Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconCultura
line break icon

“Adoquines del Pilar”, la caramella gigante dedicata alla Madonna

ADOQUINES

Tamorlan-(CC BY-SA 4.0)

Merche Crespo - pubblicato il 25/05/21

Questo dolce, tipico della città spagnola di Saragozza, può pesare anche mezzo chilo

Adoquines del Pilar, questo il nome del dolce tipico della città spagnola di Saragozza che può arrivare a pesare anche mezzo chilo ed è avvolto in una carta che riporta l’immagine della Madonna del Pilar, patrona dell’ispanicità.

Se siete mai stati a Saragozza, sede della basilica del Pilar e uno dei centri mariani più importanti al mondo, vi sarete resi conto che la città ruota intorno alla basilica, situata sulle rive del fiume Ebro.

Passeggiando per Plaza del Pilar e altre strade vicine, chi non è rimasto sorpreso vedendo delle caramelle giganti avvolte in una carta con l’immagine della Madonna? Oserei dire che sia uno dei souvenirs più tipici della città, oltre ad essere probabilmente la caramella più grande mai vista.

L’origine della caramella

Questi dolci di dimensioni considerevoli e a forma di ciottoli, che imitano la pavimentazione delle strade vicine alla basilica, sono state ideate nel 1928 dal pasticcere Manuel Caro Gormaz a Calatayud, un paese vicino a Saragozza.

Attualmente è suo nipote, José Caro, che guida la ditta Caro, che produce ancora queste caramelle al sapore di fragola, limone, arancia e anice.

Avvolti in carta con l’immagine della Madonna

Ma cosa rende queste caramelle tanto speciali? Probabilmente le loro grandi dimensioni e la forma a ciottolo, ma è l’immagine della Madonna del Pilar, stampata sulla carta che le avvolge, a renderle un prodotto unico e molto amato da tutti gli abitanti di Saragozza e da chi visita la città.

La carta, a sfondo bianco, contiene l’immagine della Vergine con il manto di colori diversi in base al sapore della caramella. I bordi della carta imitano poi il fazzoletto tipico della regione spagnola dell’Aragona, il cosiddetto cachirulo, una tela a quadretti con cui gli uomini si coprono la testa e che fa parte dell’abito tradizionale della zona.

  • 1
  • 2
Tags:
dolcemadonnaspagnavergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni