Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconApprofondimenti
line break icon

Vaccini anti-Covid: efficacia, sicurezza ed etica

Josep Maria Simón - pubblicato il 20/05/21

Intervento del dottor José María Simón Castellví, presidente emerito della Federazione Internazionale dei Medici Cattolici (FIAMC), sui vaccini anti-Covid, intitolato “Efficacia, sicurezza ed etica” e ditribuito dalla pagina web della Federazione

Ci sono tre fattori di cui tener conto quando ci interroghiamo sulla qualità di un vaccino o di qualsiasi altro farmaco: efficacia, sicurezza ed etica. Sono come le tre gambe di uno sgabello, e non ne può mancare nessuna perché questo si tenga in piedi.

L’efficacia dei vaccini contro il Covid-19 approvati negli Stati Uniti, in Inghilterra o nell’Unione Europea è ben studiata e contrastata. Funzionano. La comparsa di varianti del virus obbligherà forse in futuro a modificarne le formule, ma funzionano, e i nostri anziani ne stanno già beneficiando.

Anche la sicurezza dei vaccini è stata ben studiata, ed è sottoposta a controlli periodici per evitare e minimizzare le sorprese. Tutti i farmaci efficaci possono avere effetti secondari, che si trattano con le armi a disposizione della Medicina. Quando si distribuisce un vaccino, inoltre, si cerca di far sì che i suoi rischi siano di gran lunga inferiori a quelli della malattia che combatte. È vero che non conosciamo le conseguenze a lungo termine, soprattutto dei vaccini a m-RNA, che sono nuovi per l’umanità. Si suppone che non daranno problemi, ma a lungo termine per tanti aspetti non è prevedibile. L’m-RNA non entra nel nostro DNA. Si degrada in circa tre settimane.

L’etica è un fattore chiave sia per i professionisti che per chi riceve il vaccino. Nei saggi clinici precedenti all’approvazione dei farmaci si tiene sempre conto degli aspetti etici. Ad esempio, si conta sul consenso informato dei volontari che lo proveranno prima che venga distribuito al pubblico in generale. I volontari vengono studiati attentamente, e se necessario vengono risarciti.

Alcuni gruppi e persone hanno serie remore a raccomandare o a lasciarsi somministrare i vaccini, perché circolano voci sul fatto che siano prodotti con cellule di feti abortiti.

Va detto che i vaccini Pfizer e Moderna non hanno utilizzato nella loro produzione linee cellulari di feti abortiti decenni fa. Le hanno forse utilizzate nelle fasi sperimentali preliminari, ma non nella produzione del farmaco.

Gli altri vaccini approvati in Europa e negli Stati Uniti hanno utilizzato, a quanto pare, queste linee cellulari nella loro produzione. Se si potesse scegliere (e forse in futuro si potrà scegliere nelle farmacie il farmaco per la ri-vaccinazione), io sceglierei Pfizer o Moderna.

Attualmente, però, noi cittadini non possiamo scegliere. La Federazione Internazionale dei Medici Cattolici (FIAMC), in linea con quanto stabilito dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, pensa che la collaborazione con il male dell’aborto sia remota, e visto che la Medicina dice che i vaccini sono necessari per sconfiggere il virus, non si agisce contro la morale se ci si lascia vaccinare, anzi, si contribuisce al bene comune.

Spesso noi esseri umani collaboriamo senza volerlo remotamente con il male: ad esempio, comprando un prodotto di un’impresa che maltratta i suoi lavoratori o investendo in piani pensionistici che forse stanno finanziando fabbriche di armi offensive.

  • 1
  • 2
Tags:
vaccini anti Covid
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni