Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
Perle dal Web
separateurCreated with Sketch.

La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia

WEB3-COLOMBIA-JESUS-Felipe-Gomez-Viral.jpg

Lucía Chamat - pubblicato il 14/05/21

Molti hanno visto nella foto un messaggio di speranza per la popolazione nel contesto della crisi politica e sociale che vive il Paese

Una curiosa fotografia di “Gesù” che circola sulle reti sociali sta diffondendo speranza in tutta la Colombia. Nell’immagine, si vede un poliziotto davanti a un altro uomo, che molte persone sostengono sia Gesù di Nazaret.

Il poliziotto che appare nella foto ha raccontato ai colleghi che l’uomo si è inginocchiato, ha alzato le mani al cielo e ha pregato, per poi riprendere la sua strada.

L’immagine è stata scattata all’esterno di una postazione di Polizia tra le città di Cali e Palmira. Nelle ultime settimane, la regione ha sofferto molto per via dei conflitti sociali che vive la Colombia. Si sono scatenate proteste contro una proposta di riforma tributaria, e le rimostranze sono sfociate in un conflitto violento tra le forze di sicurezza colombiane e i manifestanti.

La foto di “Gesù” è stata scattata dal cellulare di una poliziotta, e ha richiamato l’attenzione visto che il superiore dell’agente parlava con una persona molto simile a Gesù. “Un uomo dai capelli lunghi, e con un mantello come abito”, ha descritto.

Emozione, consolazione, speranza, felicità e pace sono i sentimenti che centinaia di persone hanno espresso vedendo l’immagine. Indipendentemente dal fatto che si tratti di un fenomeno soprannaturale o meno, vedono nella foto di “Gesù” in Colombia la riaffermazione del fatto che Dio è accanto al Paese. Molti hanno dubitato dell’autenticità dell’immagine.

Preghiera davanti alla Vergine Maria

Il cantante e compositore cattolico Felipe Gómez dice di aver ricevuto la testimonianza di una delle persone che hanno vissuto quel momento, che l’ha autorizzato a pubblicarla:

“Il superiore commenta che quest’uomo gli ha chiesto se lì vicino c’era un fiume in cui potersi lavare. Non essendoci, il capo gli ha detto che dietro la postazione della Polizia c’era un tubo”.

La testimonianza condivisa da Felipe Gómez su Facebook prosegue spiegando che dopo essersi lavato l’uomo si è incamminato verso una grotta in cui c’è un’immagine della Madonna:

“Ha steso il suo mantello rosso a terra, si è inginocchiato, ha alzato le mani, ha chinato la testa e ha pregato per un momento. Poi ha alzato le braccia, ha steso le mani, ha guardato il cielo e con gli occhi pieni di lacrime ha continuato a pregare per un tempo più lungo”.

Quello che è accaduto in seguito ha richiamato l’attenzione di chi ha assistito alla scena:

“Al termine della sua preghiera, l’uomo ha pronunciato parole incomprensibili per la poliziotta e i suoi compagni. Erano termini molto brevi, e non siamo riusciti a comprendere la lingua”. Dicono che l’uomo abbia poi ripreso il suo cammino e tutti siano tornati al proprio lavoro. In seguito hanno preso l’auto per ritrovare l’uomo, ma non lo hanno più visto.

Un messaggio di consolazione

“Indipendentemente dal fatto di credere o meno che si tratti di una manifestazione soprannaturale, dobbiamo vedere (la scena) in una prospettiva di fede. Qualsiasi espressione di questo tipo non dev’essere misurata in base alla spettacolarità, ma per l’effetto che produce nelle persone – e quei poliziotti sono rimasti toccati da ciò che hanno visto e si sono sentiti protetti”, ha affermato fra’ Carlos Alzate, rettore del Santuario di Nostra Signora del Rosario di Chiquinquirá.

“La Colombia ha bisogno di una grande riconciliazione e di una fede che ci renda più coerenti”, ha aggiunto. “Questo è un Paese a maggioranza cattolica, che non può continuare ad affrontare livelli tanto alti di miseria, insicurezza e corruzione”.

Tags:
colombiafotogesù
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni