Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

I catechisti sono la spina dorsale della Chiesa

UKRAINE

Aid to the Church in Need

Maria Lozano - pubblicato il 27/05/21

Il catechista John Joseph Gazi

Un catechista in Uganda predica la riconciliazione anziché la vendetta

La storia delle persone dietro questi progetti è spesso notevole. John Joseph Gazi, dell’Uganda, è uno dei catechisti che hanno ricevuto aiuti da ACS. È originario del Sud Sudan. Nel più giovane Paese africano, che ha ottenuto l’indipendenza solo nel 2011, è in atto un conflitto brutale nonostante tutti gli sforzi per stabilire la pace. La lotta riguarda il potere e i conflitti etnici, e la famiglia di John non è riuscita a salvarsi. “Mio padre, mia sorella e mio fratello sono stati tutti uccisi. È accaduto nell’arco di pochi minuti”, ha detto ad ACS.

Lui è riuscito a fuggire nel confinante Uganda, dove più di un milione di persone vive nei campi di rifugiati. Anche peggiori di tutte le privazioni sono le cicatrici inflitte all’anima, soprattutto dei giovani, molti dei quali sono stati costretti a diventare bambini-soldato durante i conflitti.

John crede di essere stato mandato lì per loro. “Molti sono pieni di odio e di senso di vendetta. Parlo loro del perdono”.

John ha perso quasi tutto, ma non la fiducia in Dio. È per questo che ha completato la formazione da catechista. Lui preferisce chiamarsi “evangelizzatore”, portando la Buona Novella ai poveri e ai disperati.

Riportare le anime a Dio”

La sua formazione all’Emmaus Centre, vicino alla capitale dell’Uganda, Kampala, è stata resa possibile da ACS. Al Centro, i giovani sono formati per guarire le ferite inflitte all’anima del loro popolo e a stare accanto ai compatrioti mentre affrontano le tante avversità. Un’altra “battaglia”, ma del tutto diversa e più promettente di quella che imperversa nella sua patria. “Ora sono un soldato per Gesù”, dice John. “Sto lottando per riportare le anime a Dio”.

John visita la gente del suo Paese che lotta per sopravvivere e rifarsi una vita in Uganda – una vita senza violenza e guerra. “Voglio riportare la vita agli abitanti del Sud Sudan”, dice, aggiungendo che parla della fede, offre conforto, ascolta le storie terribili delle persone traumatizzate e dà tutto l’aiuto che può. All’Emmaus Centre, John e altri che lavorano con lui sono stati formati non solo nel catechismo, ma anche in psicologia. Oltre alle esperienze di guerra, povertà e disoccupazione, un altro grande problema tra i rifugiati è l’abuso di alcool.

La “battaglia” contro gli effetti della guerra continua, ma John è certo che alla fine ne varrà la pena. “Grazie alla mia formazione come catechista, resa possibile da ACS, ora sono in grado di portare speranza e amore al mio popolo”, dice.

  • 1
  • 2
Tags:
catechista
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni