Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

Il caso dei satanisti di Modena e don Giorgio Govoni su Amazon Prime

video.repubblica.it - screenshot

Don Giorgio Govoni, accusato di essere a capo di una banda di pedofili nella Bassa Modenese: fu assolto da ogni accusa. Ma il suo cuore non ha retto allo stress di una vicenda assurda.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/05/21 - aggiornato il 26/05/21

"Veleno", il podcast di Pablo Trincia sui "diavoli della bassa modenese", è diventato una docuserie in streaming, che racconta i clamorosi errori di un processo su presunti pedofili, tra cui un sacerdote innocente

Da martedì 25 maggio è in streaming su Amazon Prime Video la docuserie TV “Veleno”. E’ tratta dall’omonimo podcast e dall’omonimo libro e storia vera di un presunto giro di pedofili satanisti legati alla setta dei cosiddetti “diavoli della bassa modenese”. Tra essi anche un sacerdote: don Giorgio Govoni

La presunta setta

Al centro della trama ci sono i fatti realmente accaduti tra il 1997 e il 1998 nelle cittadine di Mirandola e Massa Finalese. Partendo dalla denuncia di un bambino, la polizia ipotizzò l’esistenza di una setta satanica. I membri, a partire da don Giorgio Govoni, avrebbero organizzato riti nei quali bimbi e bimbe venivano molestati e in alcuni casi anche uccisi. 

PEDOFILIA

I minori allontanati 

Sulla scorta delle indagini sedici minori furono allontanati dalle rispettive famiglie e affidati dai servizi sociali ad altri nuclei familiari. Il processo però concluse che non vi furono riti satanici, né molestie e tanto meno omicidi. Secondo l’ipotesi accolta dal tribunale gli interrogatori avevano inculcato nei bimbi delle false memorie, portando a un “falso ricordo collettivo“. Intanto don Giorgio Govoni morì di crepacuore. 

Da Trincia ad Amazon

La vicenda di quelli che i media chiamarono i “diavoli della bassa modenese” spinse il giornalista e personaggio televisivo Pablo Trincia, che fra le altre cose è stato un inviato del programma ‘Le iene’, a realizzare insieme ad Alessia Rafanelli il podcast ‘Veleno’: l’inchiesta audio fu pubblicata in sette puntate dal quotidiano La Repubblica. Successivamente, nel 2019, Trincia riassunse la storia in quello che divenne il suo primo libro, intitolato ‘Veleno. Una storia vera’ e pubblicato da Einaudi.

Quel medesimo materiale di cronaca ora nutre la docuserie di Amazon. È stata scritta e diretta da Hugo Berkeley (quotidiano.net, 24 maggio).

L’avvocato di don Giorgio

Tra i protagonisti della docuserie, c’è l’avvocato del sacerdote, Pier Francesco Rossi. «Le famiglie erano tutte a favore di don Giorgio Govoni – ricorda -. L’unica chiacchiera su di lui è che era un sacerdote “poco curiale”, a volte appariva trasandato, non sempre curato. Riceveva i fedeli in un ristorante locale». 

Una sua giovane parrocchiana lo ricorda così: «Era una persona che ha aveva un certo fascino: ha dato un nuovo volto alla Chiesa locale. Aveva tanta gioventù con lui perchè ha fatto da filtro tra una Chiesa ormai vecchia e un nuovo modo di evangelizzare. Ci faceva anche divertire, organizzava le gite». Eppure per anni, don Giorgio Govoni è stato etichettato come il capo della fantomatica setta. Un dispiacere troppo grande è stata la condanna nel 2000 in primo grado a 14 anni. Poi rovesciata, fino all’assoluzione post mortem della Corte d’Appello di Bologna.   

Tags:
pedofilia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni