Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconNews
line break icon

La declinazione digitale di “comunità”: la Social Community

By Rawpixel.com | Shutterstock

Umberto Macchi - pubblicato il 18/05/21

Prosegue la nostra serie di articoli per comprendere i meccanismi della rete e abitarli con consapevolezza e serenità

Una sorta di ritrovo virtuale in cui si condividono interessi e passioni, si scambiano opinioni e si intraprendono discussioni (talvolta animate) con altri utenti del web. In pratica è un gruppo di individui simili collegati da interazioni digitali. Il fine? Imparare, comunicare, conoscere, e svagarsi.

Che cosa sono le social community

Una social community online è una piattaforma per la discussione di argomenti che una comunità digitale, appunto, trova reciprocamente interessanti o utili, rappresentando un’identità ben precisa dei soggetti che la popolano. È uno spazio libero in cui sono concentrate idee, dubbi e soluzioni. Che si tratti di un gruppo Facebook o della pagina ufficiale della Santa Sede, di un gruppo Linkedin o di un flusso di conversazioni su Twitter, il concetto è sempre lo stesso: quello di una piazza virtuale in cui si ha la possibilità di incontrare altre persone e scambiare quattro chiacchiere.

Le social community fanno interagire persone con gli stessi interessi, che vanno dalle credenze religiose alle idee politiche fino agli hobby e alle passioni. La community si basa su tre caratteristiche fondamentali:

  • è un luogo (virtuale)
  • deve essere attiva e aggiornata
  • deve avere un codice di condotta e delle regole da rispettare (una netiquette)

Ecco perché una community, per funzionare, ha bisogno di due figure fondamentali: il Content Creator (chi si espone come protagonista e comunica con gli altri utenti) e il Community Manager (chi dirige la community e si assicura che le regole vengano rispettate). Oggi il fenomeno delle community è anche uno strumento di marketing per molti brand: per questo, nell’ambito del Social Media Marketing, si parla di Brand Community.

Come si sviluppa

L’interesse o la passione per un determinato argomento è il perno delle community, che può essere indirizzata a qualsiasi tematica, può essere adatta a qualsiasi età, può utilizzare il mezzo di comunicazione che sente più vicino alla propria visione. Quali sono i mezzi di comunicazione più utilizzati? Ovviamente Facebook, Instagram, Twitter, Tik Tok, Snapchat, i vari forum o le app di Social Messaging come Whatsapp o Telegram. I social network, inoltre, che sono i veri pilastri della nuova interazione digitale, hanno sempre più sviluppato delle caratteristiche in grado di soddisfare il desiderio di interazione tra gli utenti, focalizzandosi non a caso su una politica di supporto e vicinanza ai clienti e rafforzando il senso di appartenenza di questi ultimi a un gruppo.

Come si gestisce una community?

Due gli ingredienti fondamentali: impegno e costanza. E poi scegliere il proprio target e definire gli obiettivi fin dall’inizio, trovare sempre argomenti che possano interessare i propri follower, fare storytelling suscitando emozioni vere e coinvolgendo in modo attivo il nostro pubblico. Inoltre è davvero importante continuare a formarsi, sempre e comunque, perché i social cambiano di continuo, costringendoci in tal modo a “stare sempre sul pezzo”.

Tags:
social network
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni