Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconSpiritualità
line break icon

Emozioni e “trucchetti da santi” (3/5): superare la paura con Ignazio di Loyola

Mary Long I Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 08/05/21

Come i santi più grandi hanno gestito le loro emozioni? Sulla scia di Edwige Billot (autrice in Francia di “Et si les saints nous coachaient sur nos émotions ?” [Téqui]), Aleteia vi propone di scoprire ogni giorno per cinque giorni un “trucchetto da santo” per orientare un’emozione secondo il cuore di Dio.

«Ho compreso che non potevamo andare a messa lasciando sul sagrato la nostra collera o la nostra tristezza. No. Il Signore ci chiede di andare verso di Lui con tutto il nostro essere», riflette Edwige Billot, sposata e madre di tre figli, impegnata da un decennio nel campo delle Risorse Umane e autrice di “Et si les saints nous coachaient sur nos émotions ?”, comparso in gennaio per le edizioni Téqui. 

Appassionata dalla dimensione psicologica dell’uomo e dalle testimonianze agiografiche, si è convinta che proprio i santi hanno colto meglio fino a che punto Dio desideri raggiungerci nel fondo delle nostre emozioni. Emozioni e relazione con Dio: due facce della medaglia della vita che possono essere unificate. Non si tratta di ignorare le emozioni (reazioni fisiologiche del nostro corpo a un evento), ma di accoglierle, di comprenderle per rivolgerle verso una buona direzione. Se le emozioni possono farci traballare, esse possono anche – se guardiamo alle vite dei santi – permettere di crescere, di progredire e di prendere buone decisioni. 

Fare quanto sta in noi e lasciare il resto alla Provvidenza 

Vivere nel presente, fare quel che si può e avere fiducia in Dio sono tre leve potenti per vincere ogni sorta di paura. 

In primo luogo, è cosa buona sforzarsi di vivere nel presente. Secondo Sant’Ignazio, «l’ansietà e l’inquietudine di spirito non piacciono affatto a Dio». Prospettarsi scenari catastrofici, essere in apprensione per il domani, angosciarsi davanti all’ignoto sono cose che facciamo a partire da dati non completamente reali e che possono solo amplificare la paura. Inoltre, l’angoscia del futuro può paralizzarci e impedirci di vivere. Il rimedio? Scegliere la fiducia e rimettersi alla divina Provvidenza, non ciecamente ma dopo aver fatto tutto ciò che sta a noi. In una lettera risalente al 1555, cioè a un anno dalla sua morte, Sant’Ignazio ha trovato le parole per calmare ogni paura: 

Mi sembra che dobbiate risolvervi a fare con calma quel che potete. Non siate affatto inquieto, ma ma abbandonate alla divina Provvidenza ciò che non potete compiere da voi stesso. 

Sono gradite a Dio la nostra cura e la nostra sollecitudine, ragionevoli e opportune per condurre a buon fine gli affari di cui abbiamo il dovere di occuparci. L’ansietà e l’inquietudine di spirito, però, non piacciono affatto a Dio: il Signore vuole che i nostri limiti e le nostre debolezze poggino sulla sua forza, sulla sua onnipotenza; Egli vuole vederci credere che la sua bontà può supplire all’imperfezione dei nostri mezzi. 

Quanti si caricano di numerosi affari, anche con retta intenzione, devono risolversi a fare semplicemente quanto è in loro potere, senza affliggersi se non riescono a realizzare tutto come vorrebbero. A condizione, beninteso, che abbiano compiuto tutto quanto la natura umana può e deve fare secondo le indicazioni della coscienza. 

Se occorre lasciare da parte alcune cose, bisogna armarsi di pazienza e non pensare che Dio esiga da noi quel che non possiamo fare: Egli non vuole neppure che l’uomo si affligga per i suoi limiti. Posto che si dia soddisfazione a Dio – cosa più importante del dare soddisfazione agli uomini –, non è necessario affannarsi oltremodo. Soprattutto quando ci si è sforzati di fare del proprio meglio, si può abbandonare tutto il resto a Colui che ha il potere di compiere tutto ciò che vuole. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
paurasant'ignazio di loyola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni