolgere le sue questioni e rimostranze direttamente a Dio: che fosse Lui a dare ad Anita le risposte che cercava, che fosse Lui a mostrare la Sua presenza. Ha sfidato entrambi, fidandosi del Padre e anche della fibra di Anita. E qualcosa è successo.

Ecco, quel modo, era quello giusto per lei, per le caratteristiche della sua anima e per la storia che stava vivendo.

Certo sono volati stracci; si è arrivati ai ferri corti e a pensare addirittura di lasciarsi, racconta il duo con l’anello. E questa tensione in una coppia dove uno crede e l’altro no è quasi inevitabile. Al punto che, se l’altro non mi permette di continuare il mio cammino di fede, posso arrivare a capire che non è la persona con la quale impegnare una vita intera e il suo significato.

Buona visione, cari lettori. (Perché non è un podcast ma un vlog. Capito Giuseppe?)

(nb: in questo post nessun podcast è stato maltrattato)

Tags:
conversionetestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni