Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 30 Maggio |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il Covid-19 uccide 14 sacerdoti in 4 giorni nell’India devastata dalla seconda ondata

INDIA

Shutterstock | Exposure Visuals

José Miguel Carrera - pubblicato il 28/04/21

Uno dei più giovani aveva 38 anni

Il Covid-19 ha ucciso 14 sacerdoti in 4 giorni in India, Paese in cui la seconda ondata di contagi e morti sta provocando una devastazione terribile. Mezzi di comunicazione di tutto il pianeta registrano ogni giorno scene angoscianti di cremazioni di massa e persone disperate davanti agli ospedali saturi, che supplicano di soccorrere familiari che non riescono ad avere accesso all’ossigeno.

Mentre il numero di casi confermati è schizzato nell’arco di una settimana da 14 milioni a oltre 16, il numero reale dei decessi è ignoto: la conta ufficiale si avvicina a 200.000, ma le agenzie di notizie internazionali sono unanimi nell’affermare che la stima al ribasso è enorme in un Paese in cui migliaia di persone non sono neanche state assistite dal sistema sanitario, non venendo quindi registrate come vittime del Covid-19.

La minoranza cattolica in India conta su fedeli che seguono il rito latino e comunità cattoliche orientali che adottano i riti siro-malabar e siro-malankar. Come accade nella maggior parte dei Paesi, gran parte delle chiese indiane è soggetta a restrizioni a causa della pandemia, il che impedisce a molti malati di ricevere il sacramento dell’unzione dei malati.

Anche il clero sperimenta il dramma della malattia e della morte sulla propria pelle, con centinaia di contagi. Solo negli ultimi 4 giorni, almeno 14 sacerdoti sono morti in India per la malattia provocata dal coronavirus, secondo quanto reso noto da Matters India.

Una delle vittime più giovani è padre Lijo Thomas, dell’arcidiocesi di Nagpur, morto a 38 anni il 23 aprile nello Stato di Maharashtra, uno dei più colpiti dall’ondata attuale.

Tags:
covidindiasacerdoti
Top 10
See More