Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

E’ valida la messa celebrata da una suora o un diacono al posto del prete?

© Jeffrey Bruno

https://www.flickr.com/photos/88601135@N08/15457442822/

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/05/21

Il liturgista: la celebrazione alternativa non può avere il nome di messa, ma in essa vanno garantite liturgia della Parola e Comunione

Messa celebrata senza il prete. I parrocchiani si organizzano per procedere con la liturgia “autogestita”, visto il protrarsi dell’assenza del sacerdote designato. Così, a presiedere la celebrazione della parola è stata una suora” (Il Messaggero Veneto).

Fece scalpore, qualche tempo fa, una celebrazione officiata a queste condizioni, in una diocesi di Pordenone. Ma si può considerare regolare una messa “autogestita”, cioè in assenza del prete? Il liturgista don Enrico Finotti spiega ad Aleteia cosa accade quando deve essere sostituito il parroco e se quella celebrazione alternativa può definirsi “messa”. Prima di tutto ci sono delle regole da rispettare e scopriamo con lui quali sono. 

La “bussola” da tenere in considerazione, in questi casi, è il Direttorio della Congregazione per il culto divino: Celebrazioni domenicali in assenza del presbitero (21 maggio 1988).  

COSTA RICA

Non si può definire messa

«La Messa – spiega Finotti – ossia il Sacrificio incruento dell’altare, che si compie sostanzialmente nella Prece eucaristica (Canone), è celebrata unicamente dal sacerdote (vescovo e presbitero) validamente ordinato. Nessun altro può celebrare la Messa. E’ quindi un linguaggio improprio attribuire a determinate celebrazioni in assenza del presbitero, il nome di Messa (Messa autogestita, celebrata da un diacono, da una suora, da un laico, ecc.)». 

E’ una riunione di fedeli

In tal senso il documento della Congregazione per il Culto Divino chiarisce sulle messe “senza prete”, autogestite da laici o altri religiosi: 

22. Si eviti con cura ogni confusione tra le riunioni di questo genere e la celebrazione eucaristica. Queste riunioni non devono togliere ma anzi accrescere nei fedeli il desiderio di partecipare alla celebrazione eucaristica e renderli meglio preparati a frequentarla.

23. I fedeli comprendano che non è possibile la celebrazione del sacrificio eucaristico senza il sacerdote e che la comunione eucaristica, che possono ricevere in tali riunioni, è intimamente connessa con il sacrificio della messa. Da questo si può mostrare ai fedeli quanto sia necessario pregare «affinché (il Signore) moltiplichi i dispensatori dei suoi misteri e li renda perseveranti nel suo amore».

MASS

Le regole di una celebrazione alternativa

«In caso di assenza del presbitero – prosegue il direttore della rivista “Culmen et fons” – è opportuno offrire ai fedeli – soprattutto nella domenica – un’altra celebrazione liturgica (liturgia della parola, ufficio divino) o un pio esercizio (adorazione eucaristica, rosario, ecc.) con la guida del diacono o di un altro ministro (religioso/a o laico/a) a questo compito abilitato».

Preghiera e Sacre Scritture

Sempre in “Celebrazioni domenicali in assenza del presbitero”, sulla impossibilità di celebrare una messa in assenza del prete, si precisa:

18. Quando in alcuni luoghi non è possibile celebrare la messa di domenica, si consideri anzitutto se i fedeli non possano recarsi alla chiesa di un luogo più vicino per partecipare alla celebrazione del mistero eucaristico. La soluzione è da raccomandare anche ai nostri giorni, anzi, per quanto possibile, da conservarsi; ciò tuttavia richiede che i fedeli siano rettamente istruiti sul senso pieno dell’assemblea domenicale e si adeguino di buon animo alle nuove situazioni.

19.  È auspicabile che, anche senza la messa, nel giorno di domenica vengano offerte con larghezza ai fedeli, radunati per diverse forme di celebrazioni, le ricchezze della sacra Scrittura e della preghiera della chiesa, perché non rimangano privi delle letture che si leggono nel corso dell’anno durante la messa, né delle orazioni dei tempi liturgici.

Diaconi, oppure religiosi o laici

29. Per dirigere queste riunioni domenicali siano chiamati i diaconi, quali primi collaboratori dei sacerdoti. Al diacono, ordinato per pascere il popolo di Dio e per farlo crescere, spetta dirigere la preghiera, proclamare il Vangelo, tenere l’omelia e distribuire l’eucaristia. 

30. Quando sono assenti sia il presbitero che il diacono, il parroco designi dei laici, ai quali dovrà essere affidata la cura delle celebrazioni, e cioè, la guida della preghiera, il servizio della Parola e la distribuzione della santa comunione.… Il parroco abbia cura d’impartire a questi laici un’opportuna e assidua formazione e con essi prepari dignitose celebrazioni.

La liturgia della Parola e l’Eucaristia

«La liturgia della parola – prosegue don Enrico – con le letture e le orazioni del giorno, seguita dalla santa Comunione, è la forma più compiuta per una celebrazione ‘sostitutiva’ della Messa nel caso sia assente il presbitero. Infatti, con questa modalità i fedeli vengono a contatto con molti elementi propri della Messa del giorno (letture e orazioni) e soprattutto possono comunicare sacramentalmente al Corpo di Cristo».

Cosa non si può fare

Nel documento della Congregazione per il Culto Divino si evidenzia ancora: 

35. L’ordine da seguire nella riunione in giorno di domenica quando non c’è la messa, consta di due parti: la celebrazione della parola di Dio e la distribuzione della comunione. Non venga inserito nella celebrazione ciò che è proprio della messa, soprattutto la presentazione dei doni e la prece eucaristica. Il rito della celebrazione sia ordinato in modo tale che favorisca totalmente l’orazione e presenti l’immagine di una assemblea liturgica e non di una semplice riunione. 

36. I testi delle orazioni e delle letture per ciascuna domenica o solennità siano presi abitualmente dal Messale e dal Lezionario. Così i fedeli, seguendo il corso dell’anno liturgico, pregheranno e ascolteranno la parola di Dio in comunione con le altre comunità della chiesa. 

Messa in tv e liturgia delle ore

32. Se nel giorno domenicale non si può fare la celebrazione della parola di Dio con la distribuzione della sacra comunione, si raccomanda vivamente ai fedeli «di dedicarsi per un congruo tempo, personalmente o in famiglia o secondo l’opportunità in gruppi di famiglie» alla preghiera. In questi casi possono giovare le trasmissioni radiotelevisive delle sacre celebrazioni.

33. Si tenga soprattutto presente la possibilità di celebrare qualche parte della liturgia delle ore, ad es. le lodi mattutine o i vespri, in cui si possono inserire le letture della domenica corrente. Quando infatti «i fedeli sono convocati per la liturgia delle ore e si radunano, mentre associano i cuori e le voci, manifestano la chiesa che celebra il mistero di Cristo». Alla fine di questa celebrazione può essere distribuita la comunione eucaristica.

La celebrazione domenicale

La partecipazione a queste “messe” senza il prete, conclude Finotti, «non assolve il precetto domenicale o festivo, che rimane strettamente collegato alla partecipazione alla santa Messa. Dal precetto si è dispensati unicamente per l’impossibilità fisica o morale di poter partecipare alla Messa, ma in alcun caso per aver preso parte ad una di queste celebrazioni ‘alternative’. Tale lodevole partecipazione, tuttavia, manifesta in modo esplicito la retta intenzione dei fedeli di voler partecipare alla Messa domenicale».

Obbligo di partecipare

Sul Precetto domenicale, nel Catechismo della Chiesa Cattolica ci sono due paragrafi fondamentali: 

2180. Il precetto della Chiesa definisce e precisa la legge del Signore: “La domenica e le altre feste di precetto i fedeli sono tenuti all’obbligo di partecipare alla Messa” [Codice di Diritto Canonico, 1247]. “Soddisfa il precetto di partecipare alla Messa chi vi assiste dovunque venga celebrata nel rito cattolico, o nello stesso giorno di festa, o nel vespro del giorno precedente” [Codice di Diritto Canonico, 1247].

E se non si può partecipare?

2183. “Se per mancanza del ministro sacro o per altra grave causa diventa impossibile la partecipazione alla celebrazione eucaristica, si raccomanda vivamente che i fedeli prendano parte alla Liturgia della Parola, se ve n’è qualcuna nella chiesa parrocchiale o in un altro luogo sacro, celebrata secondo le disposizioni del vescovo diocesano, oppure attendano per un congruo tempo alla preghiera personalmente o in famiglia, o, secondo l’opportunità, in gruppi di famiglie” [Codice di Diritto Canonico, 1248, 2].

Tags:
liturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni