Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconApprofondimenti
line break icon

Guida etica per vaccinarsi come cattolici

Daniel Schludi (Unsplash)

Brett Salkeld - pubblicato il 22/04/21

Cooperazione materiale remota con il male

Per cominciare, in base all’insegnamento cattolico c’è solo una categoria di cooperazione con il male sempre permissibile, e anche questa, nota come “cooperazione materiale remota con il male”, può essere giustificata solo per motivi proporzionati. Se suona molto tecnico, la saggezza popolare sintetizza la premessa di base dicendo che si tratta del “male minore”.

La cooperazione materiale remota con il male ha due caratteristiche di fondo. In primo luogo è materiale, ovvero l’agente che coopera non ha l’intenzione di compiere il male con cui sta cooperando. Posso votare per qualcuno che farà qualche male che non ho intenzione che si verifichi, o posso dare denaro a qualcuno, pagando il suo salario, comprando il suo prodotto o facendo l’elemosina, senza volere il male che compirà con quel denaro. Questa è la cooperazione materiale. Se però votassi per qualcuno che farà qualche male che io sostengo, o se do denaro a qualcuno con l’intenzione che lo spenda male, sarebbe una cooperazione formale, che non è mai permessa.

In secondo luogo, è remota. Tecnicamente, questo significa che la cooperazione non porta direttamente a perpetrare il male. Se lo facesse, sarebbe prossima. In questo caso i confini sono un po’ più confusi, e gli esperti di etica a volte non saranno d’accordo sul fatto che un certo atto di cooperazione sia remoto o prossimo, perché la cooperazione non è semplicemente remota o prossima, ma può essere più o meno remota (e quindi più o meno prossima). C’è ancora una linea dura nello spettro da tracciare, ma può richiedere un alto grado di esperienza sapere dove tracciarla in questo o quel caso difficile. Ciò non deve distrarci dal fatto che nella gran parte dei casi gli esperti di etica sono d’accordo sul fatto che un certo atto di cooperazione sia remoto o prossimo.

Il fatto che esistano una cooperazione remota e una prossima in una specie di spettro (anche se con una linea divisoria chiara nel mezzo) è di grande importanza. Significa che gli atti di cooperazione tecnicamente remoti, secondo la definizione, possono ancora essere più o meno remoti tra sé, e visto che la cooperazione materiale remota con il male non è necessariamente giustificata ma dev’essere giustificata da ragioni proporzionate, per quanto remota la cooperazione entra in gioco.

Più è remota, più bassa sarà l’asticella di ragioni proporzionate. La cooperazione meno remota, pur se giustificabile, ha bisogno di superare un livello più alto.

L’insegnamento della Chiesa applicato ai vaccini Pfizer e Moderna

Questo ci porta ai primi due vaccini che hanno dimostrato di essere sicuri ed efficaci nelle prove della Fase 3, che sono stati approvati in un numero crescente di giurisdizioni e hanno iniziato ad essere distribuiti e somministrati, e il cui uso è considerato dalla stragrande maggioranza degli esperti cattolici di etica e dai vescovi giustificabile. Com’è stata effettuata questa valutazione?

Non è – come molti di coloro che rifiutano la posizione della Chiesa hanno affermato falsamente – che l’insegnamento della Chiesa permetta vaccini che usano “cellule fetali abortite” nei test ma non nella produzione. Questa affermazione fallace, fatta a volte in modo innocente e altre volte intenzionalmente, fa sì che l’insegnamento della Chiesa sembri arbitrario e inconsistente. Al di là del fatto che definizioni come “cellule fetali abortite” sono ingannevoli (un punto su cui torneremo), si deve dire che, secondo l’insegnamento della Chiesa, entrambi i tipi di vaccino costituiscono una cooperazione materiale remota con il male.

Ciò vuol dire che l’uso di qualsiasi tipo di vaccino potrebbe essere giustificato per ragioni proporzionate. Di fatto, la Nota della Congregazione per la Dottrina della Fede sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-Covid-19 non distingue neanche tra le due possibilità, dicendo semplicemente che “quando non sono disponibili vaccini contro il Covid-19 eticamente ineccepibili […] è moralmente accettabile utilizzare i vaccini anti-Covid-19 che hanno usato linee cellulari provenienti da feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione” (§2).

Bisogna però fare una distinzione, perché il punto più sottolineato non è che i test vadano bene e la produzione no, ma che i test sono una forma più remota di cooperazione con il male rispetto alla produzione. I test abbassano l’asticella in termini di ragioni proporzionate necessarie per giustificare l’uso, ma, come emerge chiaramente dalla risposta della Congregazione per la Dottrina della Fede, una pandemia mondiale che ha ucciso più di tre milioni di persone e ha contagiato decine di milioni di individui, alcuni con conseguenze gravi, giustifica anche l’uso di vaccini che hanno fatto ricorso nella produzione a linee cellulari derivate da tessuto fetale.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
Tags:
cattolicicovidvaccini

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni