Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 24 Aprile |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converte” Fabrizio Corona

WEB2-Adriano-Celentano-Fabrizio-Corona.jpg

By Denis Makarenko & DELBO ANDREA via Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/05/21

Il “Molleggiato” e l’ex “Re dei paparazzi” dialogano sui social. "Porterò nel cuore le tue parole che mi accompagneranno ad ogni passo della mia vita. La tua è un’ottima idea"

Fa ancora discutere il botta e risposta social tra Adriano Celentano e Fabrizio Corona: il “Molleggiato” ha chiesto la conversione del cuore a Corona, affidandosi a Gesù. 

Celentano ha dedicato un video su Instagram a Fabrizio Corona sulle note del brano ‘L’uomo nasce nudo‘ (1969).

Il ritorno ai domiciliari

Com’è noto, l’ex re dei paparazzi è tornato agli arresti domiciliari dopo essere stato detenuto per alcune settimane presso il carcere di Monza. Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha infatti accolto la richiesta dei difensori di sospendere l’esecuzione del provvedimento con cui a marzo era stato costretto a tornare in cella (Today.it). 

“E’ arrivato il momento di scegliere”

“Caro Fabrizio – scrive Celentano – è arrivato il momento di scegliere, il tempo stringe e dobbiamo decidere da che parte andare prima che sia tardi. E l’unica via non solo per te, per me, per chiunque, per tutti gli uomini del mondo, l’unica via è Gesù. Senza di Lui – esorta Celentano a Corona – siamo già morti, fin dalla nascita”.

View this post on Instagram

A post shared by L’INESISTENTE (@celentanoinesistente)

“Fabrizio, ti svelo un piccolo segreto”

“Conosco i quattro Vangeli a memoria – prosegue il “Molleggiato” – li avrò letti almeno quattrocento volte e ogni volta che arrivo al punto in cui Lui viene schiaffeggiato e sputato in faccia, mi rattristo fortemente e allora vado indietro. Rileggo quelle righe, sperando di trovare parole di vendetta che Lui non ha. Ma ti svelo un piccolo segreto: forse l’avrò letto anche cinquecento di volte, eppure la sera quando già sono sotto le coperte, se non leggo un passo del Vangelo non mi addormento felice. E’ questa l’idea di cui ti parlavo“.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da L’INESISTENTE (@celentanoinesistente)

Il cuore nuovo

“Caro Fabrizio – aggiunge Celentano – la tua sofferenza è grande lo so, ma è proprio da questa sofferenza che devi risorgere. I giudici hanno fatto quello che la legge gli impone e tu devi accettarlo. Però non puoi vincere se non apri il tuo cuore al nuovo Fabrizio, quel Fabrizio che stupirà tutti, capace di accettare anche la durezza di chi, in questo momento, non vuole essere tenero (…)“.

Corona: “Ora è diverso, hai ragione tu…”

Corona ha risposto all’appello alla conversione e a guardare verso Gesù di Celentano sullo stesso social. Ed ha scritto:

“Caro Adriano, nel tuo video c’è tutto, ma veramente tutto. Credo che andrebbe visto e rivisto molte volte… Ogni volta stimola una riflessione diversa, sincera, profonda. Hai raggiunto una grande consapevolezza, la stessa saggezza e consapevolezza che molte volte ho ricercato e mai trovato. Ora è diverso, hai ragione tu… La vita è un soffio ed è tempo di fare qualcosa per il prossimo, perché è solo attraverso l’amore per gli altri che ritrovi te stesso. Il mio cammino è cominciato… Porterò nel cuore le tue parole che mi accompagneranno ad ogni passo della mia vita. La tua è un’ottima idea. Grazie, di cuore, grazie”, queste le sue parole (Il Fatto Quotidiano).

La risposta di mamma Gabriella 

A rispondere alla lettera di Celentano su Gesù e la conversione del cuore di Fabrizio Corona, è stata anche la madre Gabriella, che nelle ultime settimane si è battuta per la scarcerazione del figlio. 

“Caro Adriano, la tua idea è fantastica: la figura di Gesù, il suo accostamento a Fabrizio. L’invito alla conversione del cuore. Tu sei fantastico. Ed io posso solo dirti grazie per essere stato vicino a Fabrizio con la tua grande arte ispirata dalla tua profonda fede”. 

Tags:
adriano celentanogesù cristo
Top 10
See More