Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconNews
line break icon

USA: i vescovi rinnovano l’appello al rispetto della vita sulla scia del verdetto Chauvin

GEORGE FLOYD

Shutterstock | mary981

John Burger - pubblicato il 28/04/21

“Qualunque sia lo stadio della vita umana, non solo conta, ma è sacra”, dichiarano i leader cattolici dopo la condanna del poliziotto che ha ucciso George Floyd

Gli esseri umani non solo contano, ma sono sacri.

Lo hanno affermato due vescovi che guidano comitati della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti dopo il verdetto di colpevolezza di martedì scorso per l’uccisione di un afroamericano a Minneapolis, George Floyd, da parte di un poliziotto bianco, Derek Chauvin.

La giuria ha ritenuto Chauvin colpevole di omicidio. Durante un arresto del 25 maggio 2020 al quale Floyd ha opposto resistenza, il poliziotto aveva premuto il ginocchio sul collo dell’uomo per quelli che secondo le autorità sono stati nove minuti e mezzo, inclusi vari minuti dopo che aveva smesso di respirare e non aveva più pulsazioni.

Dopo il verdetto del 20 aprile, il vescovo Shelton J. Fabre di Houma-Thibodaux, presidente del Comitato Ad Hoc contro il Razzismo della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB), e l’arcivescovo Paul S. Coakley di Oklahoma City, presidente del Comitato della USCCB per la Giustizia Interna e lo Sviluppo Umano, hanno diffuso una dichiarazione in cui affermano: “Di fronte a questo risultato, ricordiamo che Dio è la fonte di ogni tipo di giustizia, amore e misericordia. La morte di George Floyd ha sottolineato e amplificato la profonda necessità di vedere la sacralità in tutti, ma soprattutto in coloro che sono stati storicamente oppressi. Qualunque sia lo stadio della vita umana, non solo conta, ma è sacra”.

I vescovi hanno osservato che le proteste pubbliche che hanno avuto luogo in tutto il Paese dopo la morte di Floyd, incluso il movimento Black Lives Matter, hanno sottolineato l’“urgente bisogno di guarigione e riconciliazione. Come abbiamo visto dolorosamente in questo anno, le ingiustizie sociali esistono ancora nel nostro Paese, e la Nazione resta profondamente divisa su come porre rimedio a questi mali”.

Il vescovo Fabre e l’arcivescovo Coakley hanno esortato a pregare perché “attraverso la rivelazione di tanto dolore e tanta tristezza Dio ci rafforzi nel ripulire la nostra terra dal male del razzismo che si manifesta anche in modi di cui si parla a malapena, modi che non raggiungono mai i titoli”.

“Uniamoci nel duro lavoro di ricostruire pacificamente quello che l’odio e la frustrazione hanno distrutto”, hanno esortato. “Questa è la vera chiamata di un discepolo e il vero lavoro della giustizia riparatrice. Non perdiamo l’opportunità di pregare perché lo Spirito Santo si effonda nuovamente sulla nostra terra, come a Pentecoste, offrendoci la guarigione spirituale, emotiva e fisica, come anche nuovi modi per insegnare, predicare e modellare il messaggio evangelico nel modo in cui ci trattiamo a vicenda”.

In Minnesota, l’arcivescovo Bernard A. Hebda di Saint Paul e Minneapolis ha definito il verdetto “un’occasione che fa riflettere per la nostra comunità”.

“È la nostra fratellanza condivisa con Gesù che ci chiama a un rispetto più profondo nei confronti di ogni vita umana”, ha osservato in una dichiarazione del 20 aprile. “Gli chiediamo di portare la guarigione nelle nostre comunità, il conforto alla famiglia di George Floyd e a tutti coloro che soffrono e la soddisfazione a chi ha sete di giustizia. I tanti promemoria della vicinanza amorevole del Signore anche in tempi difficili ci ispirino a trattarci a vicenda con grande rispetto, a lavorare in modo non violento per il bene comune e ad essere strumenti di riconciliazione”.

In una dichiarazione del 21 aprile, il cardinale Wilton D. Gregory di Washington, D.C., ha detto di voler richiamare l’appello dell’arcivescovo Hebda alla pace e alla non violenza e ha esortato tutti a rinnovare l’impegno a rispettarsi a vicenda e a ricordare la comune umanità.

Tags:
black lives mattergeorge floydstati unitivescovi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni