Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconStile di vita
line break icon

Come identificare l’abuso psicologico?

WYKORZYSTYWANIE SEKSUALNE

SOMKID THONGDEE | Shutterstock

Psiconlinews - pubblicato il 26/05/21

L'abuso emotivo si verifica all'interno dei rapporti familiari, professionali e sociali, e ha un obiettivo specifico

Gli abusi psicologici fanno parte delle conversazioni, vengono discussi nei media, in scuole e università, tra parenti e amici. Molti conoscono il meccanismo di questo tipo di violenza, che lega tante persone alla sofferenza, ma si parla poco di una questione altrettanto importante: i danni provocati alla salute emotiva e fisica.

E non sono pochi. “All’inizio, quella che si verifica è una relazione stressata, ansiosa e con senso di colpa nei confronti dell’aggressore. Col passare del tempo, la persona può sviluppare ansia in altri rapporti, tirarsi indietro a livello sociale, bassa autostima e di conseguenza depressione”, riassume Maycoln Teodoro, docente di Psicologia dell’Universidade Federal de Minas Gerais (UFMG, Brasile) e membro del consiglio direttivo della Sociedade Brasileira de Psicologia (SBP).

L’abuso emotivo si verifica all’interno dei rapporti familiari, professionali e sociali, e ha un obiettivo specifico: provocare sofferenza a una delle parti. Critiche malvagie, accuse, ricatti, offese, disprezzo, ironia, minacce velate, silenzio come forma di punizione, controllo di ogni passo della vittima, frasi pronunciate con il proposito di confondere e altri comportamenti vengono ripetuti dall’abusatore nell’arco del tempo. Ciò fa sì che la persona abusata perda l’equilibrio necessario per avere una vita piena.

Difficile da interpretare

A differenza delle malattie fisiche, che provocano sintomi facili da riconoscere, i segni della violenza psicologica sono più difficili da interpretare. Secondo Luiz Cuschnir, psichiatra e coordinatore del Grupo de Gêneros do Ipq-FMUSP dell’Istituto di Psichiatria della Facoltà di Medicina dell’Università di San Paolo (Brasile), chi subisce abusi psicologici in genere si sente infelice, anche se apparentemente ha la vita che desidera, e prova spesso tristezza senza saperne il motivo.

La persona può anche presentare sintomi caratteristici della depressione, come volontà di piangere, anedonia (perdita della capacità di provare piacere o di divertirsi), ansia, paura e disinteresse per tutto. Questo insieme di sensazioni fa sì che la vita perda la sua “scintilla”. “C’è un impoverimento delle esperienze che corrispondono alle sue capacità, diminuendo il suo potenziale vitale. Sentimenti o pensieri in cui ci si sminuisce e non ci si ama, senza empatia, senza risonanza amorevole”, spiega l’esperto.

Lo stress e l’ansia che la vittima prova sono così forti che la fanno vivere in uno stato di allerta costante, provocato dalla paura di contrariare o deludere l’abusatore. “Questo tipo di relazione fa sì che l’abusato si senta incapace, timoroso, con scarsa autostima e paralizzato nella relazione”, afferma Teodoro. La violenza psicologica può essere dolorosa quanto quella fisica o sessuale.

Oltre alla salute mentale, anche quella fisica risente di conseguenze dirette o indirette. “Ad esempio, la privazione, la bassa qualità e l’eccesso di sonno favoriscono processi ormonali che influiscono su vari sistemi. Possono poi verificarsi problemi alimentari, dipendenze e abusi da sostanze e da alcool, disfunzioni gastrointestinali, problemi dermatologici, ortopedici e posturali”, cita Cuschnir.

Molta gente crede che gli abusi psicologici siano praticati solo da psicopatici o narcisisti perversi, ma non è così. È vero che alcuni disturbi possono acuire questo comportamento, ma chiunque può agire in questo modo, per vari motivi.

“Ad esempio”, analizza Teodoro, “il razzismo e il machismo ricoprono un ruolo importante in questo tipo di abuso, perché creano un immaginario in cui una persona si sente in diritto di togliere la voce a un’altra giudicandosi superiore”.

Tags:
abusipsicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni