Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconFor Her
line break icon

Ilaria: in un fumetto tutto il mio dramma di anoressica

Ilaria Gasperotti - Facebook

Silvia Lucchetti - pubblicato il 12/05/21

Ilaria, trentina di 22 anni, ha rappresentato la sua parabola di anoressica in via di guarigione illustrando un albo ispirato alla favola del Brutto Anatroccolo di Andersen.

Sulla rubrica “Buone notizie” del Corriere della Sera dello scorso 12 aprile leggiamo la storia di Ilaria Gasperotti, una giovane di Trento poco più che ventenne che ha deciso di affidare il racconto della sua storia di anoressica in via di guarigione ad un albo illustrato. Per farlo si è ispirata alla favola del Brutto Anatroccolo di Andersen, ricca di significati sulla sofferenza di crescere e il travaglio di riconoscere la propria personale bellezza. Così ha iniziato a mettere in disegni e parole l’ingresso nella malattia: 

Sei arrivato un giorno in punta di piedi. Non so precisamente quando e come. Mi sono fidata di te, inconsapevolmente, fin dal primo giorno. Da lì è iniziato tutto. 

(Ibidem)

Il mostro dell’anoressia

Come Andersen che nelle sue fiabe ha trasferito elementi della sua infanzia difficile, così Ilaria – appena laureatasi in Fumetto e Illustrazione all’Accademia delle Belle Arti di Bologna – ha raccontato la “favola” della sua vita disegnando quel qualcosa che la teneva imprigionata come nella tela di un ragno, che assorbiva completamente i suoi pensieri, che in qualche modo conosceva ma non riusciva a mettere bene a fuoco.

View this post on Instagram

A post shared by Ilaria Gasperotti (@casadilaria)

Una creatura mostruosa, l’anoressia, che gli occhi della sua matita hanno “visto” di colore giallo, con due cornetti in testa e stivali alle ginocchia, mentre entra subdolamente nella sua vita come un piccolo e grazioso compagno di giochi. 

“Questa subdola malattia è entrata piano piano nella mia testa”

Ma strada facendo il mostro cresce mentre la ragazza man mano si riduce sempre più fino a che le ossa non le sporgono minacciosamente dalle spalle. 

Tutto è partito – racconta – dal dare una voce e una forma a quella parte di me che non mi lasciava mai sola. L’ho sempre considerata una cosa esterna alla mia anima, perché prima non esisteva. Questa subdola malattia è entrata piano piano nella mia testa, come se si fosse impadronita di me, rubandomi la voce, rinchiudendomi nella mia bolla sicura, annientandomi. Mi ha fatto credere di essere forte, soddisfatta, sicura di me. Quando finalmente l’ho smascherata, ho chiesto aiuto.

(Corriere)

“Se la prossima settimana perdi altro peso, ti ricovero, il tuo corpo e il tuo cuore non reggono più”

Tutto è cominciato alle superiori con una modalità tipica delle storie di anoressia:

Ero in sovrappeso e da lì è iniziato tutto, con diete fai da te e allenamenti estenuanti. All’inizio non accettavo la mia situazione, non volevo vedere ciò che mi stava succedendo, ma dopo quattro anni ora ne sono consapevole, anche se il processo di guarigione è ancora in atto. Il momento peggiore è stato quando a Bologna un dottore mi disse: “Se la prossima settimana perdi altro peso, ti ricovero, il tuo corpo e il tuo cuore non reggono più”. Mi sentii il mondo crollare addosso, ma mentre toccavo il mio punto più basso capii che quello era il momento di agire. 

(Ibidem)

Il coraggio di una ragazza anoressica in via di guarigione

Finalmente, recepito questo campanello di estremo allarme, Ilaria ha deciso di farsi seguire dal Centro Gruber, una struttura bolognese in cui vengono trattati con un approccio multidisciplinare i disturbi alimentari.

Credo che il succo delle fiabe non sia la morale, ma piuttosto la fiducia di poter superare le difficoltà. Pensate al Brutto Anatroccolo di Andersen e all’invito coraggioso a non tradire mai ciò che si è. Quando ho iniziato a stare meglio, mi sono accorta che non volevo vivere da apatica, volevo tornare al mondo, ricominciando a disegnarlo. Il mio invito è di non smettere di leggere fiabe, insegnano l’arte del vivere, preparano a comprendere la coesistenza di bene e male in ogni azione umana, aiutano a entrare in contatto con i problemi della vita e ad affrontarli.

(Corriere)

Disegnare per combattere il mostro

In questo sforzo di esternare il dramma della malattia e il percorso di rinascita intrapreso, Ilaria ha avuto il sostegno dei professori Emilio Varrà e Octavia Monaco che hanno intuito quello che stava attraversando e l’hanno incoraggiata a prendere carta e matita per liberare e trasmettere le sue emozioni. 

Il lavoro impegnativo che la ragazza ha realizzato, assolutamente meritevole di trovare un editore che lo pubblichi, è stato dedicato alla sua famiglia e alla mamma in particolare, per la continua e trepidante vicinanza con cui ha seguito la malattia della figlia, che indirizza a se stessa l’ultimo plauso per la sua fatica:

Grazie a te, Ilaria, che hai scelto la vita. 

(Ibidem)
Tags:
anoressiafumetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni