Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconAmoris Laetitia
line break icon

Dio continua ad agire nella vita dei divorziati risposati? In che modo?

COUPLE

George Rudy | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/05/21

Il “discernimento morale” che Papa Francesco propone in Amoris Laetitia apre nuovamente all’incontro con il Signore

Il “discernimento morale” per i divorziati risposati e per chi vive situazioni familiari particolarmente complesse, è quel percorso che consente di riavvicinare tali persone a Dio. Tale discernimento si presenta come un aspetto centrale del processo di discernimento personale e pastorale prospettato da papa Francesco in Amoris Laetitia (AL). 

Lo spiega Philippe Bordeyne nel libroPortare la legge a compimento – Amoris laetitia sulle situazioni matrimoniali fragili” (Libreria Editrice Vaticana).

La sforzo di Papa Francesco

Secondo Bordeyne, lo sforzo di Papa Francesco consiste nell’evitare che – lo si voglia o no – l’unico messaggio rivolto dalla Chiesa alle persone divorziate risposate, in sostanza sia: “Voi dovete partecipare alla vita della Chiesa, rimanere fedeli alla messa della domenica, ma senza mai avvicinarvi alla mensa eucaristica”. 

In effetti, di un tale messaggio, il più delle volte, rimane solo la parte negativa, questo doloroso divieto che risuona nel cuore delle persone ferite dal loro percorso di vita coniugale e che esse spesso si ritraducono così: “Oramai voi non siete e non sarete mai più degni di ricevere la comunione”. 

Pope Francis General Audience

La fine dell’ “ergastolo” per i divorziati risposati

Per mettere fine a quella che sembra una sorta di “ergastolo” per i divorziati risposati, ovviamente contraria alla «logica del Vangelo» (cfr. AL 297), Francesco si dedica a mostrare, in molti modi, che le persone divorziate impegnate in una nuova unione conservano una dignità morale. E ciò non è vero solo in maniera astratta, di principio, ma realmente e concretamente, perché questa dignità morale è sostenuta dall’azione della grazia divina. 

Onore alla dignità e alle capacità morali

Infatti, la grazia del battesimo non cessa di agire nella vita delle persone, tramite la loro collaborazione attiva. Ecco allora che il Papa ripercorre in modo nuovo la tradizione morale della Chiesa.

Mette in evidenza i molteplici modi in cui una persona può far onore alla sua dignità e alle sue capacità morali, anche se si trova in una situazione oggettivamente non conforme alla legge morale.

Il dono della Spirito Santo

Far parte della Chiesa significa prima di tutto rispondere a Dio in maniera conforme alla nostra condizione battesimale, nella quale siamo configurati a Cristo per il dono dello Spirito Santo. Ma bisogna ancora prenderne coscienza. Il lato etico del discernimento personale e pastorale mira dunque a suscitare un rinnovamento nell’integrazione spirituale al «santo popolo fedele di Dio».

MAŁŻEŃSTWO

Un processo che dona la pace

Attraverso un accompagnamento pastorale appropriato, la persona si pone in condizione di discernere la volontà di Dio per compiere il culto spirituale dell’offerta di sé, ciò che, secondo san Paolo, è il cuore stesso della vita morale dei cristiani (cfr. Rom 12,1-2). 

Questo processo di discernimento può donare la pace alle persone che lo stanno compiendo perché le apre a un nuovo incontro con il Dio ricco di misericordia, Lui che non vuole che nessuno sia «condannato per sempre» (AL 297).

Il ritorno allo “stato di grazia”

Perché un tale discernimento è in grado di portare alla pace? Perché può permettere di «scoprire con una certa sicurezza morale» (AL 303) che la qualità della vita morale nella seconda unione è una risposta sufficiente alla chiamata di Dio qui e ora, tenendo conto della «complessità concreta dei limiti, benché [questa risposta] non sia ancora pienamente l’ideale oggettivo» (AL 303). Ora, se ci riferiamo alla tradizione del discernimento spirituale e pastorale, scoprire che abbiamo dato a Dio una risposta sufficiente, permette di affermare che si è in stato di grazia.

Dio continua ad agire nella vita dei divorzia- ti risposati e in quella delle persone che vivono qualsiasi altro tipo di «situazione complessa» (cfr. AL 312) per chiamarli a fare passi ulteriori.

Discernimento sul passato

Tuttavia, «alla presa di coscienza della loro situazione davanti a Dio» (AL 300), i  divorziati risposati hanno ugualmente bisogno di compiere un discernimento sul passato. 

Questo significa fare una valutazione della loro responsabilità nel fallimento dell’unione sacramentale, ma anche di valutare il modo con cui esse hanno assunto gli impegni del matrimonio e che continuano ad onorare per quanto possibile, se non altro nei confronti del coniuge e dei bambini.

“Condizionamenti e circostanze attenuanti”

In questo esame di coscienza sul passato, l’aggiunta specifica del Papa focalizza l’attenzione sui «condizionamenti e le circostanze attenuanti» (AL 301)

Il Papa non dà esempi precisi. Rinvia all’esistenza di «condizioni concrete che non gli [ad alcuni divorziati risposati] permettano di agire diversamente e di prendere altre decisioni senza una nuova colpa» (AL 301). 

In AL 302, facendo riferimento al Catechismo della Chiesa Cattolica (1735; 2352), indica alcuni elementi da tenere presenti, fra i quali si trovano i «fattori psichici e sociali» per i quali «l’imputabilità e la responsabilità di un’azione possono essere diminuite o annullate» (testo già citato in EG 44).

Clicca qui per acquistare il libro “Portare la legge a compimento

Tags:
amoris laetitia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni