Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Ecco cosa ha fatto Gesù quando “è andato in crisi”

SAD

Evgeny Hmur - Shutterstock

Don Francesco Cosentino - pubblicato il 06/05/21

Viviamo tempi di crisi, abbiamo bisogno di punti fermi, ecco allora che l'esperienza stessa di Gesù e della sua predicazione diviene un faro, un esempio. Perché anche Cristo è andato in crisi...

Le crisi della nostra vita personale, ma anche quelle della società in cui viviamo, sono un grande tempo sospeso, una chiamata a volte unica e irripetibile per dare una svolta alla nostra vita, un’occasione che possiamo sprecare o che, invece, può darci le ali per una nuova libertà. Tuttavia, nei momenti di crisi siamo più esposti, più vulnerabili, spesso più sensibili; perciò, abbiamo bisogno di mappe e di orientamenti, perché da soli corriamo sempre il rischio di soccombere alla crisi oppure di fuggire dai problemi, continuando a seppellire dentro di noi le macerie e gli odori della morte.

Davanti a una crisi, a una difficoltà personale, familiare o lavorativa, a una sofferenza che ci tocca da vicino, a un conflitto nelle relazioni, a un’aridità o stanchezza spirituale, siamo chiamati a scegliere: possiamo sederci a compiacere noi stessi, facendo le vittime e lamentandoci per tutte le cose che non vanno; oppure possiamo prenderci una pausa, riflettere, cercare di capire quali segnali e quali messaggi la crisi ci consegna. E poi decidere cosa cambiare, come rialzarci, in che modo ricominciare.

In genere pensiamo, nella nostra concezione a volte troppo “angelica” della fede, che Gesù abbia vissuto una vita senza crisi. Il Vangelo ci dice il contrario: ci sono alcune grandi crisi che Gesù deve affrontare nella sua vita e durante la sua missione. Possiamo guardare a tre grandi crisi di Gesù e imparare da Lui un atteggiamento interiore di resistenza e resilienza, che aiuta anche noi ad affrontare le crisi della nostra vita e quelle della Chiesa e della società che abitiamo.

La prima crisi di Gesù è all’inizio della sua missione. Appena consacrato Messia, viene spinto nel deserto. Per le grandi imprese della vita – anche quelle quotidiane – occorre prepararsi nel silenzio, restando con se stessi, coltivando la relazione con Dio, spogliandosi di tutte le false immagini ideali che spesso abbiamo su di noi e sui nostri progetti. Ma proprio in questa spoliazione, in questo digiuno, Gesù è più vulnerabile e il diavolo ne approfitta. Sente fame e sete e – prendo in prestito una bella riflessione di Karl Rahner – il diavolo gli suggerisce in modo sottile: Tu sei Figlio di Dio, non puoi avere fame e sete! Tu puoi avere tutto ciò che vuoi, tutto il pane e il potere che vuoi. Se Gesù avesse ceduto, non sarebbe stato il Dio umano, compassionevole e vicino alla nostra umanità, non avrebbe quindi potuto condividere la nostra vita, a volte affamata e assetata.

Gesù fa tre cose: non si lascia sedurre e abbagliare, quando dialoga lo fa con la Parola di Dio, alla fine tronca il discorso.

Anzitutto, resta lucido. Nei momenti di crisi, la prima cosa da fare è cercare di restare lucidi: c’è sempre una proposta, un’idea, un suggerimento, una fantasia che, a prima vista, ci possono sembrare una soluzione; ma quando ci accorgiamo che esse sono solo una via facile, una scappatoia, la proposta di rinnegare noi stessi e quanto sta accadendo nella nostra vita, dobbiamo diffidare. Non essere instabili, emotivi, frettolosi. Non lasciarsi abbagliare dalle luci del palco. Fermarsi a pensare, a riflettere.

Seconda cosa, Gesù si rivolge e si attacca alla Parola. Nei momenti di crisi, chiediamo aiuto nella preghiera e facciamolo con la Parola di Dio: cosa dice il Signore a ciò che sto vivendo ora? Se leggiamo e preghiamo la Parola con fede e ascolto interiore, troveremo un’intuizione, una parola, un’immagine, una voce interiore. Qualcosa che ci guiderà e ci aprirà una via.

Terzo: se certe suggestioni, fantasie o tentazioni continuano, troncare il discorso. Vattene Satana, dice Gesù. Significa: non do più spazio dentro di me a questi pensieri, desideri, illazioni, illusioni. Resto con me stesso, con la verità di quanto accade ora anche se è duro da sopportare, con la Parola, con la compagnia di qualche buon amico, ma non faccio spazio a pensieri negativi o ad abbagli che vogliono prendersi gioco di me.

Tags:
crisi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni