Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconStorie
line break icon

Funerali Battiato, il prete: non temeva la morte, per lui era trasformazione

Elena Aquila / NurPhoto via AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/05/21

Il cantautore siciliano non aveva paura di morire secondo padre Guidalberto Bormolini, con cui condivideva riflessioni e pensieri spirituali. "Solo un miracolo poteva salvargli la vita"

Sono stati celebrati nella mattinata del 19 maggio 2021 i funerali di Franco Battiato: secondo il monaco che ha concelebrato le esequie, padre Guidalberto Bormolini, suo caro amico, Battiato gli aveva rivelato di non temere la morte.  

Chi c’era ai funerali

C’erano gli amici più cari, il fratello Michele, la nipote Grazia, e poi i musicisti più legati a lui, Alice, Carmen Consoli e Luca Madonia, al capezzale di Franco Battiato morto il 18 maggio 2021 all’età di 76 ani nella sua casa di Milo sull’Etna, la residenza che aveva scelto dopo la sua lunga attività a Milano. 

Il rito funebre è stato officiato nella cappella di villa Grazia (che il cantautore aveva dedicato alla madre) da padre Bormolini, insieme a padre Orazio Barbarino.

“Solo un miracolo poteva cambiargli la sorte”

«Grande dignità quella dei familiari di Franco – ha esordito il prete durante l’omelia dei funerali di Battuato – in un momento di grande sconforto. Solo un miracolo poteva cambiare la sorte di Franco. Il suo ultimo momento di vita è stata come una piccola luce che si spegne per avvicinarsi ad una luce più grande…».  Il corpo del cantautore, per un suo preciso volere, sarà cremato e le spoglie ritorneranno a villa Grazia (Rainews, 19 maggio)

Battiato non aveva paura di morire

Franco Battiato, ha detto padre Bormolini, non aveva di certo paura della morte. «La morte per lui era trasformazione, era viaggio nel nuovo». Il religioso amico del cantautore siciliano a Vatican News ha tratteggiato il percorso spirituale di un cantautore sui generis. Che alla ricerca musicale ha affiancato un progressivo cammino di ricerca spirituale, una riflessione poetica e soprattutto filosofica grazie alla collaborazione  – negli anni novanta – con il filosofo Mario Sgalambro. 

Spirito e materia

«Nel periodo in cui abbiamo lavorato insieme al docufilm era molto interessato anche alle teorie tibetane – ha affermato Bormolini -. Il fatto che ci potesse essere sempre la possibilità di ritornare in vita dopo la morte era certamente una di quelle cose che non escludeva assolutamente dal suo orizzonte, questo era abbastanza chiaro nel suo pensiero. Ma quello che conta più di tutto, secondo me, è che Battiato credeva più nel mondo dello spirito che nel mondo della materia. Sapeva che c’era la possibilità di aprirsi a un mistero spirituale di bellezza a cui la porta della morte avrebbe potuto dargli accesso, anche in modo definitivo. Di questo era fermamente convinto», ha spiegato Bormolini che ha avuto modo di approfondire il tema della vita dopo la morte attraverso tanti incontri.

“Era affascinato dai mistici”

Padre Bormolini ha raccontato anche che Franco Battiato ha avuto un suo percorso interiore molto ricco e che «si era aperto moltissimo alla mistica cristiana, contento di averne scoperto degli aspetti significativi». 

Poi, ha proseguito il monaco, «aveva la passione di fare comparazioni, per cui notava delle peculiarità che trovava, magari, in altre esperienze mistiche di altre religioni. Questo faceva parte proprio del suo modo di ricercare. Era affascinato dalla tradizione della mistica cristiana. Ovviamente, visto il personaggio, manteneva chiaramente il suo pensiero un po’ anticlericale, un po’ antistituzionale» (Il Messaggero, 19 maggio).

Tags:
franco battiatofunerali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni