Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
San Pantaleone
home iconFor Her
line break icon

Bambini e rischio soffocamento: prevenzione e manovre salvavita

ALIMENTI BAMBINI

Di Onjira Leibe|Shutterstock

BenEssere - pubblicato il 28/04/21

Sono soprattutto gli alimenti tondi e “scivolosi” quelli a rischio. Ma niente panico: bastano poche pacche sulle spalle a risolvere il problema.

di Francesca Mascheroni,
in collaborazione con
dottor Marco Squicciarini medico istruttore di Rianimazione pediatrica, coordinatore delle attività di formazione Blsd (Basic life support-defibrillation) del ministero della Salute

In Italia, addirittura ogni 10 giorni muore un bambino al di sotto dei 5 anni per soffocamento da cibo.

«Eventi tragici che potrebbero essere evitati facilmente se fosse messa in atto un’adeguata prevenzione primaria (cioè tutte quelle misure che permettono di evitare gli episodi di soffocamento da corpo estraneo) e secondaria (ovvero la conoscenza consapevole di come intervenire qualora se ne presenti la necessità)», afferma il dottor Marco Squicciarini.

«Purtroppo, spesso la percezione pubblica di questo problema è bassa. Parlando di alimentazione infantile, ci si concentra prevalentemente sulla qualità del cibo, mentre l’aspetto della sicurezza globale dell’alimentazione viene sottovalutato.

Per fortuna oggi qualcosa si sta muovendo e in diverse Regioni italiane sono state deliberate leggi regionali che impongono un’adeguata formazione di coloro che operano nel mondo dell’infanzia (educatori, insegnanti, addetti delle mense scolastiche…), in attesa di una legge nazionale che possa portare il rischio da soffocamento da cibo a percentuali pari quasi allo zero».

Gli alimenti più pericolosi

«In linea generale, costituiscono un rischio gli alimenti troppo piccoli (come le arachidi) o troppo grandi (grossi pezzi di carne, frutta, verdura cruda)», spiega l’esperto. «Va prestata particolare attenzione agli alimenti molli e scivolosi dalla forma tonda, come l’uva o le ciliegie, o cilindrica, come i würstel (che, tra l’altro, bisognerebbe somministrare con molta cautela ai bambini, dato il loro profilo nutrizionale).

Anche alcune modalità di cottura possono rendere più pericolosi gli alimenti, basti pensare all’abbinamento gnocchi e mozzarella che con il calore può generare un effetto colla estremamente rischioso».
Questo non significa che tutti questi alimenti non possano essere offerti al
bambino: basta prepararli in maniera da renderli sicuri.

«Va assolutamente evitato, per esempio, il taglio a rondelle. Il würstel va tagliato in 4 parti nel senso della lunghezza e poi in pezzettini più piccoli, così come in 4 parti vanno tagliati i pomodorini, le olive, gli acini d’uva o le ciliegie (che vanno private del nocciolo)».

Le Linee di indirizzo del ministero della Salute sconsigliano invece fortemente fino all’età di 4-5 anni il consumo della frutta a guscio (in particolare le arachidi), di caramelle dure e gommose, le gelatine, le gomme da masticare, i pop corn, le sfoglie di patatine fritte croccanti e snack simili».

I segnali da notare

Sono 5 i segni per riconoscereche un bambino sta soffocando

1 Incapacità di parlare

2 Difficoltà di respirazione o respirazione rumorosa

3- Incapacità di effettuare la tosse con forza

4-Pelle, labbra e unghie che diventano di colore blu scuro

5-Perdita di coscienza

Che cosa fare nell’emergenza

Come comportarsi se il bambino è in pericolo? Per i più grandicelli, così come per gli adulti, si procede con la cosiddetta manovra di Heimlich:

«Ponendosi alle spalle del bambino, si fanno passare le braccia sotto le sue, cingendolo all’addome. Quindi, con la mano destra si forma una “C” che colleghi sterno e ombelico e, con l’altra, a pugno, si comprime all’interno di questa zona, con movimenti dal basso
verso l’alto, simili a quelli che si fanno con un cucchiaio», spiega l’esperto.
«In questo modo, la pressione toracica aumenta e il corpo estraneo viene espulso. Se il bambino è al di sotto dell’anno di età, stando seduti o in ginocchio, lo si posiziona sull’avambraccio, a sua volta appoggiato alla coscia dello stesso lato per una maggiore
stabilità, e con l’altra mano gli si danno delle pacche decise tra le scapole»,
illustra il dottor Squicciarini.

«In genere, dopo tre o quattro pacche il corpo estraneo viene smosso e il piccolo comincia a tossire. Se non succede, lo si gira a pancia in su sull’altro avambraccio e gli si fanno 5 compressioni toraciche all’altezza del diaframma. Si alternano queste manovre fino a disostruzione avvenuta».

Per saperne di più

Sul sito zeroquattro.org è scaricabile gratuitamente l’e-book del libro Zeroquattro ideato dal dottor Squicciarini, che fornisce preziose informazioni su manipolazione, taglio e somministrazione degli alimenti pericolosi per i bambini da 0 a 4 anni.

Un errore da evitare

Una cosa da non fare quando il bambino dà segni di soffocamento per cibo è cercare
di mettergli le dita in bocca per aiutarlo a espellere il boccone: «Questo tentativo “alla cieca” rischia solo di peggiorare la situazione», sottolinea il dottor Squicciarini. «Le cose da fare, oltre a chiamare immediatamente i soccorsi, sono incoraggiare il bambino a tossire e, in presenza di segni di soffocamento, praticare le manovre di disostruzione».

Agire subito!


La velocità è importante: se un bimbo soffoca, vanno chiamati i soccorsi e, intanto, bisogna provare a rianimarlo con le giuste tecniche.

QUI IL LINK PER ABBONARSI ALLA RIVISTA BENESSERE

Tags:
bambinisicurezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni