Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Cieca, deforme e santa: una ragazza di 700 anni fa canonizzata dal Papa

Santa Margarida de Città di Castello

Nheyob, CC BY-SA 4.0 | Wikimedia Commons

José Miguel Carrera - pubblicato il 28/04/21

Impatto cristiano sulla vita del prossimo

La bambina venne allora accolta da Grigia e Venturino, una coppia di genitori cristiani devoti che avevano già due figli e diedero alla bambina una piccola zona nella parte superiore della loro casa perché potesse pregare liberamente e compiere le sue pratiche penitenziali come digiuni, flagellazioni e cilicio. Margherita ricambiava offrendo un’educazione cristiana ai figli di Grigia e Venturino, oltre a dedicarsi alle opere di carità facendo visita a carcerati e malati.

In breve casi di guarigioni inspiegabili e altri fenomeni mistici iniziarono ad essere attribuiti all’intercessione della bambina, che frequentava tutti i giorni la chiesa della Carità dei Frati Predicatori e partecipava come laica all’Ordine della Penitenza di San Domenico.

Margherita conduceva una vita virtuosa di preghiera, Confessione e Comunione frequenti, meditazione costante del mistero dell’Incarnazioone, carità nei confronti di tutti e totale fiducia nella Provvidenza. Come portatrice di disabilità, trasformava il rifiuto e l’emarginazione che subiva in un’esperienza di amorevole conformità alla sofferenza di Cristo.

La giovane insegnava l’Ufficio della Vergine e il Salterio, catechizzava e formava cristianamente i figli e una nipote dei genitori adottivi, orientò una ragazza e sua madre nel discernimento della vocazione religiosa e cercò anche di riportare le suore di un convento alla perfetta osservanza.

Margherita morì lasciando una testimonianza di sforzo di imitare Gesù nella dedizione al prossimo in vista della salvezza eterna.

Vatican News sottolinea che la sua malattia non le impedì di vivere “una eccezionale maternità spirituale”, e che la nuova santa è “un forte richiamo di speranza per ogni situazione di emarginazione e sofferenza”.

  • 1
  • 2
Tags:
disabilitàsanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
2
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
3
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni