Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconCultura
line break icon

“L’amore mi ha insegnato ogni cosa”. Un corto animato che offre preziose lezioni di vita

MAGNETFILM

Catholic Link - pubblicato il 09/05/21

I legami che formiamo

Dall’altro lato, la volpe del cortometraggio trova l’uccellino appena nato e se ne vorrebbe allontanare, ma poi viene preso dalla compassione e inizia a stabilire un rapporto di cura paterna e responsabilità che col tempo si trasforma in un legame di aiuto reciproco e di complementarietà nelle differenze.

Alla fine si verifica una “domesticazione” reciproca, ma la volpe deve poi accettare che non doveva essere responsabile per sempre dell’uccellino, ma che questo, per sua natura, era fatto per volare e per farlo con gli altri membri della sua specie.

La volpe è qui invitata a elevare la domesticazione al grado dell’amore – alla dedizione assoluta, alla donazione che non si aspetta nulla in cambio, a dedicarsi totalmente alle necessità dell’altro e a lasciarlo andare perché sia felice.

Quali riflessioni traiamo da “La volpe e l’uccellino”?

Se ora pensiamo alla nostra vita personale, quali riflessioni ci può apportare questo cortometraggio? Anche nella nostra vita incontriamo costantemente gli altri. Alcuni di questi incontri possono diventare dei legami, e questi, per permanere e rafforzarsi, hanno bisogno dell’impegno.

Spesso viviamo la bella esperienza della “domesticazione” con i nostri familiari, gli amici o il partner. Constatiamo che la nostra esistenza è collegata ad altre in rapporti di comunione.

Questa esperienza di essere persona, ovvero di essere “qualcuno in relazione”, è quella che ci permette maggiormente di conoscerci e di intravedere la nostra identità più profonda, ma è anche quella che suscita paure e sofferenze.

Quante volte possiamo pensare, quando dobbiamo congedarci o separarci come la volpe e l’uccellino, che l’amore non vale la pena, che è inutile e ci espone a molti pericoli?

Questo cortometraggio ci ricorda che, nonostante la presenza del dolore, l’amore è la cosa più grande e bella che una persona possa vivere.

L’esperienza rivelatrice di dare tutto per amore

NellaGaudium et Spes (24), meraviglioso documento del Concilio Vaticano II, ci viene ricordato che l’uomo “in terra è la sola creatura che Iddio abbia voluto per se stesso, non possa ritrovarsi pienamente se non attraverso un dono sincero di sé”.

Essendo a immagine e somiglianza di Dio, eterna comunione d’amore, non possiamo conoscerci e dispiegarci pienamente se non ci avventuriamo nell’esperienza rivelatrice dell’amore.

Nonostante le nostre paure, ferite, angosce e dolori, siamo capaci di vivere l’amore attraverso il quale Dio ci ha amati per primi e che ha effuso nei nostri cuori.

In quel primo amore ricevuto troviamo la sicurezza e la stabilità per uscire da noi stessi con coraggio e trasformarci in una fonte d’amore per il mondo, in canali di un amore ricevuto che è al di là di noi.

Con uno sguardo di fede sappiamo che l’amore è la fonte della vita e che l’amore ha vinto la morte, il male e il dolore. Dal trionfo dell’amore in Cristo derivano la nostra pace e la nostra speranza.

L’amore mi ha spiegato ogni cosa…”

Per concludere la riflessione, condividiamo una bella poesia attribuita a San Giovanni Paolo II:

“L’amore mi ha spiegato ogni cosa, l’amore ha risolto tutto per me, perciò ammiro l’amore ovunque esso si trovi. Se l’amore tanto più è grande quanto più è semplice, se il desiderio più semplice sta nella nostalgia, allora non è strano che Dio voglia essere accolto dai semplici, da quelli che hanno puro il cuore e che per il loro amore non trovano parole. Dio venne fin qui e si fermò ad un passo dal nulla vicinissimo ai nostri occhi. La vita è forse un’onda di stupore, un’onda più alta della morte. Non abbiate paura. Mai!”

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

  • 1
  • 2
Tags:
amorecortometraggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
2
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
3
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni