Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconChiesa
line break icon

Vendite on line e meno rigidità: così restano in vita i monasteri trappisti

TRAPPIST MONKS

WITT Pierre | Hemis | AFP

Monaci trappisti.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 07/05/21

Dalla birra all’olio, dalle tisane alla cioccolata: le produzioni sono a rischio perchè sono rimasti in pochi i monaci cistercensi. E allora ci si adegua alla "modernità"

Un forte calo delle vocazioni si registra tra i monaci Cistercensi della Stretta Osservanza – meglio noti come trappisti.

I monaci sono sempre meno e le abbazie fanno sempre più fatica a trovare persone desiderose di entrare nell’ordine e di imparare le produzioni artigianali più celebri, tra cui la birra. 

Perchè sono calate le vocazioni 

La scarsità di nuovi monaci trappisti ha cause simili a quella riscontrata in altri ordini religiosi. I monaci, scrive Il Post, sono invecchiati e nel frattempo il mondo si è secolarizzato sempre di più. La vita monastica, fatta di meditazione, lavoro e rinunce, attrae ormai pochissime persone. Nel caso dei trappisti, poi, reclutare nuovi membri è ancora più difficile perché la regola dell’ordine impedisce loro di aprirsi al mondo oltre una certa misura. A differenza di altri ordini religiosi, per esempio, fanno un uso molto limitato dei cellulari e di internet.

L’abbaye du Mont-Saint-Bernard, monastère trappiste dans le Leicestershire en Angleterre.

Il logo trappista

Come spiega il Wall Street Journal, connessa alla sopravvivenza dei trappisti c’è anche quella delle birre che da loro prendono il nome. Per essere definita “trappista”, infatti, una birra deve disporre del logo esagonale nero che recita Authentic trappist product (“Autentico prodotto trappista”). E certifica la presenza di una serie di requisiti: la produzione deve avvenire nell’ambito di un’abbazia trappista, deve essere eseguita oppure sorvegliata da monaci trappisti, i processi e le modalità devono essere decisi dalla comunità monastica e i ricavi devono servire a finanziare le attività dell’abbazia (o devoluti in beneficenza).

I divieti dei trappisti delle origini

L’ordine nacque nella seconda metà del Seicento per volere dell’abate del monastero cistercense di Notre-Dame de la Trappe, in Francia, da cui deriva il nome. L’abate riteneva che i cistercensi si fossero troppo allontanati dai dettami della regola del loro ordine, e che avessero sviluppato uno stile di vita troppo rilassato. Perciò dal 1664 impose un ritorno all’antica disciplina, introducendo il divieto quasi totale di parlare, le penitenze corporali e una dieta priva di carne e pesce.

È questo il motivo per cui l’ordine di questi monaci si chiama “della Stretta Osservanza”. Per anni rimasero nominalmente nell’ordine cistercense, poi nella prima metà dell’Ottocento se ne separarono ufficialmente.

MICHAŁ ZIOŁO OCSO
Monaco trappista.

I monasteri belgi

A quell’epoca i trappisti non erano gli unici monaci a dedicarsi alla produzione di birra per il proprio sostentamento, ma nel corso del Novecento i loro birrifici aumentarono ed ebbero più fortuna rispetto a quelli degli altri ordini. I monaci raffinarono sempre di più le tecniche di lavorazione. E la birra trappista diventò famosa e apprezzata in modo particolare, anche quella prodotta fuori dai tradizionali monasteri belgi. 

La birra italiana

La comunità trappista italiana che produce la birra Tre Fontane, invece, risiede a Roma dal 1868, da quando il papa le diede il compito di risistemare il sito e bonificarlo. In cambio, ricevettero in enfiteusi (una sorta di concessione perenne) 450 ettari di terreno intorno all’abbazia. Oltre alla birra, che ha ricevuto il marchio esagonale solamente dal 2014, i monaci producono olio, miele, cioccolato e liquori.

Una birra prodotta dai trappisti.

Meno rigidità e vendita sul web

Oggi i monasteri trappisti in tutto il mondo hanno modificato alcuni dei tratti più rigidi della loro regola, per adattarsi alla modernità e cercare di sfruttarne almeno un po’ i vantaggi, che nel loro caso si traducono in maggiori ricavi per sostenersi (Il Post, 16 marzo 2021). 

Da quando le visite turistiche a conventi e abbazie sono state annullate a causa del Covid, suore e frati hanno visto le entrate diminuire. Così si sono “modernizzati” ed è arrivato il loro sbarco sul web, con la vendita dei prodotti on line, per rimpinguare le casse dei monasteri. 

Ecco i principali prodotti trappisti, che si possono acquistare on line.

Le tisane di Casamari

Per esempio, l’abbazia cistercense di Casamari di Veroli, in provincia di Frosinone, dove i monaci preparano tisane e infusi, da ordinare anche online. Da sempre sono famosi per i loro infusi, unguenti e sciroppi e adesso tra i fiori all’occhiello della produzione c’è la celebre tintura imperiale. 

La birra di Buccinasco

La birra è invece il prodotto di punta della comunità monastica dei SS. Pietro e Paolo alla Cascinazza di Buccinasco, alle porte di Milano. Dopo un periodo di formazione in Belgio, presso alcune abbazie che producono alcune tra le migliori birre del mondo, i monaci hanno potuto vedere ed imparare i criteri e la tecnica di produzione. Il numero di bottiglie prodotte annualmente è volutamente limitato, cosa che – raccontano –permette di seguire tutte le fasi del processo produttivo.

L’olio di Monte Giove

La produzione di olio extra vergine di oliva è, invece, tipica della congregazione Camaldolese dell’Ordine di San Benedetto che vive e lavora nell’eremo benedettino di Monte Giove. L’eremo, costruito nel 1600, si trova tra la città di Fano e le colline della provincia di Pesaro e Urbino.

Qui i monaci producono anche di tisane, liquori, creme e altri prodotti naturali preparati seguendo le antiche ricette, avvalendosi di esperienze e sapienza secolari declinate secondo le tecnologie e i sistemi di controllo attuali. L’eremo di Monte Giove ha anche una farmacia che on line. Questo negozio virtuale vende prodotti di Camaldoli (liquori, vini, creme, tisane, saponi, erboristici, ecc.) e quelli di altri monasteri (marmellate, biscotti, erboristici). Ma si possono acquistare anche a miele, vino, cioccolata di produttori del territorio marchigiano (La Repubblica, 13 aprile).

Il cioccolato di Frattocchie

«Il cioccolato dei trappisti – spiegano dall’Antica fabbrica di Frattocchie (Marino) – viene prodotto ancora oggi secondo la vecchia ricetta, tramandata nella lenta lavorazione artigianale di generazione in generazione. Si distingue per ingredienti come la nocciola tonda gentile romana dop e per essere lavorato ancora con macchine d’epoca (macchine costruite dalla fine dell’Ottocento a metà Novecento, in pietra e metallo) e modellato a mano. Dall’antica ricetta dei monaci trappisti si è passati alla linea professionale del cioccolato per il mondo della ristorazione e dell’hotellerie».

Tags:
trappisti

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni