Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconStorie
line break icon

“Maria, madre mia”. Così ripeteva Giovanni Paolo II ferito dopo l’attentato

EAST NEWS

L'attentato del 13 maggio 1981. Il Papa si è affidato all'intercessione della Madonna di Fatima.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/05/21

Il cardinale Stanislao Dziwisz, arcivescovo emerito di Cracovia e già segretario personale di Giovanni Paolo II, rivela che in quei drammatici istanti il Papa ha invocato ripetutamente l'aiuto della Madonna

Il retroscena dell’attentato a Giovanni Paolo II, rivelato dal suo segretario personale.  «In ambulanza il Papa si mise a pregare la Madonna. Si sentivano poche parole ma lui ripeteva il nome di Maria. E proprio in ambulanza a pochi minuti dall’attentato il Papa aveva già perdonato chi gli aveva sparato, non sapendo chi fosse quella persona». 

Così il cardinale Stanislao Dziwisz, arcivescovo emerito di Cracovia e già segretario personale di Giovanni Paolo II ricorda il tragico attentato al Papa, di cui oggi ricorre il quarantesimo anniversario.

Dziwisz è intervenuto nello speciale di Tv200013 maggio 1981 – Il proiettile deviato’, condotto da Paola Saluzzi nella serata del 12 maggio 2021.

Il primo sparo

Il cardinale Dziwisz su Tv2000, ripercorre gli istanti successivi all’attentato subìto da Papa Wojtyla: «Si sentiva il rumore della piazza e il pianto. La gente non sapeva cosa fosse accaduto». 

«Avevo udito il primo sparo – continua lo storico segretario di Giovanni Paolo II – che fece sollevare in volo uno stormo di colombi. Erano come imbizzarriti. Subito dopo, il secondo colpo. Il Santo Padre cominciò ad accasciarsi su un fianco, addosso a me. Cercavo di sorreggerlo, ma lui era come se si lasciasse andare. Aveva in volto una smorfia di dolore. Era stato colpito. Gli chiesi: “Dove?”. E lui rispose: “Al ventre”. E io: “Fa male?”. E lui: “Fa male”. E subito gli ho domandato: ‘Cosa è successo?’ e lui mi rispose di essere stato colpito. Gli chiesi allora: Santo Padre soffre?’ E lui: ‘Sì, tanto’».

«Non c’era spazio per i miei pensieri. Ero concentrato su lui, e mi ripetevo: “Bisogna salvarlo, bisogna salvarlo».

KARDYNAŁ STANISŁAW DZIWISZ

La corsa al “Gemelli”

Minuti terribili, secondi infiniti, istanti convulsi. Tutto il mondo era sospeso lì, in piazza San Pietro, quel 13 maggio 1981 alle ore 17,19. «La Provvidenza – continua il cardinale Dziwisz – mi ispirò nel decidere di non farlo portare nell’appartamento ma trasportarlo al Gemelli. Era difficile decidere cosa fosse più giusto fare». Infatti non c’era un secondo da perdere. E così, la corsa disperata al Policlinico Gemelli

Dziwisz ricorda quell’interminabile tragitto: «Sentivo che invocava: “Gesù, Maria madre mia”. Il Santo Padre non chiese chi fosse stato a colpirlo. Era unicamente assorto nella preghiera di invocazione».

Le immagini degli oggetti personali più cari a Giovanni Paolo II

Tags:
giovanni paolo II
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni