Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconArte e Viaggi
line break icon

Sapete qual è stato l’ultimo luogo che Gesù ha calpestato su questa terra?

SHUTTERSTOCK

Inma Alvarez - pubblicato il 17/05/21

La cappella dell'Ascensione è oggi un pallido riflesso del singolare edificio originale

Secondo i Vangeli, Gesù si è congedato dai Suoi discepoli per sempre dalla sommità del Monte degli Ulivi, da dove è salito al cielo per non tornare.

Nonostante l’importanza di quel momento per i seguaci di Gesù e la localizzazione relativamente facile, il luogo dell’Ascensione non è uno dei più “emblematici” della Città Santa, come possono essere la basilica del Santo Sepolcro o quella del Getsemani.

Il motivo è che il luogo è sotto giurisdizione musulmana, e il culto cristiano non vi è permesso se non in modo sporadico. Si può visitare, ovviamente, pagando una cifra simbolica.

Le distruzioni costanti e la perdita della proprietà da parte dei cristiani hanno impedito che arrivasse fino a noi quello che è stato uno degli edifici più singolari della Terra Santa: una basilica senza tetto, in cui i fedeli potevano immaginare il tragitto seguito da Gesù fino alla destra del Padre.

Secondo quanto ha spiegato l’eminente archeologo francescano Florentino Díez nella sua Guida della Terra Santa, fin dall’antichità esistono testimonianze, come quella della pellegrina Egeria, che parlano dell’esistenza di un imbomon, un edificio a cielo aperto in cui i cristiani celebravano il culto.

Una storia travagliata

L’imbomon venne distrutto dai Persiani nel 614 e ricostruito dal patriarca Modesto, mantenendo la caratteristica volta aperta attraverso la quale si vedeva il cielo. Al suo interno, l’imbomon – come oggi la piccola cappella esistente – ospitava quella che per tradizione si crede sia stata l’ultima pietra toccata da Gesù prima di salire al cielo, sulla quale si possono ancora individuare le orme lasciate dai Suoi piedi:

chapel ascension

All’epoca delle Crociate, l’edificio venne demolito e fu costruita una specie di portico a cielo aperto, la costruzione attuale, a cui i musulmani hanno aggiunto una cupola, chiudendo il tetto e impedendo la vista verso l’alto, ponendo così fine alla singolarità di questo luogo.

Anche le costruzioni adiacenti sono state distrutte dai musulmani. Si conserva solo la piccola cappella, perché anche per l’islam è un luogo sacro, considerando la venerazione nei confronti del Figlio di Maria.

La Cappella dell’Ascensione resta comunque uno dei luoghi degni di visita a Gerusalemme, sul Monte degli Ulivi, vicino alla grotta in cui la Tradizione afferma che Gesù insegnò ai discepoli a recitare il Padre Nostro, e alla basilica Dominus Flevit, in cui il Signore pianse per Gerusalemme. Il panorama della Città Santa dalla cima del monte è spettacolare.

Tags:
cappellagerusalemmegesù
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni