Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconSpiritualità
line break icon

I gesti di san Benildo Romancon quando “vedeva” gli angeli in chiesa

san benildo e gli angeli

Public Domain

San Benildo.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 24/04/21

Salutava e chinava il capo verso gli “angeli dell’adorazione perpetua”. Con loro aveva un rapporto speciale, come se fossero presenti in quel luogo

“Parlava” in pubblico con gli angeli, il santo fratello delle Scuole Cristiane, san Benildo Romacon, che morì il 13 agosto 1862 a Sauges (Francia). Al suo funerale la chiesa era stipata e dal momento dell’interramento la sua tomba divenne una meta di pellegrinaggio. 

Il 23 novembre 1899 a Le Puy si iniziò il processo di beatificazione, che avvenne il 4 aprile 1948 ad opera di Pio XII.Fu canonizzato da Paolo VI il 29 ottobre 1967

Invocare il proprio angelo: una pratica che ci fa sentire protetti.
Questo santo ebbe un rapporto “dialogico” con i messaggeri celesti.

Divine perfezioni

Gli angeli avevano nel cuore e nella vita di san Benildo Romacon una parte considerevole di predilezione. Ed erano le luminose idee della sana e tradizionale teologia che muovevano qui pure la sua pietà. 

Con i grandi maestri della vita spirituale iniziando dal suo fondatore san Giovanni Battista de La Salle, egli venerava nelle gerarchie angeliche la pura espressione delle divine perfezioni.  

Sentiva vicino san Michele arcangelo

San Benildo Romacon vedeva negli angeli la divina ricchezza dello Spirito di Gesù Cristo e la lode eterna di Dio. In un suo trattenimento letterario sull’arcangelo san Michele, egli esprimeva questi accenti di entusiasmo: 

“Come sono felice di rappresentarmi questo grande Arcangelo, pieno di fuoco per il servizio di Dio e di carità per gli angeli suoi fratelli, in lotta vittoriosa contro la ribellione di Lucifero!”. 

“Il suo grido supremo – chi come Dio? – sarà in eterno la sua gloria, il terrore dei demoni e la fiducia dei veri servi di Dio…”. 

“Egli onora delle sue visite e della sua protezione la nostra patria. Ma specialmente alimenta la mia speranza il pensiero che egli è presente con la sua forza invincibile a tutti i combattimenti della gloria di Dio e della nostra salute”. 

ARCHANGEL MICHAEL

L’angelo custode di san Benildo

Nell’abitudine della preghiera continua, egli invocava spesso gli angeli dei suoi Fratelli delle Scuole Cristiane e dei suoi allievi, raccomandando a essi le loro anime e la loro salute eterna. Parlava al suo angelo custode come se realmente lo vedesse e lo udisse. Usava non salutare alcuno senza aver prima riverito il suo angelo invisibile. 

“Amano molto le anime a essi affidate”

San Benildo Romacon confessava che molte volte aveva vinto le difficoltà e le resistenze incontrate nei suoi Fratelli e negli allievi ricorrendo direttamente ai loro angeli. “Infatti, diceva, gli angeli custodi amano molto le anime a essi affidate, e usano presso Dio tutto il loro credito in favore di quelli che Egli ha commesso alla loro pietà”.  

“Angeli dell’adorazione perpetua”

Vari testimoni ci informano poi che fratel Benildo usava non entrare mai né uscire da una casa senza salutarne i suoi angeli. Entrando in chiesa, dopo aver reso omaggio a Gesù nel tabernacolo e alla sua santa Madre Maria, salutava quelli che egli soleva chiamare gli “angeli dell’adorazione perpetua”, e uscendone faceva a essi una speciale riverenza col capo. 

Così pure faceva a riguardo degli angeli della sua comunità religiosa. E uno dei suoi fratelli del suo istituto lasalliano che per anni gli visse affianco affermò, con alta ammirazione, che “la fede viva di cui era animato lo faceva vivere abitualmente nella società degli spiriti celesti, come viveva in quella degli uomini”.

Tags:
angeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni