Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconChiesa
line break icon

Il giorno in cui hanno provato ad umiliare san Francesco d’Assisi

SAINT FRANCIS

Shutterstock | Zvonimir Atletic

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/04/21

Lo racconta padre Enzo Fortunato in "Francesco il ribelle", libro entrato nel catalogo degli Oscar Storia Mondadori, che racconta la vita di san Francesco con aneddoti e retroscena

Il saggio di padre Enzo Fortunato su San Francesco d’Assisi, “Francesco il ribelle” (Mondadori), entra a far parte del prestigioso catalogo Oscar Storia. A partire da oggi la nuova edizione sarà disponibile in tutte le librerie (pagine 144, euro 11). 

Il fuoco interiore di san Francesco

San Francesco d’Assisi è oggi più che mai uno dei personaggi chiave per comprendere come si vada configurando il cristianesimo all’inizio del terzo millennio. Con la semplicità, la mitezza e l’intenso fuoco interiore che hanno contraddistinto la sua vita, ancora dopo otto secoli attrae nel santuario di Assisi migliaia di persone ogni anno. 

Nelle pagine del libro di padre Enzo Fortunato, ricche di testimonianze letterarie e pittoriche, si delineano i luoghi che ha visitato, gli incontri che ha fatto, i gesti e le parole con cui ha formulato il suo messaggio, esplicitando quelli che sono stati il suo percorso personale e al contempo la sua rivoluzione culturale. Un libro che conduce a riflettere sul «ribelle» Francesco, e insieme mostra il volto del cristianesimo delle prossime generazioni. 

SAINT FRANCIS

La chiesetta di san Damiano

Padre Enzo Fortunato racconta con semplicità ed essenzialità la storia di san Francesco, che parte da un episodio chiave. Il giorno in cui hanno provato ad umiliarlo. 

Francesco si ritira a pregare presso la decrepita chiesetta di san Damiano. In un’esperienza mistica avverte che il Cristo parla alla sua anima e gli dice: «Va’, Francesco, e ripara la mia Chiesa in rovina». L’intensità di quel momento gli rivela per la prima volta l’essenza del Crocifisso, l’abisso del dolore che separa il Padre dal Figlio, l’ora dell’ultimo grido.

Quel dolore interiore non lo abbandona più, e prefigura la comparsa delle stigmate. Lo aiuta il poter corrispondere, intanto, alla richiesta e riparare la casa del Signore: ricostruirla facendosi umile muratore. Vende stoffe e cavallo per finanziare il progetto, ma il padre, Pietro di Bernardone, venuto a saperlo, va su tutte le furie. Francesco fugge da casa, ritirandosi in una caverna.

Tutta Assisi ha assistito al processo

Proviamo a immaginarlo: solo, malnutrito, sporco. Credendo che sia impazzito, i bambini cominciano a tirargli sassi per strada. Roso dalla vergogna, umiliato nel vedere il figlio, su cui tanto aveva investito, trattato come un idiota, Pietro lo chiude in casa. Dinanzi a una nuova fuga del figlio, forse favorita dalla madre impietosita, il padre decide di citare Francesco davanti ai consoli. Poi, si rivolge al vescovo. «Tutta Assisi» raccontano le fonti, assiste al processo nel palazzo vescovile. Il figlio ribelle accetta di restituire tutto, compresi i vestiti che portava indosso.

«Non sopportò indugi o esitazioni, non aspettò né fece parole; ma immediatamente, depose tutti i vestiti e li restituì al padre […] e si denudò totalmente davanti a tutti dicendogli: “Finora ho chiamato te mio padre sulla terra. D’ora in poi posso dire con tutta sicurezza: Padre nostro che sei nei cieli, perché in lui ho riposto ogni mio tesoro e ho collocato tutta la mia fiducia e la mia speranza”».

Una “lettura ecclesiale” del santo di Assisi

E da che inizia la storia spirituale di San Francesco d’Assisi narrata da padre Enzo Fortunato. «Questo lavoro ha una sua caratterizzazione specifica – ha detto il cardinale Parolin – Si potrebbe dire che si tratta di una lettura ecclesiale del santo di Assisi. Perché non c’è dubbio sul fatto che Francesco sia anzitutto un uomo di Chiesa, fedele al papa, e che la Chiesa cattolica si misuri costantemente con l’eredità evangelica del santo di Assisi». 

CLICCA QUI PER ACQUISTARE “Francesco il ribelle”

Tags:
san francesco d'assisi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni