Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Benedizione delle coppie gay, lo strappo tedesco?

© Marie ACCOMIATO / CIRIC

Lucandrea Massaro - pubblicato il 10/05/21

In molte parrocchie tedesche, oggi, i sacerdoti hanno dato la benedizione alle coppie omosessuali e a quelle sposate civilmente in un gesto che sa più di protesta verso Roma che di accoglienza evangelica

Da tempo in Germania si ragiona su diversi aspetti della dottrina cattolica che sono particolarmente complessi e oggetto di dibattito e di scontro con il mondo laico: omosessualità e ruolo della donna in primis. In particolare la chiesa tedesca è impegnata in questo momento preciso nel suo Sinodo, un percorso di discernimento che sembra proiettato su posizioni che Roma difficilmente – vogliamo usare un eufemismo – potrebbe ratificare.

La benedizione delle coppie gay

Un assaggio è l’iniziativa che ha avuto come motto #liebegewinnt, ovvero “l’amore vince” in cui centinaia di sacerdoti tedeschi hanno benedetto coppie dello stesso sesso legate da un’unione civile andando esplicitamente contro il Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede appena poche settimane fa, avallato dallo stesso Papa Francesco in cui si ribadiva il “No” alle benedizioni di quelle situazioni (in cui incorrono anche le coppie eterosessuali ma non sposate religiosamente) ritenute irregolari dalla dottrina.

Il Vaticano non è contrario a questi cammini che allontanano da «ingiuste discriminazioni» le persone con tendenze omosessuali. Nè a singole benedizioni di queste persone «se manifestino la volontà di vivere in fedeltà ai disegni rivelati di Dio così come proposti dall’insegnamento ecclesiale». Ma dice “no” alle benedizioni che vengono rilasciate alle coppie omosessuali, come capita durante questi percorsi. Perché le benedizioni fanno parte dei cosiddetti “sacramentali“.

Aleteia

La chiesa in Germania è ancora in comunione con Roma?

La nota era stata molto criticata in Germania e in generale nel mondo ecclesiale di lingua tedesca, poiché anche in Austria e Svizzera non sono mancate posizioni diverse, già dai tempi del Sinodo sulla Famiglia del 2015. Una distanza tra vescovi europei e di altre parti del mondo che faticosamente Francesco ha riportato ad unità con l’esortazione Amoris Laetitia e che oggi è di nuovo minacciata da queste iniziative che – al di là della posizione dottrinale – creano i presupposti per dolorose lacerazioni e per potenziali abusi.

 In particolare il tema della benedizione delle unioni è stato accolto favorevolmente dalla Conferenza episcopale tedesca, compreso [Georg] Bätzing, il presidente. Quest’ultimo aveva però specificato di essere contrario all’iniziativa specifica del 10 maggio, perché le benedizioni delle unioni omosessuali «non possono essere usate come strumento di manifestazioni politiche della chiesa o come azioni politiche».

Il Post

La nota firmata dal Cardinal Ladaria era stata contestata da diversi vescovi tedeschi

tra cui quello della diocesi di Limburgo e presidente della Conferenza episcopale, Georg Bätzing, avevano criticato apertamente la nota della Congregazione, e oltre 200 teologi avevano firmato un documento in cui dicevano che la decisione della Chiesa cattolica «è caratterizzata da un’aria paternalistica di superiorità e discrimina le persone omosessuali e i loro progetti di vita».

A questo documento era seguita una petizione firmata da più di 700 sacerdoti e diaconi, oltre che da migliaia di funzionari laici della chiesa, in cui chiarivano che non si sarebbero rifiutati di benedire una coppia omosessuale, se fosse stato loro richiesto. 

(Il Post)

Una data che farà da spartiacque?

La data di oggi è stata scelta per due motivi: il lunedì è tradizionalmente il giorno libero dei sacerdoti tedeschi, per cui anche se il singolo vescovo non fosse stato d’accordo non avrebbe potuto vietarlo adducendo altri compiti dei presbiteri, il secondo sarebbe – secondo la vaticanista del Messaggero, Franca Giansoldati –  perché: “nel mondo ortodosso si commemora il patriarca biblico Noè che dopo il diluvio festeggiò un nuovo inizio sotto un arcobaleno in cielo. Un riferimento simbolico – quello dell’arcobaleno –  che porta dritto alla bandiera del movimento per i diritti del mondo Lgbt” 

Tags:
benedizionechiesa tedescalgbtmatrimonio gayomosessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni