Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconChiesa
line break icon

Il Papa ha baciato il braccio di una donna sopravvissuta ad Auschwitz

LIDIA MAKSYMOWICZ

Handout / VATICAN MEDIA / AFP

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 27/05/21

Lidia Maksymowicz ha ispirato il documentario “70072: La bambina che non sapeva odiare”. Aveva due anni quando ha subìto le sperimentazioni naziste

Papa Francesco ha baciato il braccio di Lidia Maksymowicz, polacca di origine bielorussa sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti.

Al termine dell’udienza generale di questo mercoledì, 26 maggio, Lidia, 81 anni, ha mostrato al Papa il tatuaggio sulla pelle del braccio. La donna ha tatuato il numero ‘70072’, che ricorda la sua deportazione nel campo di concentramento di Auschwitz.

Papa Francesco si è subito chinato a baciare quella “ferita” aperta nella storia dell’umanità: 200.000 bambini assassinati.

Lidia ha consegnato al Pontefice tre regali simbolici. Il primo è stato la memoria, rappresentata da un fazzoletto a righe blu e bianche con la lettera “P” di Polonia. Il panno ha uno sfondo triangolare rosso, che quasi tutti i prigionieri polacchi utilizzano nelle cerimonie di commemorazione.

Il secondo regalo è la preghiera. Lidia ha consegnato al Papa un rosario con l’immagine di San Giovanni Paolo II. Il terzo regalo simboleggiava la speranza: un quadro che la ritrae da bambina, mano nella mano con sua madre. Un’immagine di loro che si osservano a distanza all’ingresso del lager de Birkenau.

La vita di Lidia ha ispirato il documentario “70072: La bambina che non sapeva odiare”, che racconta la sua deportazione ad Auschwitz Birkenau quando non aveva ancora tre anni.

La piccola ha trascorso tre anni nel “blocco infantile”, in cui è stata costretta a sottoporsi a vari esperimenti medici da parte del famigerato dottor Mengele, tra cui inoculazione di virus e soluzione salina.

Di quel periodo ricorda la fame, i pidocchi, il terrore quando arrivavano i medici e si faceva l’appello. I bambini erano chiamati in base al numero che avevano tatuato sul braccio.

I bambini non sono mai stati chiamati per nome, e quando uno moriva veniva sostituito con un altro. I piccoli prigionieri hano affrontato la crudeltà delle SS e il freddo polacco nelle baracche.

Lidia visita ora vari Paesi europei per raccontare la sua storia ai giovani, anche se il ricordo di Auschwitz la fa soffrire, riaprendo dolorose ferite.

Tags:
auschwitzpapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni